lunedì 28 novembre 2016

Comprare o noleggiare? Questo è il dilemma

Il sito polacco di charter AHOJ
Comprare o noleggiare? E' un quesito che ci siamo posti spesso e di cui abbiamo parlato più di una volta anche in questo blog, oggi lo stesso interrogativo ci viene posto nella rivista di vela polacca ZAGLE che nello stesso tempo cerca di dare alcuni suggerimenti che condivido in tutto e per tutto.

Barche a vela: comprare o noleggiare? Il prezzo di una barca a vela può essere abbassato!

La domanda che abbiamo posto nel titolo pervade molti appassionati di vela. Se si acquista una barca a vela, come deve essere? Se la si vuol noleggiare, dove e per quanto tempo? Le risposte a queste domande non sono facili, tanto più che il generale aumento del benessere, fluttuazioni a parte, e dell'interessamento a questa pratica invocano una risposta soddisfacente ed urgente.
Sempre di più le offerte economiche in fase di acquisto di una barca vengono compilate prevedendo tutti gli accessori, come si dice in gergo prezzo "alla boa". Questo permette all'acquirente di capire subito dove si andrà a finire con i costi e se sarà in grado di completare l'acquisto della barca dei suoi sogni. Allo stesso tempo però l'acquisto in contanti sta perdendo sempre di più importanza lasciando spazio ad altre forme "finanziarie" come i leasing o i prestiti.

Acquistare una barca, i costi

L'acquisto dello yacht è solo una parte delle spese che si andranno a sostenere. Un importante quota di spesa annuale saranno le tasse portuali, che negli ultimi anni sono aumentati in modo significativo e vanno da
1000 € in su secondo le dimensioni della barca ed il luogo di ormeggio (ndr).
In media, ci si può aspettare una spesa di circa 2000 € all'anno (ndr). Il motivo è il forte aumento della domanda (numero di barche) per posti disponibili nei porti turistici e contemporaneamente uno scarso aumento degli investimenti in questo settore.
Si può ricorrere alla soluzione di "parcheggiare" la barca d'inverno altrove, a volte lontano dal marina ma anche in questo caso ci si può aspettare una spesa che difficilmente è inferiore ai 500 € (ndr). In quest'ultimo caso si presenta la necessità del trasporto, che nel caso di grandi yacht a vela di oltre 3,5 t (auto + rimorchio + yacht) spesso richiedono i servizi di società di trasporto professionali. In quest'ultimo caso i costi minimi vanno da circa 1€ al chilometro (ndr).
A tutto ciò si aggiungono le spese di manutenzione e mantenimento, vedi l'antivegetativa, le piccole riparazioni e gli adeguamenti dei sistemi per la sicurezza.
In molti casi, la spesa di manutenzione e mantenimento supera anche la diminuzione del valore annuale della barca a vela. Dopo dieci anni il suo valore è circa il 50 per cento del prezzo iniziale. Ed è già meglio che per le auto. Statisticamente, si può supporre che il costo totale di acquisto (Yacht di 24 piedi) di una barca a vela va da 2000 a 4000 € all'anno secondo se lo si trasporta sotto casa o lo si tiene in un marina (ndr), ed il calcolo non è esagerato. Vedi articolo "Quanto costa mantenere un piccolo cabinato a vela" (ndr).

Affittare la barca, un modo per ridurre i costi

Un modo intelligente per ridurre i costi è quello di affittare la barca o comprala direttamente stipulando un contratto con società che si occupano totalmente della sua gestione, insomma la barca è tua ma la gestione no (ndr).
Un altro modo efficace può essere quello di mettere la pubblicità nelle vele 😵 (ndr), oppure farsi sponsorizzare nel corso delle regate.

Noleggiare la barca a vela con un servizio di charter

Negli ultimi hanno sono nati molti servizi di charter, nazionali ed esteri, che offrono la possibilità di noleggiare una barca senza la necessità di spendere una grande quantità di denaro. 
Gli ultimi 20 anni sono stati caratterizzati da un rapido sviluppo dei charter di barche a vela. Si potrebbe dire che è stata la crescita della domanda che ne ha favorito il successo dando nello stesso tempo fiato ai cantieri nazionali che ancora oggi possono contare sulle esportazioni. 
Queste aziende procurano centinaia di barche a vela all'anno ai naviganti di ogni nazionalità (ndr).
Partendo dal presupposto che si vogliano trascorrere in barca almeno due settimane, dobbiamo fare i conti con il costo di poche migliaia di Euro (ndr), a seconda delle dimensioni della barca e il periodo. I prezzi tra l varie società non cambiano molto se non per la differenza di età dello yacht e dei servizi forniti.  
Il costo per il noleggio di barche più grandi è superiore, ma ci sono più posti disponibili con cui ripartire la spesa. Pertanto, le grandi barche a vela vengono affittate più volentieri dai giovani, che siano studenti o coppie. 
Il cosiddetto "last minute" a costi inferiori è normalmente un mito che invece diventa valido maggiormente al di fuori dei periodi più frequentati . 
Gli yacht più piccoli vengono normalmente noleggiati dalla "famiglia equipaggio", di solito con i bambini. Per loro la motivazione è diversa. Una piccola barca a vela è più facile da condurre da una sola persona, mentre l'altro genitore è generalmente occupato a guardare i figli e a prendersi cura della loro sicurezza; quest'ultimo, in situazioni difficili, raramente sarà in grado di aiutare nella gestione dello yacht. 

Conclusioni

Facciamo il saldo dei costi, che vi aiuteranno a prendere una decisione - comprare o affittare? 
La variabile più importante è la quantità di tempo che si può trascorrere in barca. Confrontando i costi di gestione di uno yacht a vela privato con i costi del noleggio, possiamo concludere che l'acquisto di uno yacht è conveniente se lo si utilizza (ogni anno per 10 anni) almeno 6 - 8 settimane. 
Questo è il motivo per cui nella maggior parte dei casi gli yacht vengono acquistati prevalentemente da persone in età pensionabile o che si è ritirata. 
E' solo a questa età che le persone che desiderano navigare cominciano ad avere il tempo e il denaro per farlo per un discreto periodo di tempo all'anno e, di conseguenza, permettersi un utilizzo economico dello yacht di proprietà. 
Un altro modo possibile è quello di condividerlo con altre persone, la cosiddetta comproprietà (ndr) .
In tutti gli altri casi, siamo condannati al charter.
Il soggetto di un altro articolo è  stato quello riguardante l'acquisto di una barca usata . Ma questo è un caso speciale, in cui più del prezzo della barca conta la conoscenza dell'acquirente. 
Vale la pena ricordare l'assoluta necessità di prestare attenzione nell'acquisto di uno yacht di "seconda mano" perché i successivi costi di riparazione potrebbero essere superiori a quelli dell'acquisto di una barca nuova.

(maldestramente tradotto ed interpretato da me medesimo dalla rivista ZAGLE)

Nota: le frasi non in grassetto menzionate con (ndr) sono state inserite dall'autore rapportando i prezzi qui da noi per barche medio piccole, massimo 28 piedi (8-9 metri) di lunghezza.

Tariffe di locazione di Horcamyseria a Porto Venere, Cinque Terre


martedì 22 novembre 2016

Se l'accesso all'acqua è troppo complicato si frena lo sviluppo del diporto nautico?



Proprio oggi nella rivista francese online actunautique si lancia un sondaggio d'opinione molto scottante per tutti coloro che possiedono una barca carrellabile/ trasportabile, a vela e non, così posto:

"Tra i sistemi più semplici ed economici per navigare ci sarebbero le imbarcazioni trasportabili se non fosse per il fatto che l'accesso all'acqua sta diventando troppo complicato se non impossibile. Cosa ne pensate? Il dibattito è aperto!".

E qui si entra in un vero e proprio ginepraio perché le problematiche da affrontare sono diverse e sotto diversi punti di vista.

Carrellabile o trasportabile?
Il primo interrogativo riguarda la dimensione della barca e se la si può trasportare con un carrello o con un trolley, quindi se la si può varare da una struttura portuale o da una spiaggia.
In ambedue i casi le regole ci sono e devono essere rispettate.

Porto/ carrello
Il problema non dovrebbe essere del diportista ma del gestore della struttura portuale. Uno scivolo, come ho più volte asserito, fa parte del "marina" e come tale deve essere mantenuto e gestito. Anche se in cemento armato lo scivolo richiede una costante manutenzione, nonché una progettazione a monte che dovrebbe rispettare regole tecniche, di sicurezza e di buon senso. Questo significa che la pendenza dovrebbe essere accettabile per qualsiasi tipo di veicolo, così come l'orientamento, la posizione, l'accesso, la protezione dai frangenti, etc.
Premesso ciò vi renderete conto che il cosiddetto "scivolo libero" è quanto di più rischioso ed improbabile che possa esistere. Chi si può prendere la responsabilità di gestire, che sia un'amministrazione pubblica o un privato, una struttura/ servizio che potrebbe causare un danno agli utenti?
E con questo è detto tutto poiché fatte le dovute premesse la gestione di uno scivolo implica dei costi che, se volessero, si potrebbero in ogni caso accollare l'amministrazione pubblica o il gestore privato, altrimenti dovrebbero essere fatti pagare agli utenti, così come quando si utilizza la gru. 
E' ovvio che questi ultimi dovrebbero essere ragionevoli, infatti se così fosse molti più diportisti si potrebbero avvicinare a questo tipo di nautica portando maggiori vantaggi economici al gestore. L'equazione è semplice: meno spesa = più utenti = maggior profitto = meno problemi.
Purtroppo questo tipo di equazione non rientra nella mentalità tipica dello squalo nostrano che, come vale per gli scivoli vale anche per tutto ciò che riguarda i servizi che ruotano intorno alla nautica da diporto, affonda i suoi denti sul primo malcapitato cercando di trarre il maggior profitto non pensando che, a lungo andare, questo modo di fare scoraggia tutto il settore della nautica da diporto. 
In aggiunta, per coloro che dovessero utilizzare lo scivolo e parcheggio per lunghi periodi, potrebbero essere previsti degli abbonamenti. Con questo ultimo ragionamento ho introdotto anche il tema parcheggio che non può essere slegato dallo scivolo, infatti dove li lasci auto e carrello? In mezzo ad una strada? Tutto ciò forma una struttura di tutto rilievo a cui potrebbero essere aggiunti servizi igienici e di ristoro, aree verdi, pic-nic, aree di lavaggio, etc. In questo modo chiunque sarebbe ben contento di pagare un servizio di qualità efficiente ed in ogni caso molto più economico di quello previsto per un ormeggio in una "marina" tradizionale. Tutto questo è il cosiddetto porto "verde" o a "secco" di cui abbiamo parlato tante volte.

Spiaggia/ trolley
Dopo aver posseduto per lunghi anni una barca carrellabile, anche se a dir la verità l'ho trasportata molto poco, mi sono orientato verso una piccola barca cosiddetta "da spiaggia". Che la si trasporti sul tetto dell'auto o con il carrello poco importa, l'unica cosa che conta è che la si possa varare da spiaggia con un piccolo trolley.
Anche in questo caso, poiché le regole sono rigide, il problema non dovrebbe essere del diportista ma del gestore della spiaggia che si dovrebbe preoccupare di realizzare un corridoio apposito per lo scorrimento delle barche, una piccola area di sosta per le stesse a terra, ed infine un corridoio di lancio in mare per proteggere i bagnanti.
Capisco che tutti i cosiddetti "bagni" non possano prevedere tali strutture, sarebbe sufficiente da parte delle amministrazioni pubbliche pianificarne la presenza ogni tanti chilometri di costa in modo da soddisfare le esigenze del diportista piccolo piccolo, come oggi sono io.
Sinceramente sarei ben contento di pianificare il mio week end al mare in una struttura organizzata, pagando una cifra giornaliera che mi potesse garantire, spazi, efficienza, agio e sicurezza per le mie uscite in deriva (o gommone se lo avessi).
Quindi le stesse identiche considerazioni finali fatte al punto precedente valgono anche per i gestori delle spiagge, esattamente tali e quali.

Quindi rispondendo al quesito posto nella rivista francese potrei tranquillamente rispondere così:
"La problematica deve essere affrontata e pianificata dal punto di vista finanziario ed economico, oltre che sociale, da parte dei gestori e degli amministratori pubblici, credendo in un tipo di STRUTTURA PORTUALE/ SPIAGGIA efficiente ed alla portata di un vasto numero di utenti. Qualsiasi tipo di nautica si pratichi l'arte di arrangiarsi o l'esclusione, come è stato fatto finora, non è né accettabile, né proponibile, né responsabile. In questi termini le responsabilità sono tutte dalla parte dei gestori e degli amministratori pubblici, a volte inefficienti, a volte insensibili alla nautica popolare, quasi sempre incapaci".





domenica 20 novembre 2016


sabato 19 novembre 2016

Il coltello è ancora nell'acqua ma lo "squalo" è rimasto a terra

Il "REKIN" al tempo dei suoi antichi splendori, dalla rivista ZAGLE
La rivista polacca online ZAGLE, che tradotto significa VELA", ci ha ricordato l'amaro destino del REKIN, squalo in italiano, lo yacht che è stato protagonista con il nome d'arte Christine nel film "Il coltello nell'acqua" di Roman Polanski. Di questo bel film, a mio parere per molti aspetti "visionario", ne avevo parlato diversi anni fa in questo blog, tanto bello che solo "La Dolce Vita" di Fellini riusci a strappare al regista polacco, allora alle prime armi, l'Oscar. 
Il film non è più visibile su Youtube per ovvi motivi di Copyright ma molte interessanti immagini relative alla sua realizzazione le potete trova su questa FOTOTEKA.

Immagine tratta dal film Il coltello nell'acqua
Tornando al REKIN, purtroppo, questo si trova in stato di assoluto abbandono depositato in un hangar presso il porto turistico Giżycko Almaturu, nel loro sito potrete trovare diverse foto che ci mostrano la situazione in cui si trova.


Di questo magnifico yacht d'epoca in legno si sa che molto probabilmente fu costruito dal Cantiere Ogonki nel 1936, nei pressi di Węgorzewo, e che uno dei suoi armatori è stato Georg Tepper, appassionato di vela su ghiaccio. La leggenda narra che fosse appartenuto a Hermann Goering, anche se l'unica cosa certa su questo argomento è che il ben noto comandante del Luftwaffe ci avesse navigato assieme a Ruciango di Mikołajek. (informazioni tratte dal forum.mazury).
Ancora si sta cercando un benefattore che riporti questo yacht al suo antico splendore, prima che vada completamente in rovina.
Per quanto riguarda il coltello che, ironia della sorte, è rimasto in acqua assieme alla telecamera di un cineoperatore del film, si sa che era del tipo Fallmesser, di quelli appartenuti ai famigerati paracadutisti nazisti.

Il REKIN in una cartolina d'epoca, foto tratta dal Forum. Mazury


giovedì 17 novembre 2016

A proposito di REVERSO

Dalla FOTOGALLERY di REVERSO
Quando ho iniziato a gestire un blog, oramai sono passati più di 12 anni, mi ero posto come priorità quello di presentare ai lettori le novità che riguardassero una nautica semplice ed accessibile, facilmente gestibile, poco costosa ma allo stesso tempo innovativa, tutto ciò considerata l'esperienza di navigazione che avevo avuto fin da piccolo con mio padre.
Io credo che questa straordinaria soluzione proposta da REVERSOproject riassuma tutti i miei propositi, mostrarvi una barca con alte prestazioni veliche che può essere trasportata nel bagagliaio di un auto e mantenuta a COSTO ZERO. E' si, a costo zero perché poter mettere la barca nel bagagliaio in cinque minuti, montarla ed armarla in due minuti, quindi non spendere più di un quarto d'ora per tutte queste operazioni, significa che la si può utilizzare anche in una sola mezza giornata senza dover pagare alcun deposito, senza doversi appoggiare a circoli e strutture, nonché chiedere soccorso a nessuno.

Dalla FOTOGALLERY di REVERSO
Ma vi rendete conto? Di REVERSO ne avevo già parlato quindi non mi dilungo oltre, vi giro solamente le novità inviatemi dai suoi creatori:

Ciao Francesco, how are you doing ? 
Following our conversation on year ago, here are some brand new HD photos of Reverso, a video and a press release (french.. ) Hope you will appreciate and hopefully publish our latest developments! 
Best regards 

PHOTOS studio

VIDEO record : montage du bateau complet en 120 secondes et notre dernière vidéo de montage en 2 (!) minutes


Nel loro sito potrete trovare anche i PREZZI e moltissime altre informazioni. Controllate le dimensioni del vostro bagagliaio, quasi certamente c'entra!





mercoledì 16 novembre 2016

Toybot 320, il microcruiser in scatola di montaggio

Dal sito Toyboat
Toybot 320, un microcruiser per autocostruttori di soli tre metri e venti. Straordinariamente carino oltre che molto interessante visto e considerato che ti arriva a casa una scatola con tutti i pezzi pronti per l'assemblaggio. A questo punto non serve neanche il seghetto, bastano le viti e la colla!
E' proprio vero che con una barca del genere non è mai stato così conveniente possedere uno yacht.



martedì 15 novembre 2016

Veuliah 20 e Cyclone in acqua

Veuliah 20 in acqua
Carlo mi ha inviato aggiornamenti sul VEHULIA 20, questa bella barca carrellabile spagnola di cui abbiamo già parlato. Senza fare tanti discorsi vi giro volentieri ciò che mi ha scritto:

Ciao Francesco, ti mando le foto aggiornate del Veuliah e del Cyclone: una barca scuola simile al Dofour Drakkar.. ti mando il link di FACEBOOK - CYCLONEBOAT
un saluto


Ed eccovi le foto del Cyclone, mi sembra una barca molto bella ed interessante, sia come barca scuola ma anche come un comodo "daysailer" familiare.





Grazie Carlo!


sabato 12 novembre 2016

Auto nuova, barre nuove

500L, dal sito FIAT
Visto che la FIAT 500L, con alimentazione benzina+GPL, sarà la nostra nuova auto, ho cominciato a pensare alle barre per il trasporto di MAE, considerata anche l'esperienza che ho avuto con le precedenti.
Per prima cosa la qualità è si importante ma bisogna anche saper scegliere il prodotto giusto per il tipo di carico che si trasporta. Infatti per trasportare carichi pesanti che devono scivolare sulle barre mentre vengono issati sull'auto, a mio parere, sono sconsigliabili quelle strisce di gomma che a lungo andare scorrono fino a far uscire il blocco in plastica posto dalla parte opposta della barra. Se avete osservato bene le mie foto ho dovuto fermarli con del nastro, nastro che poi andava a sporcare la barca nei punti di appoggio, punti che poi dovevano essere protetti con della stoffa, in particolare dei vecchi calzini bucati.


Tornando indietro e alla qualità sarei orientato per delle barre portatutto di marca Thule. Nel sito si possono direttamente selezionare marca e tipo di auto ed avere subito la risposta sul tipo di barre possibili e i carichi trasportabili con tutte le caratteristiche tecniche.

Thule Square Bar + Rapid System
Altro aspetto di non secondaria importanza è la lunghezza delle barre che per il trasporto di una barca è critico per tre diversi motivi:
  • la necessità di "agganciarci" la barca per poterla tirare su e caricarla
  • la possibilità di applicarci dei ferma carico
  • la tranquillità di non vedere la barca proprio sul bordo delle barre
Per questo motivo sono andato a vedere bene le dimensioni dell'auto.

Dimensioni della 500L
Con queste dimensioni ho potuto verificare che ci possono stare anche barre da 162 cm, misura inferiore ai 178 cm di larghezza dell'auto. Non saranno affatto piacevoli da vedere ma a noi non ci interessa poiché serviranno solo a trasportare la barca e verranno montate e smontate ogni volta.

Thule Square Bar 765, dal sito Thule
A questo punto avanzeranno quei seppur pochi centimetri per mettere il ferma carico Thule Load Stop 503.

Thule Load Stop 503
L'unico dubbio che mi rimane è che nelle barre portatutto non mi piacciono le parti in plastica, a meno che non servano esclusivamente come rivestimento, poiché nel serrare le viti le parti in plastica prima o poi cedono. Mi sembra però di aver capito che il serraggio avviene solo tra parti metalliche, questa comunque è un aspetto tecnico che dovrò appurare.

Thule Rapid System 754, dal sito Thule
Per quanto riguarda il peso trasportabile le barre portatutto consigliate per la 500L da Thule sono omologate fino a 75 kg, mentre nel libretto dell'auto si consiglia di non superare i 60 kg. Certamente dovrà essere vincolante il limite di omologazione delle barre mentre per quanto riguarda il limite del peso massimo consigliato per l'auto potrà essere valutato con una certa elasticità. Come abbiamo già appurato in articoli precedenti il Codice della Strada sul peso non pone alcun vincolo, peso che per motivi assicurativi dovrà sicuramente essere rispettato per quanto riguarda il portapacchi ma non necessariamente per quanto riguarda il tetto dell'auto, se si tratta solo di qualche chilo in più che può rientrare in una tolleranza.

Dal manuale di manutenzione della 500L

Così chi volesse trainare la barca con un carrello sa anche che il peso massimo trainabile per la 500L è di 1000 kg se frenato e 400 kg se non frenato.


CaroKanu, bootswagen&kanuzubehör

Faltboot am Fahrrad, dal sito CaroKanu
CaroKanu, offre diverse ed "articolate" soluzioni per il trasporto con la bicicletta e a mano di piccole barche, dai catamarani fino alle canoe e kayak.

Carrello per catamarano, dal sito CaroKanu
In più ecco una soluzione molto semplice per collegare il trolley della barca, qualsiasi modello sia, alla bicicletta, un profilato in alluminio ed una vite con occhiello.

Dal sito CaroKanu


giovedì 10 novembre 2016


Qivittoq 2016, campeggio nautico nel mare della Groenlandia

Qivittoq-2016 (Scoresbysund, East Greenland) from Doi Nomazi (TraveloTherapy) on Vimeo.

Cosa c'è di più affascinate e avventuroso che pianificare un viaggio in una zona remota e sconosciuta ed esplorarla con un semplice kayak preso a nolo ed una tenda? 
Questo è ciò che hanno fatto gli amici di DOI NOMAZI, rivivere un antico mito groenlandese, il "Qivittoq", che consiste nell'abbandonare la comunità per ritirarsi in completa solitudine tra le montagne con le quali riesci a vivere in completa sintonia, anche se ti devi guardare continuamente dalle insidie e dai pericoli, senza esserne sopraffatto.
Grazie Doi Nomazi, i due nomadi.


Lo Scoresby Sund (danese: Scoresby Sund , Groenlandia : Kangertittivaq ) è un grande fiordo posto sulla costa orientale della Groenlandia.
Ha una struttura ad albero, con un corpo principale di circa 110 km di lunghezza che si dirama in un sistema di fiordi che coprono una superficie di circa 38 mila km quadrati. Il più lungo dei fiordi si estende per 340-350 km nell'entroterra dalla costa.
La profondità è di 400-600 m nel bacino principale, ma profondità aumenta fino a 1.450 m in alcuni fiordi. Si tratta di uno dei più grandi e più lunghi fiordi nel mondo.
Sul lato nord della foce del Scoresby Sund si trova Ittoqqortoormiit, l'unico insediamento permanente della regione, con una popolazione di 469 abitanti. (Fonte: Wikipedia)



venerdì 4 novembre 2016

Keelcrab, il primo drone sottomarino per la cura del vostro scafo

Dal sito keelcrab
Gli armatori che volessero effettuare la pulizia e l'ispezione dello scafo mentre i loro yacht sono ancora in acqua potrebbero essere interessati a un nuovo drone sottomarino chiamato Keelcrab.
Creato dal trentenne italiano, Fabio Terzaghi, il Keelcrab è stato progettato principalmente per la asportazione di bio-incrostazioni di alghe e la vegetazione dallo scafo attaccate sullo scafo di barche a vela di qualsiasi dimensione.
Il drone è stato sviluppato per essere "user-friendly" e come tale può essere comandato da chiunque da solo al fine di eseguire una pulizia automatica dello scafo.
Esso è azionato da un dispositivo di telecomando con display, collegato ad una videocamera IP68 con LED installati sul drone.
Guardando lo schermo si può manovrare il Keelcrab attraverso semplici pulsanti direzionali sul telecomando, nonché di monitorare e verificare le condizioni dello scafo contemporaneamente.
Keelcrab è dotato di spazzole (soft, medie e dure) con setole in nylon, ha un esoscheletro di plastica con 'bilancia idrostatica neutra', pesa 9.5 kg, ed è lungo 42,5 cm, alto 42,5 cm e largo 32 cm. 
Viaggia ad una velocità di 1,5 mq per minuto, la forza di aspirazione a vuoto è generata da una girante centrale o turbina (elica), azionata da un motore brushless, che svolge la duplice funzione di mantenere il robot attaccato allo scafo rimuovendo le alghe e le incrostazioni formatesi sotto lo scafo stesso. 
Il movimento è guidato da spazzole in gomma poste su binari che consentono movimenti in tutte le direzioni. 
Uno scafo pulito consente all'imbarcazione di navigare meglio riducendo allo stesso tempo il consumo di carburante. 
Finora 10 marina hanno già scelto di utilizzare droni Keelcrab per la manutenzione degli scafi. 

(maldestramente tradotto ed interpretato da me medesimo da Practical Boat Owners)


martedì 1 novembre 2016


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...