venerdì 31 gennaio 2014

Cape York Sailing Expedition, con una barca in una borsa

Visualizza Cape York Sailing Expedition in una mappa di dimensioni maggiori 

Tra l'agosto e il settembre del 2009 sei avventurieri hanno trascorso assieme una grande avventura navigando per circa 900 chilometri con un catamarano gonfiabile e due kayak attraverso la Grande Barriera Corallina nel Far North Queensland, in Australia.

La cartina l'ho realizzata io con l'intento di partire quanto prima e fare lo stesso percorso, pieno di entusiasmo e ammirazione, ma arrivato ad un certo punto del racconto, che potete leggere su Adventurepro, si cita testualmente:

"Fortunatamente i coccodrilli ci hanno lasciati in pace, anche se la loro presenza su alcune delle spiagge sottostanti le nostre piccole tende di tanto in tanto era evidente. Allo stesso modo, non abbiamo avuto problemi con gli squali, o con coralli taglienti e i gusci d'ostrica, anche se abbiamo mantenuto una stretta sorveglianza quando navigavamo in acque poco profonde, e quando nuotavamo."

Aaaaaaarghhhh! Me l'ha raccontato mio fratello Giovanni cosa facevano i coccodrilli nello Zimbabwe, ti prendevano tra i denti e ti lasciavano frollare vivo e vegeto nella loro tana per poi mangiarti con tutta calma. Conoscendo Elena non credo proprio che potremo mai fare un'avventura del genere, però è davvero bello leggerla ed osservare la felicità nei volti dei partecipanti.

IL VIDEO
Ma la caratteristica di questo viaggio, oltre la meraviglia selvaggia dei luoghi che i nostri eroi hanno attraversato, è che, memori di un'altra spedizione effettuata nel 2005, hanno voluto utilizzare imbarcazioni che si potessero trasportare in quei luoghi con poca spesa senza dover noleggiare un costoso container. Per questo motivo hanno scelto "la barca in una borsa", cioè due kayak gonfiabili più un catamarano gonfiabile di 18 piedi autocostruito come "barca d'appoggio".

Due membri della spedizione hanno condotto un'intensa attività preliminare di ricerca su possibili soluzioni di design e materiali per la scelta della "nave madre", un catamarano di 18 piedi che doveva essere contenuta in alcuni sacchetti portatili per un trasporto a basso costo.
Le ulteriori specifiche erano che la barca dovesse essere il più leggera possibile, doveva essere in grado di portare (se necessario) tutti i sei membri della spedizione, più tutti i loro attrezzi, cibo e acqua, e che doveva essere anche in grado di navigare di bolina, nel caso di un eventuale salvataggio dei kayak. 
Inizialmente era previsto che le barche sarebbero state trasportate come bagaglio per via aerea, ma fatti tutti i conti il noleggio di un furgone attrezzato è risultato più economico.
In soli sei mesi abbiamo progettato, costruito e collaudato il catamarano. I due scafi sono stati fabbricati a Sydney, 5.7 metri di lunghezza per 0,6 m metri di diametro, il materiale Hypalon che si assottiglia a prua e smussato a poppa. 

Non procedo oltre sulla descrizione tecnica di come hanno realizzato il catamarano, ne abbiamo parlato a lungo in altri post e comunque con il traduttore automatico si riesce  a percepirne le caratteristiche.

Il viaggio è stato una favola! A differenza dell'esperienza del 2005, il tempo è stato generalmente mite, la forza del vento ideale, tra i 15 e i 20 nodi, con altezza massima dell'onda confortevoli 2-3 metri. 

Sui confortevoli 2-3 metri d'onda in due kayak e un catamarano gonfiabile avrei qualcosina da obiettare, però è tutto soggettivo sul "confortevole".

I nostri luoghi di sosta durante la notte hanno compreso una meravigliosa varietà di isole e barriere coralline disabitate, intervallati da spiagge isolate del continente.
Il percorso giornaliero medio è stato di 20-30 miglia nautiche (37-56 km), con la navigazione anche in alto mare riuscendo ad essere molto precisi, con l'aiuto delle eccellenti mappe, la bussola e il GPS che ci guidava. 
Il vento predominate proveniva da est, ben più pronunciato di quanto ci aspettassimo, e i kayakers spesso si sono attaccati al catamarano (o sono saliti a bordo per il pranzo) quando la direzione del vento era inadatto per le vele del kite.

L'approvvigionamento di acqua potabile non è stato un problema, con la presenza di alcune ottime sorgenti che ci hanno permesso di riempire le nostre taniche da 10 litri. Allo stesso modo, le nostre razioni di cibo disidratato sono state integrate con ostriche freschissime, tonno, sgombro e carangidi, che abbiamo cotto alla brace nel nostro falò serale sulla spiaggia.

Ometto di ripetere la storiella dei coccodrilli e degli squali.

La fauna e il panorama erano mozzafiato, con un gran numero di tartarughe e una varietà di pesci e uccelli infinita, il dugongo e pesci volanti in fuga dai predatori subacquei. 
Per la gran parte del viaggio abbiamo avuto vicino la Grande Barriera Corallina, le sue isole e le spiagge. 
Abbiamo vissuto momenti esaltanti quando ci siamo incontrati con anime affini, come quando abbiamo trascorso un giorno e una notte scambiandoci opinioni e racconti con Dave Glasheen, sulla sua isola, dove Dave fa la migliore birra ghiacciata in tutto il mondo, oppure dove un piccolo equipaggio di un peschereccio si è unito a noi per scambiare indumenti e per cucinare i migliori gamberoni alla griglia che abbia mai assaggiato, e poi Norm e Dawn che, a bordo della loro imbarcazione, ci hanno invitato una sera per una festa di compleanno e dove abbiamo trascorso una notte all'insegna del rum e Coca-Cola, chitarre , armonica e canto popolare sotto le stelle e una luna piena.

La nostra barca ha fatto ritorno a Sydney senza un graffio ed ora è in attesa di un nuovo armatore.

L'autore del racconto è Alan Barlee, che è appassionato da sempre di avventura all'aria aperta, tra cui l'escursionismo, l'esplorazione, il rafting e il deltaplano. Il figlio di Alan, Brett, è un esperto leader di avventura e canottaggio. Padre e figlio hanno condiviso escursioni nel fiume Franklin e sul Durack nel Kimberley orientale, così come i viaggi off-shore a vela nel Far North Queensland. 
Gli altri membri dell'equipaggio erano un bambino e la compagna di Brett, Michelle Clark, un amico, Kevin Songberg, che è anche un esperto canoista, Phil Sharples, che è stato il progettista ed il realizzatore della barca, e Alicia Ellul, la compagna di Phil. 

Qualsiasi persona che fosse interessata a diventare il prossimo comproprietario del catamarano, al fine di intraprendere una simile avventura, è pregato di contattare Alan, che sarà lieto di predisporre assieme i dettagli di un nuovo progetto di navigazione.

Avrei voluto mettere almeno una foto, ma essendo Adventurepro una rivista ed avendo dichiarato espressamente il copyright ho preferito non permettermi.

(Maldestramente tradotto ed interpretato da me medesimo da: Adventurepro)

E non dimenticatevi che c'è Tic Toc che vi aspetta



giovedì 30 gennaio 2014

Eco avventura in bici e catyak, una combinazione inarrestabile

Gary, dal Blog di SeaEagle
Credo di aver già parlato di Gary ed aver messo da qualche parte questa sua foto con la bici e il Paddleski Seaeagle a rimorchio, tratta dal Blog di SeaEagle.
Volevo puntualizzare sulle dimensioni del treno di questo catyak a vela più la bicicletta e poi in navigazione, capace di trasportare due persone oppure moltissimo materiale.

Dal sito SeaEagle
Gary Muir attualmente gestisce la sua società di ecoturismo, la WOW Wilderness EcoCruises, nell'Australia Occidentale.  Nel 2002 è stato riconosciuto tra le migliori EcoGuide del suo paese. Ha lavorato come responsabile ambientale per 12 anni specializzandosi nella conservazione della natura e nella pianificazione del turismo ricreativo. Ha tenuto il record mondiale del 1000 km Bibbulmun Track per la raccolta di fondi destinati a un progetto sulla biodiversità  di un invertebrato e la ricerca di modalità per la gestione del fuoco nell'ambiente. Gary continua a unire i suoi eco-progetti e avventure all'aria aperta in tutto il mondo con il suo team internazionale di amici.



Gary trasporta la sua bici pieghevole, il trolley e tutti i bagagli sopra il suo Paddleski. "Il Lago di Åsnen è il nostro lago preferito nella provincia di Smaland in Svezia, pieno di trote, persici e lucci per effettuare un tipo di pesca sostenibile, ci sono grandi piste ciclabili realizzate per esplorare i corsi d'acqua selvaggi e panoramici ed infine per attraversarli con il katyak. Abbiamo utilizzato una copertura BBQ per proteggere le biciclette e i bagagli."

Ulteriori considerazioni sulle scelte di Gary le potrete trovare nel Blog di SeaEagle.




Велотрейлет катамаран, è freddo si torna a casa in bicicletta



Questo bel catamaranino gonfiabile che si porta con la bicicletta si chiama ALPHA3 della Solarisboat, ne avevamo già parlato nel post "Катамаран парусный надувной Альфа 3, 12.000 rph". A me piace molto perché è pratico, leggero, poco ingombrante, molto bellino e comodo, nonché poco costoso.
Eccovi il filmato della chiusura della stagione 2013.


mercoledì 29 gennaio 2014


Una piccola deriva gonfiabile di nome Oscar

Da VoilesNews/ Boatdesign
Il 4 aprile 2003 la rivista francese online Voilesnews annunciava la nascita di OSCAR, una nuova deriva per persone a mobilità ridotta.
Purtroppo non se n'è saputo più nulla, però nel web ho trovato qualche bella ed interessante immagine.
Oscar in navigazione, dal sito Boatdesign
In un sito russo ho trovato anche un'immagine prototipale.

Dal forum.katera


Corky, come convertire una ciambella in una barca a vela

Dal progetto del Corky
Il progetto del Corky è abbastanza conosciuto, si trova in quasi tutti i siti web dove si parla piani di costruzione gratuiti. Ha la caratteristica di essere una barca a vela per bambini che si può realizzare con pochissimi soldi od utilizzando materiali di riciclo senza spendere nulla, come un copertone di un auto, qualche asse di legno, pali per tende e manici di scopa, ed infine della stoffa per fare la vela.
Come variante, per chi si volesse sbizzarrire nella sua costruzione, adattando la lunghezza dell'assicella centrale di può pensare di inserirci anche un piccolo canotto per offrire una maggiore comodità al navigante, oppure un bel salvagente anulare colorato al posto di un grigio copertone. L'aspetto interessante di questo progetto, infatti, è la possibilità di inserire qualsiasi tipo di galleggiante all'interno della struttura in legno, gonfiabile ma anche in polistirolo dandole la forma desiderata.
Il Corky è stato ideato da David M. Swartwout, il suo progetto pubblicato su Boat Builder's Annual del 1950.

La vista "esplosa" del Corky
Il Corky è un "Pint-Sized Sailer", per il motivo che vi ho spiegato sopra, in più non  ci sarà bisogno di preoccuparsi se vostro figlio decide di giocare a Robinson Crusoe in questa barca a vela, lei non può affondare.
Infatti il Corky è una barca a vela inaffondabile per ragazzi che può essere costruita con facilità in una o due serate nella vostra cantina. Anche la mamma potrà essere d'aiuto perché mentre voi realizzerete le parti in legno lei potrà cucire la vela.

Le dimensioni del Corky
In figura si vedono abbastanza chiaramente le dimensioni che possono essere facilmente convertite in millimetri. Si raccomanda di fare attenzione a non forare l'asse centrale su cui dovrà appoggiare l'albero ma di forare solo la parte superiore che fungerà da cassa. Le viti utilizzate dovranno essere in ottone e per fissare la ciambella al supporto di legno possono essere riciclate due vecchie cinture. Per albero può essere utilizzato un palo per le tende, con relativi anelli per tirarla su, e per barra del timone un manico di scopa.
La barra e la pala del timone del Corky
 E' consigliabile dotare il Corky di un remo, in caso ci si trovasse senza vento al largo.

Lista dei materiali utilizzati per costruire il Corky
In rete si trovano le foto di alcune realizzazioni, sicuramente le più pregevoli sono nel sito Instructables e in quello di Mario, dove sono mostrati diversi dettagli costruttivi. 

Corky in produzione di serie, dal sito Instructables
Nel sito di Mario, Mywinterproject si consiglia l'utilizzo di camere d'aria rinforzate per neve e torrenti, del tipo TUBE PRO.

La camera d'aria con copertina è anche più bella da vedere, da TUBE PRO
Mi sembra un gioco divertente da proporre ai propri ragazzi.

Il bellissimo Corky di Mario


martedì 28 gennaio 2014

Nove giorni in una vasca lungo la costa adriatica



La vasca è il Portland Pudgy di cui abbiamo già parlato, lui è Igor, del quale abbiamo già ammirato le avventure su Project Scandinavia 2012
Oggi lo vediamo navigare per circa 200 miglia lungo quasi tutte le coste della Croazia in una barca di 2.3 metri. Per percorrere la distanza gli ci sono voluti solo 9 giorni. Spettacolare!

Via: Alive.si


Mirage Adventure Island usato, da Bolsena Yachting

Hobie Mirage Sdventure Island su Bolsena Yachting
Non ho mai nascosto che l'Hobie Mirage Adventure Island mi piace molto, più di tutti di questo colore. Ce n'è uno in vendita da Bolsena Yachting al prezzo di 2900 €. Bello!
Vi ricordo le sue caratteristiche tecniche:
Persone trasportabili: 1
Lunghezza: 16' / 4.88 m
Larghezza max: 9' 4" / 2.84 m
Larghezza min: 42" / 1.06 m
Capacità: 350 lbs / 159 kg
Peso equipaggiata: 86.5 lbs / 39.24 kg
Peso completamente equipaggiata: 115 lbs / 52.16 kg
Lunghezza albero: 15' 2" / 4.62 m
Sup. velica: 57.5 sq ft / 5.34 sq m

Quello nel video non è quello in vendita perché siamo in Thailandia ma dovrebbe essere all'incirca uguale



Barchette di carta: la gru "Elefante"

Il primo modello a mano della gru "Elefante", dal sito Low-Tech Magazine
Non avrei mai pensato che in questa sezione di barchette di carta vi avrei potuto proporre un modello di una gru per il varo ed alaggio delle barche.

Questo modello di carta della vecchia gru Fairbairn nel porto di Visby è stato concepito nel 2012 come regalo di Natale agli amici modellisti di carta in tutto il mondo dal sito Bildrum.se
L'"Elefanten" (The Elefant), ovvero la gru del porto di Visby, venne concepita sul progetto di William Fairbairns, con brevetto del 1850, inizialmente alimentata a mano per il sollevamento di carichi pesanti. Probabilmente fu effettivamente installata a Visby intorno al 1900. E' stata successivamente elettrificata nel 1921 e nel 1931 vi sono stati aggiunti i vani per il motore e il manovratore. La gru è ancora in uso.
Il modello è approssimativamente in scala 1:100 ma per facilitarne la realizzazione può essere ingrandito fino a 1:250. E' consigliabile scaricare il modello in formato pdf dal sito Bildrum.se e salvarlo nel proprio PC. E' permesso scaricare il file solo per uso personale e non commerciale . 
È possibile collegarsi al sito, ma non è permesso di presentare qualsiasi degli altri modelli BILDRUMs scaricabili da un sito web o qualunque  altro supporto. 
(Maldestramente tradotto ed interpretato da me medesimo, dal sito Bildrum.se).


La gru "Elefanten", ancora in uso nel porto di Visby, dal sito Bildrum.se

lunedì 27 gennaio 2014

Boat Trailer Is Built From Kit

Da Popular Mechanics di giugno 1959
Solo tre mesi dopo la mia nascita, su Popular Mechanics di giugno 1959, uscì questo trafiletto in cui si comunicava che una società della Florida era in procinto di commercializzare un carrello per barche in kit, completo di componenti verniciati comprendenti il verricello e l'occhione di prua.
Il kit veniva offerto in sei differenti modelli dimensionati per trasportare imbarcazioni che andavano dai 12 piedi e 136 kg (300 pounds) di peso fino a 18 piedi e 771 kg (1700 pounds) di peso.
Quattro modelli di questi sei avevano il pianale basculante per facilitare il varo e l'alaggio della barca. Assieme alle parti, dal costruttore venivano fornite dettagliate istruzioni per il montaggio fino a che il rimorchio non sarebbe stato pronto per viaggiare "ready to travel trailer".
Come potete vedere dalla figura è interessante il timone sui cui scorre completamente il basculante, non avevo mai visto una cosa del genere.

Effettivamente intorno al 1959 accaddero avvenimenti straordinari, quelli che nacquero anche solo qualche anno prima erano fin troppo simili ai nostri genitori, seriosi e distaccati, quelli nati anche solo qualche anno dopo, dei poveri pivelli.


Maxus Solo Around, giro in solitario attorno al mondo con un 22 piedi

Dal sito Zewoceanu
Di loro avevamo parlato nel post "Il mondo dopo i soldi", del loro attraversamento andata e ritorno dell'Oceano Atlantico con una barchina di sei metri in legno autocostruita di nome Zewoceanu, come il loro sito web.
Questa volta sarà solo Simon a partire con il nuovissimo Maxus 22 del Cantiere Northman, un piccolo yacht di 6.38 metri di lunghezza. Nel blog avevamo parlato di questa bella barca nel post Nowość 2013: Maxus 22, successivamente alla segnalazione del distributore in Italia.
Il tragitto, come si vede in figura, prevede la partenza dalle Canarie nell'autunno del 2014 per dirigersi verso i Caraibi, Panama, il Pacifico, lo Stretto di Torres, Capo Nord per arrivare di nuovo alle Canarie.
Davvero bello ed interessante, non mancheremo di seguire l'avventura di Simon.

Maxus 22, una gran bella barca.


domenica 26 gennaio 2014

Kayak della serie Rotomer



Decisamente belli ed interessanti questi kayak, trikayak e catyak della serie Rotomer, si va dall'Opticat Scrambler, un catamarano con rig velico composto da due kayak per arrivare alle varie versioni di trikayak, chiamati Triak. Quello nel video è il Triak XL, nel sito potete trovare anche il LISTINO PREZZI.

Il Triak 10
Il concetto del TRIAK è quello dello scafo ibrido che ci piace tanto, una barca che può essere utilizzata in diversi modi, in diversi tipi di ambienti acquatici, a remi, a vela o a motore. Tutti facilmente trasportabili sul tetto dell'auto, sono facili e veloci da montare ma soprattutto sono stabili anche con venti sostenuti. Infine sono divertenti.
Le misure vanno dai 2.90 metri del TRIAK 10 fino ai 4.10 metri del Triak XL, i prezzi con armo velico dovrebbero andare dai 2500 ai 5000 €.




sabato 25 gennaio 2014


venerdì 24 gennaio 2014

Boot 2014 : Meri Crash il turafalle, barche nuove e molto altro



Rimanendo in tema di barche che affondano la bella Katarina, dal Boot 2014, ci spiega come turare le falle in barca, mi sembra con il metodo tradizionale: un bel tappo di plastica con un'assicella messa per traverso. Devo essere sincero, quei tappi di plastica di varie dimensioni che avevo in dotazione al First 24 sono stati per me un vero e proprio tormento, in questo caso è "tutti in uno" ma il terrore di doversi trovare nella condizione di utilizzarlo non cambia. Certo, almeno non c' la preoccupazione di andare a misurare il diametro del buco.
Scorrendo in avanti con il video, al minuto 6.30 circa, si vede un bel 24 piedi di fabbricazione polacca, l'Hornet 24, però a noi che amiamo i piccoli credo che interessi di più il nuovissimo Hornet 21, appena uscito dal progetto.
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 6.39 m
Larghezza: 2.51 m
Pescaggio: 0.29 - 1.30 m
Altezza in cabina: 1.62 m
Peso: 1250 kg
Sup. velica: 21 mq
Prezzo: ancora non disponibile

Hornet 21, dal sito Yacht Hornet


mercoledì 22 gennaio 2014

La barca di polistirolo

La barca di polistirolo, dal sito svoimi-rukami
Certamente più leggera ed economica di una barca costruita tutta in legno o vetroresina, questa barca in polistirolo presentataci nel sito svoimi-rukami è sicuramente interessante. Credo che varrebbe la pena di effettuare alcuni esercizi di stile anche con qualcosa di più elaborato, giusto per vedere come viene.


martedì 21 gennaio 2014

Toyboat 240 dinghy, il pico - cruiser

Toyboat 240 dinghy, dal FORUM.KATERA
Nel Forum.Katera potete trovare un'interessante trattazione su questo pico - cruiser da crociera che trae le sue origini dal Tinkerbelle II di cui abbiamo già parlato. Da leggere anche l'ulteriore approfondimento che viene esteso a possibili varianti.
Ad un certo punto qualcuno a chiesto se in una barca del genere ci si può dormire, ebbene sì, queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 2.4 m
Larghezza: 1.2 m
Peso a vuoto: 55 kg
Altezza in cabina: 0.85 m
Pescaggio: 0.15 - 0.80 m
Sup. velica: 5.5 mq
Capacità: 2 persone (150 kg)
E' semplicemente fantastica, come tutto il suo equipaggio, incluso quel bellissimo schnauzer! E' la "Smart" delle barche, che come vedete si ormeggia per lungo nello spazio minimo che occupa una barca in larghezza.

Toyboat 240 dinghy, dal FORUM.KATERA
E 'è anche un bel video.



lunedì 20 gennaio 2014


Boot 2014: mit "boot aktuell" vor der Eröffnung auf der Wassersport



In questo video effettuato prima dell'apertura ufficiale del Boot 2014 di Dusseldorf, la bella Katharina Knoll ci introduce al "mondo dell'avventura", quello delle canoe, dei piccoli catamarani e delle tavole con rig velico. In particolare l'Aquaglide Multisport e i prodotti Klepper, tra cui l'ibrido multifunzionale Backyak che appare veramente bello.


domenica 19 gennaio 2014


Kayak e trekking a Syamozero Shuya nel 1990



Un'interessante resoconto storico di "campeggio nautico" girato negli anni novanta a Syamozero Shuya in Russia, effettuato con le barche e le tende in uno zaino.
Quelli erano gli anni che hanno si sancito la fine del comunismo sovietico ma che credo non abbiano cambiato più di tanto la filosofia del trekking nautico ancora in uso in quelle latitudini. Le immense distanze e la possibilità di visitare più luoghi suggeriscono ancora l'uso di barche smontabili e gonfiabili come canoe e catamarani a vela anche per un uso più rispettoso dell'ambiente, contrariamente ai nostri gommoni a motore.
Nel video si vede uno che fotografa i funghi, come faceva mio suocero quando tornava dalla raccolta nei boschi del Casentino e nelle vallate della Valtiberina, credo le fotografie più inutili che siano state mai fatte al mondo e poi sparite completamente dalla circolazione.


venerdì 17 gennaio 2014

Nautica sociale e porti verdi: intervista a me stesso

Una simulazione di me in un'intervista su "The Perfect Holiday"

Qualche hanno fa il Responsabile di un importante Associazione per lo Sviluppo Regionale della Liguria a cui mi ero iscritto mi pregò di preparare gli argomenti per una possibile intervista in merito alle mie iniziative. 
Per paura di sbagliare preparai tutto, domande e risposte, ma poi la cosa non andò in porto per cambiamenti interni all'associazione stessa. 
Successivamente ebbi il sospetto di aver pestato i calli a qualche amministratore locale che, in maniera generica, avevo criticato. Non saprei ma i fatti degli ultimi anni hanno dimostrato che i nostri amministratori e la nostra cultura dell'amministrazione della cosa pubblica meritano molto più del "letame" dei parigini davanti ai loro uffici!
Così l'ho lasciata nel dimenticatoio per anni fino a che non l'ho ritrovata mentre facevo pulizia al PC.
Ve la ripropongo volentieri:

Cosa è un porto verde, è una tua idea originale o ha una storia e diffusione precedenti? 
Il porto verde o porto a secco come lo si voglia chiamare ha origine lontane, sicuramente proviene da quei paesi in cui grandi laghi ed enormi distanze hanno imposto la necessità di creare una cultura diversa della nautica che è quella carrellabile. Non entro nel dettaglio di questo argomento perché mi dilungherei troppo ma in paesi come la Nuova Zelanda, l’Australia, il Nord America, e il Nord Europa il porto a secco consistente in un parcheggio ed uno scivolo in acqua è una struttura abbastanza comune. Ma l’aspetto più importante è che la nautica carrellabile non riguarda un oggetto, ma è una cultura che significa gestire una barca piccola, da tenere in giardino e da trasportare ovunque si voglia andare con auto e carrello, ergo una nautica alla portata di tutti. Non si è inventato assolutamente niente parlando di porti verdi, il primo in Italia è stato il giornalista della rivista Nautica Franco Bechini, personalità poliedrica e sensibile agli aspetti sociali nonché alla necessità della riscoperta di una nautica vera e scevra dal consumismo. Conosciutissimo è anche il suo piccolo catamarano chiamato Solitudo, con il quale amava navigare isolandosi dal mondo. Purtroppo, per quanto apprezzata e rispettata, la voce di Franco Bechini è rimasta assolutamente inascoltata e in Italia si è proceduto alla costruzione di una nautica e, relativa portualità, fatta solo per i grandi yacht e per i ricchi. Le stesse amministrazioni di sinistra hanno guardato alla nautica come ad una forma di introito, una sorta di spugna per spremere facoltosi navigatori e non come un aspetto della cultura di ciascuno, di un turismo che potrebbe essere sostenibile, allargato, insomma alla portata di tutti. 

Quindi i porti verdi potrebbero essere uno strumento di diffusione e lo sviluppo di una nautica sociale? 
Certamente, come già detto in precedenza la nautica carrellabile si può fare con barche relativamente piccole, gommoni, derive o piccoli cabinati, tutti oggetti dal costo limitato ma che possono offrire lo stesso divertimento di uno yacht. Un grande navigatore, trovandosi con la sua piccola barca a fianco di mega yacht al largo di Tahiti, asserì che per quanto si volesse mostrare la differenza tra uomini a seconda delle dimensioni della barca che si possedeva alla fine si godeva tutti esattamente della stessa cosa cioè la bellezza del paesaggio di Tahiti, a prescindere dalla barca. 

Perché quindi la nautica deve essere solo alla portata di pochi? 
Un operaio, un impiegato, un insegnante non può passare le sue vacanze godendosi della sua barchetta? Perché si vogliono creare delle barriere sociali quando non ce ne sarebbe assolutamente bisogno? Quale è lo scopo ed il motivo di tutto questo? Penso che motivi ideologici reali non ce ne siano, ritengo invece che abbia prevalso l’interesse dei grossi gruppi industriali che ancor oggi pilotano le scelte di tutti, come è sempre accaduto in Italia e come accade in altri settori. La politica invece dovrebbe fare la sua parte destinando una fetta del mercato e della portualità alle piccole barche in modo che chiunque ne possa usufruire. Giustizia sociale significa anche gratificare tutte le classi lavoratrici, è importante e fondamentale che dopo il lavoro chiunque abbia la possibilità di svagarsi e divertirsi con qualsiasi mezzo che lo aggradi, che sia una moto, un paio di sci ma anche una piccola barca. E’ una forma di rispetto del lavoro a cui la politica dovrebbe pensare e a cui invece si pensa sempre meno. In questi ultimi decenni la forbice tra lavoro e svago è andata sempre di più allargandosi tanto che per svagarsi occorrono sempre più soldi, soprattutto per la nautica. Una volta non era così e anche questo, come il punto precedente, è solo ed esclusivamente un problema culturale. 

Hai parlato di turismo sostenibile, i porti verdi possono essere un’alternativa ai marina dal punto di vista dell’impatto ambientale? 
Certamente. Il marina ha un impatto ambientale enorme sulla costa, sul paesaggio, sul mare, sulla flora e sulla fauna acquatiche. Non mi posso dilungare sull’argomento ma è evidente quanto i porti vadano a modificare l’ambiente. Con questo non voglio dire che non si debbano costruire porti, certamente si, ma si può anche pensare di pianificare forme di portualità diverse e, dove gli aspetti ambientali sono più critici, perché non pensare a porti con basso impatto ambientale? Anche perché il rapporto è inversamente proporzionale: tanto più alto è il rischio ambientale, tanto più basso dovrebbe essere l’impatto ambientale del marina. Il porto verde è la soluzione: facciamo i grandi marina dove non sussistono grandi rischi, costruiamo porti verdi nelle aree critiche. Infatti, essendo il porto verde costituito essenzialmente da due componenti separate, parcheggio e scivolo con relative aree accessorie, queste possono essere messe anche a distanza l’una dall’altra. Il parcheggio infatti non è necessario che sia direttamente sulla costa, bensì riparato all’interno, magari posto a qualche centinaio di metri tra una folta vegetazione e prati. Necessita poi di una strada di collegamento allo scivolo in acqua e una piccola area di movimentazione dei mezzi. Occorrerà poi una diga foranea di protezione dai frangenti. Basta, e tutto ciò che si può aggiungere come servizi igienici, un piccolissimo pontile, area giochi per i bambini, etc. è solamente di contorno. 

Ci puoi spiegare meglio dal punto di vista progettuale in cosa consiste un porto verde? 
Come già accennato il porto verde consiste in un parcheggio, una strada di collegamento allo scivolo, un piazzale di manovra davanti allo scivolo, un doppio scivolo a mare, uno per il varo ed uno per l’alaggio con pendenze diverse, due pontili laterali allo scivolo per allontanamento/ avvicinamento barche ed infine una diga foranea per protezione dai frangenti. Potranno essere aggiunti eventuali servizi igienici, aree i lavaggio, etc. il tutto e per tutto come un’area di sosta camper. L’investimento ed l’impatto ambientale sono imparagonabili ad un marina. Si trova molto nella letteratura anglosassone in merito pertanto è inutile ed inopportuno dilungarsi. In questo caso gli aspetti, oltre che ambientali e culturali sono anche economici, un porto verde costa almeno dieci volte meno di un marina, a parità di posti barca. 

Parlando di economia, quale può essere l’impatto socio-economico di un porto verde nella realtà circostante? 
Enorme, contrariamente a quello di un marina. In un marina gli introiti riguardano principalmente i gestori ed, in minima parte, il demanio e qualche attività ristorativa e commerciale locale. In un porto verde sono coinvolti, oltre che i ristoranti e tutte le attività di commercio locali, anche gli alberghi, i residence, i campeggi, le pizzerie, le gelaterie, tutti insomma. Tutto il tessuto socio-economico che ruota attorno ad un porto verde è coinvolto perché chi si porta la barca dietro con l’auto ha bisogno di tutto, contrariamente ai proprietari dei grandi yacht che non hanno bisogno di niente. La ricchezza con un porto verde viene distribuita in ugual misura in tutto il tessuto socio-economico, in un marina statene pur certi, si arricchiscono in pochi. Il porto verde permette un discreto afflusso di turismo itinerante e a rotazione per tutto l’arco dell’anno o per lo meno, come minimo, per sei mesi all’anno. Inoltre la costruzione di un marina, tra l’altro, comporta investimenti enormi da parte del demanio che potranno essere ammortizzati in un periodo molto lungo depauperando il patrimonio pubblico, esattamente il contrario di quanto accade per il porto verde. Per concludere, quali potrebbero essere i vantaggi per l’economia turistica. Già l’abbiamo capito, anche in questo caso i vantaggi sono enormi. La nautica carrellabile crea un turn over continuo di persone per lunghi periodi e questo significa ricchezza e turismo per tutti. Pescatori, appassionati di vela, gommonautici, regatanti, windserfisti, tutto l’anno possono usufruire di un porto verde con poca spesa e con ogni cosa a disposizione. Su questo aspetto ci si potrebbe costruire un trattato di economia. 

Hai in cantiere anche un altro progetto, Vela & Bike, ne vuoi parlare, come ti è venuta questa idea? 
Questo caso però è diverso dal precedente, il porto verde. I porti verdi possono essere realizzati solo con il contributo delle amministrazioni locali, quindi l’azione non può essere altro che “politica”. Nel caso di vela & bike si possono trovare anche soluzioni imprenditoriali ma ci sono dei dettagli tecnici che devono essere verificati e preferirei approfondire l’argomento successivamente. Posso però dare qualche informazione. Cosa è vela è bike? Niente di particolare e anche questa idea non è mia. Cercando informazioni su piccole barche trasportabili mi sono imbattuto nel sito di una giovane coppia che ha girato la Turchia, ed altri paesi, portandosi a rimorchio la canoa con la bici. Essendo io un appassionato di vela ho subito pensato: ” e perché no vela e bici? ” e così è nata questa idea. Non è una cosa semplicissima ma allo stesso tempo possibilissima con barche e canoe, nonostante i limiti imposti da leggi talvolta insensate. L’unico limite è nel cervello delle persone, noi italiani siamo un popolo di provinciali e non sappiamo davvero cosa significhi il divertimento, la passione, la vacanza, la distrazione, lo sport … Basta osservare il mondo della nautica in fondo, o si imitano Soldini e/ o Onorato o non si è nessuno. Perché mi chiedo? Quale potrebbe essere lo sviluppo di vela e bike? Proporre soluzioni alternative di treni barca + trolley +bici, dai gonfiabili agli optimist per i ragazzi fino a dei veri e propri ”dinghy” che possano portare passeggero + barca + trolley (e tendina se si vuole) in modo che si percorrere e navigare itinerari lungo tutta la penisola. Potrebbe essere una iniziativa ed una nuova forma di turismo sostenibile fantastica. Il sistema può essere promosso attraverso il web, proponendo soluzioni, giovani imprenditori che vogliano fare il ”charter”, strutture di accoglienza ed itinerari 

Hai già preso contatti in riferimento alla Ciclabile del Ponente Ligure? 
Dietro tua sollecitazione, mi pare, credo di avergli mandato qualcosa per conoscenza ed il risultato è stato quello che mi attendevo: nessuna risposta quindi nessun interesse. Sicuramente sarebbe stato diverso se avessi parlato di soldi allora qualcuno si sarebbe mosso. Il contesto storico, sociale, politico ed economico ci ha portato a pensare ognuno a se stessi, al proprio stipendio ed al proprio ”posto”, piccolo o grande, in questa società, queste oggi sono le uniche cose che contano. Forse avrei dovuto trovare le persone ”giuste” ed essere più convincente, o forse avrei dovuto intraprendere altre iniziative, non so, probabilmente riuscissi a costruire il mio treno e mi facessi vedere sulla ciclabile molti mi imiterebbero e qualcuno comincerebbe a chiedersi se l’idea non è poi così male. Penso di poter approfondire la cosa in un futuro prossimo e spero di riparlarne presto con qualcosa di più concreto in mano. 

Perché sei su RG e che tipo di contributi ti aspetti di trovare per i tuoi progetti? 
Sono entrato in RG grazie al motore di ricerca, stavo cercando qualcuno o qualcosa che promuovesse idee ed iniziative personali ed ho trovato Voi. Non c’è nulla e da nessuna parte che faccia questa cosa, si promuovono solo aziende ed enti e ritengo che questa sia una grossa lacuna e mancanza nel ”circuito” del sostegno dei finanziamenti pubblici e comunitari. Non si crede affatto e per niente nella ”persona” se non quando dietro ci sono ”affari”. Ovviamente il contesto è comunque tra i migliori per ambedue i progetti, la Ciclabile del Ponente Ligure e la Vs. tradizione ”marinaresca” peri Porti Verdi, ma non solo, anche la vocazione sociale della Regione Liguria nota e consolidata fin da tempi immemorabili. Attualmente non mi aspetto particolari contributi, nulla piove giù dal cielo, ho solamente trovato un mezzo per condividere delle idee in cui credo e se queste sono valide sicuramente qualcuno raccoglierà i semi che ho piantato. Ritengo infine che i due progetti siano compatibili anche con la Vostra filosofia ”idee e progetti sostenibili”. Cosa c’è di più sostenibile della scelta di un trekking nautico in vela e bici e di un porto verde? Personalmente non sono alla ricerca né di affari né, tanto meno, ho interesse a diventare un imprenditore, mi piacerebbe solo vedere molta gente più felice in un contesto di divertimento sano all’insegna dello sport e della vacanza ecologica, semplice, libera e rispettosa di se stessi e dell’ambiente. Colgo l’occasione prima per ringraziarti per avermi dato questa opportunità ed aver accolto le mie idee e poi per complimentarmi sinceramente per la tua bella ed importante iniziativa.


giovedì 16 gennaio 2014


mercoledì 15 gennaio 2014

Mega Fahrradanhänger

Calm's Fahrradanhänger
Nel sito Calm's Fahrradanhänger si racconta l'avventura fotografica del viaggio di una deriva da 4.4 metri e 115 kg di peso trasportata per ben 85 km in bicicletta lungo le sponde del Danubio.
Avevamo visto una cosa del genere in un video e parlato nel post "trasportare il laser con la bici", ma qui si tratta di una barca ben più "importante".
Così, visto che qualche giorno fa abbiamo parlato del Trimobil, il triciclo da turismo ho provato a fare una simulazione di mega trasporti con la bici.
Hobie Advedture Island + Trimobil

Che ne dite? Si può fare!
Hobie Advedture Island + Troxy


Große Segelanlage von Triton für Faltboot Vuoksa, Ladoga, Varzuga

Armo velico per trikayak Triton in vendita su eBay
A me piace parecchio l'idea di avere una barca completamente trasportabile ovunque e con qualunque mezzo con un bell'armo velico come quello che si vede in figura. Il produttore è la Triton di cui abbiamo già parlato nel post "Catamarani, kayak e canoe Triton, leader nel mercato russo".
Questo armo velico con gli stabilizzatori viene venduto su eBay per 1100 €, senza dover andare fuori dall'Europa per ordinare kayak completo di armo velico e stabilizzatori ci si può rivolgere a "Willkommen im Faltbootzentrum - Europas größtes Faltbootsortiment" dove potrete trovare un grandissimo assortimento di kayak e canoe ripiegabili, se richiesto con dotazione di armo velico e/ o stabilizzatori. Per avere un trikayak a due posti di questo tipo completo di tutto penso che si possa spendere meno di 4000 €.
Di un altro dealer, ma solo di prodotti provenienti dall'est, ne avevamo parlato nel post Russische Faltbbote.




martedì 14 gennaio 2014

DEA TETI 6000 in vendita al Porto del Sole

DEA TETI 6000 in vendita su Subito
Ogni tanto qualcuno mi scrive per chiedermi un consiglio se acquistare questa o quella barca, sinceramente è molto difficile rispondere soprattutto perché non si sa mai con chi si parla, dove abita, con chi ci vuole andare, che disponibilità economiche intende destinare alla vela, il tempo a disposizione ed infine che esperienza ha.
Però, se facessi un gioco, mettessi tutte queste variabili in un barattolo e lo scuotessi credo la barca ideale che ne uscirebbe fuori potrebbe essere una come questa DEA TETI 6000 in vendita su Subito.it e ormeggiata al Porto del Sole di Tuoro sul Trasimeno, credo presso il nuovo ed interessante circolo velico presente, la Compagnia della Vela Venti del Trasimeno.  
Certo va vista bene, ma perché potrebbe attrarre questa barca: è spaziosa ma non troppo pesante da gestire, ha la deriva a scomparsa totale, è carrellabile, ha un bel pozzetto e una bella linea, le sue linee d'acqua sembrano garantire stabilità e solidità ed infine si compra con qualche migliaio di euro. C'è da aggiungere che da quel che mi risulta i Venti del Trasimeno hanno degli ottimi prezzi per l'ormeggio e una buona scuola di vela, altrimenti c'è sempre la darsena pubblica provinciale disponibile.
Fare la vela solo quando se ne a voglia e con poche risorse come facciamo noi credo che sia il modo migliore per farla e questo DEA TETI 6000 può essere una soluzione. Per l'ormeggio e la gestione/ uso annuale di questa barca al Trasimeno credo che non si superino i 1000 € all'anno, con oculatezza molto meno, come noi che ne spendiamo meno della metà.
Ho visto nell'annuncio che il proprietario accetta anche permute, insomma non male, specialmente per chi non ne può più di aprire il portafoglio per riempire il serbatoio del gommone.
Ho trovato altre foto di questa barca su questo profilo FACEBOOK, che attualmente, contrariamente a quanto si vede nella foto, sembra l'abbia ormeggiata alla darsena del Camping Punta Navaccia, però non ne sono certo poiché le segnalazioni di questo tipo che faccio nel blog sono personali,  gratuite e quando mi capita di vedere una barca che mi piace.
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 6,00 m
Larghezza: 2,40 m
Pescaggio: 0,25-1,10 m
Peso: 0,700 t
Sup. velica: 19mq
La barca in vendita, costruita negli anni ottanta, non è provvista di motore, ottima occasione per pensare di installarci un bel motorino elettrico.
Lo scivolo del Porto del Sole di Tuoro di cui avevamo già parlato è ora visibile su Street View, l'ho scoperto solo oggi.


Visualizza Le Terre del Trasimeno in una mappa di dimensioni maggiori


L'incredibile avventura di John Riding ed il suo "Sea Egg"

Preview di T3Media del video "Solo to New York?"
Nel 1968 John Riding pubblicò il libro "The Voyage of the Sea Egg", con la casa editrice Pelham Books, UK. L'autore aveva fatto un resoconto del suo avventuroso viaggio in solitario a bordo di un micro yacht di 12 piedi attraverso l'Atlantico, dalla Francia fino a New York.
Successivamente Riding scrisse il seguito, Sea Egg Again: From Atlantic to Pacific, che descriveva il suo progetto di circumnavigare il globo, proseguendo a sud, lungo la costa statunitense fino al Canale di Panama, poi nel Pacifico, prima di dirigersi a nord verso il Messico. Partendo da San Diego, ha effettuato la straordinaria traversata del Pacifico fino alla Nuova Zelanda, veleggiando in giro per il mondo. 
Molto poco si sa su quello che è successo all'intrepido marinaio e al suo piccolo yacht dopo aver navigato da Kawau Island, sulla costa NE di North Island in Nuova Zelanda, nel 1973. 
Ci si aspettava che concludesse la traversata del Mar di Tasmania che avrebbe richiesto circa 66 giorni di navigazione, ma Riding non è mai arrivato a Sydney, in Australia e, successivamente, venne ufficialmente dichiarato, "disperso in mare". Non è mai stata mai trovata alcuna traccia della sua barca. Forse l'ultima persona ad averlo visto è stato il 33enne velista britannico Michael Brien, che possedeva lo yacht, "Swirly World", e che aveva trainato il 'Sea Egg' da Auckland a Kawua. 
Le eccezionali doti marine del 'Sea Egg' erano state ben collaudate e la competenza del suo comandante era fuori discussione. Allora, cosa è successo? I possibili scenari sono: incendio a bordo; morte per fame o disidratazione di Riding a causa della eccessiva permanenza in mare dovuta a correnti contrarie e assenza di vento, disalberamento, barca affondata da un predatore, perdita del timone o una delle chiglie, affondamento intenzionale della barca e possibile suicidio a causa di squilibrio mentale, anche se questo è improbabile considerati i risultati conseguiti in passato da Riding.

Questo è quanto ho tradotto e maldestramente interpretato nel blog Bill's Log, altre informazioni, poche purtroppo, si trovano nel sito Microyachts in the Tasman, mentre il video in testa al post è stato segnalato da Smallcraftadvisor.
Come nel "Caso Bas Jan Ader e la fine dell'Ocean Wave" di cui abbiamo già parlato la storia di questi grandi navigatori si fonde con la leggenda e il mito, forse quello di Sisifo che venne punito dagli dei per averli sfidati. Sarebbe comunque interessante leggere i due libri di John Riding.

I due libri di John Riding in vendita su Amazon
Ed eccovi ancora Riding in navigazione in una foto presa da questo breve VIDEOCLIP, un mito per sempre e nell'eternità.
John Riding sul Sea Egg in navigazione, da un VIDEOCLIP e-footage


Due ragazze coraggiose e un "tronco" di nome Makeba

Video on VIMEO
Mary e Amy si sono messe in testa di circumnavigare il lago Michigan in un "dugout", una piroga a vela ricavata da un tronco come facevano anticamente gli indiani d'America. Ci sono voluti ben quattro anni per costruirla con le loro mani ma alla fine hanno realizzato il loro sogno: hanno percorso 1200 miglia intorno alle coste del lago navigando per ben 93 giorni.

Per seguire la loro avventura potete consultare il loro blog, Lakemichiganinadugout o su Facebook
Che altro dire, belle, brave e coraggiose, cosa si vuole più dalla vita!

Mary ed Amy sulla loro piroga a vela, foto tratta dal loro profilo FACEBOOK

lunedì 13 gennaio 2014

VELA Sailboat

Da una pubblicità di "Popular Science" del dicembre 1979
Per quanto qui da noi sembri che parlare di canotto a vela sia quasi una novità, o una invenzione eccentrica, questo non è stato assolutamente vero neanche negli Stati Uniti d'America. Infatti nel numero di Popular Science - dicembre 1979 un fantastico modello di questo tipo viene commercializzato con tanto di vela, rigging, derive, timone e tutti gli ammennicoli necessari, compresi il gonfiatore e i remi, al modico prezzo di liquidazione di 159 $.
Certo è che con una barchetta del genere non si potrà attraversare l'Atlantico, anche se su Dailymail si legge che qualcuno ci ha provato ed è stato ripescato con grande disappunto delle autorità locali, e forse neanche il Canale di Piombino, però può essere un mezzo estremamente divertente per andare a pesca e in giro nei golfi e nelle acque protette con la grande comodità perché può essere trasportata in una borsa e in bicicletta.
Queste sono le sue caratteristiche tecniche:
Lunghezza. 162 cm
Larghezza: 134 cm
Capacità: 181 kg
Sup. velica: 1.57 mq
4 camere d'aria separate, rigging in alluminio, chiglie e pala del timone in mogano, valvola di sicurezza.


Reverend E.L. Berthon: Costruttore di Barche Pieghevoli

Dal sito del Cantiere Berthon
La storia del Reverendo Edward Berthon è davvero eccentrica, forse ai limiti dell'incredibile. La BBC News, successivamente al ritrovamento di una barca pieghevole di sua invenzione, nel 2002 fece un trafiletto nelle sue testate che, come al solito, vi traduco, ed interpreto maldestramente. E' davvero interessante:

Un dinghy pieghevole inventato da un eccentrico vicario dopo un disastro occorso in navigazione nel 1849 è stato rinvenuto in Brodsworth Hall, vicino a Doncaster. La scialuppa di salvataggio portatile, realizzata in tela impermeabile tesa su legno incernierato della lunghezza di 14 piedi, è stata realizzata dal reverendo Edward Berthon. 
Il sig Benthon fu un inventore prolifico, detentore di ben 25 brevetti, riuscì ad attirare l'attenzione della Regina Vittoria dopo aver causato scalpore poiché trascurava i suoi doveri religiosi. La sua barca, la cui qualità è stata testata da eserciti di formiche e termiti sciolte sul tessuto, era stata dimenticata da decenni tra le "cose" di famiglia in un magazzino. 
Un archetipo eccentrico:
Virginia Lloyd, una curatrice dell'English Heritage, ha affermato: "Berthon era pieno di idee stravaganti, ma al momento della sua morte, alcuni lo consideravano un vero genio. "Era certamente l'archetipo eccentrico inglese." Le cellule grigie del chierico produssero altre invenzioni come una torcia al magnesio per illuminare vetrate, un supporto per telescopi, e un palco pieghevole. 
Gli esperti sono rimasti sconcertati dalla scoperta della sua barca di Brodsworth Hall sulla quale era stata applicata una etichetta in ottone, con la scritta: "Berthon Boatworks Romsey". 
Questa dicitura era stata effettivamente riscontrata in Romsey, Hampshire, dove i membri di un gruppo di studio archeologico stavano conducendo ricerche sulla vita del reverendo Berthon. 
Egli è stato vicario di Romsey tra la metà e la fine del 19° secolo. Il religioso costruì la propria azienda in un piccolo cantiere dietro la canonica, impiegando fino a 100 uomini. La gente del posto alla fine venne infastidita dalla quantità di tempo dedicata alle sue invenzioni e alla sua intraprendenza tanto che una Domenica un insegnante della scuola rassegnò le sue dimissioni in segno di protesta. 
Survivors:
Ma la barca pieghevole di Berthon attirò una attenzione reale. Fu progettata come soluzione a un disastro navale occorso al largo della costa scozzese nel 1849, in cui 100 persone annegarono con l'affondamento della SS Orion. Rendendo la barca pieghevole e compatta egli sperava di convincere gli armatori a portarsela con se come scialuppa di salvataggio. 
Esposta alla Great Exhibition del 1851, incuriosì la Regina Vittoria, tanto che chiese di fare una dimostrazione privata sull'isola di Wight. Il Principe Consorte la raccomandò alla Royal Navy, ma l'Ammiragliato rispose che non c'era posto per le armi. 
Dopo il disastro del Titanic del 1912, vennero introdotte nuove norme sulle scialuppe di salvataggio e la barca di Berthon venne dimenticata per sempre. 
Il Signor Berthon morì nel 1899, anche se la sua azienda continuò a prosperare fino al 1918. 
L'esempio di Brodsworth è una delle cinque imbarcazioni di Berthon conosciute ancora in circolazione. Questa fu acquistata da un parente di Charles Sabine Augusto Thellusson, il costruttore di Brodsworth Hall e appassionato velista. Il Signor Thellusson ereditò la tenuta di Brodsworth nel 1859, tenuta che ispirò in parte il libro di Charles Dickens "Bleak House". 
 La barca è ora in mostra al Brodsworth Hall. (maldestramente tradotto ed interpretato da: BBC News)

The Berthon folding-boat, which made a rough voyage in the Bay of Biscay, stampa in vendita su eBay
Questo articolo l'ho prodotto successivamente alle mie ricerche sulle novità presenti al London Boat Show 2104 in cui è stata esposta la barca a vela pieghevole Nautiraid Coracle 300S, della quale avevamo già parlato in occasione del Salone di Dusseldorf del 2013. A Londra il Cantiere Nautiraid ha presentato anche la versione più piccola di questa barca, la Coracle 245.

Nautiraid presente al Salone Nautico di Parigi del 2013, via Facebook

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...