martedì 21 febbraio 2017

Southern Cross, in Patagonia con un piccolo Scamp

Dal Blog Small Craft Advisor
Abbiamo parlato più volte dello SCAMP, questa meravigliosa barchetta di neanche quattro metri che ci può costruire da soli con meno di 3000 Dollari, il progetto è acquistabile su Small Craft Advisor
Per me è una barca fantastica, ancora di più questo modello con armo "yawl", le vele rosse, il colore dello scafo verdolino e le rifiniture in legno e rosso che la rendono straordinariamente bella e affascinate.
Se poi la vediamo navigare in Patagonia, in quello stretto di Magellano temuto dai più grandi esploratori del passato e di oggi allora si rimane senza fiato, non so se per lo stupore o l'invidia.
La storia di questa straordinaria avventura la potrete trovare sul Southern Cross Report nel Blog di Small Craft Advisor ma anche il suo costruttore nel parla nel suo blog: The Pocket Yacht.
Insomma ve ne ho dati di argomenti per leggere e per ... crepare d'invidia, altro che il MEGA YACHT più grande del mondo che non sanno neanche come fare a pagarlo. Quest'ultimo non mi suscita nessuna ammirazione, ma neanche compassione per chi si è cavato dalla testa un'idea così malsana, è molto più bella la piccola "Southern Cross" di Howard. Sono convinto, tra l'altro, che quel mega yacht non solcherà mai quei mari così affascinati ed insidiosi.

Dal Blog The Pocket Yacht


giovedì 16 febbraio 2017


martedì 14 febbraio 2017

Quandoque Natura et Genio

Immagine tratta dalla Biblioteca dell'Archiginnasio
Questa meravigliosa immagine cinquecentesca di un vascello sbandato in mezzo ai delfini l'ho presa dallo straordinario codice: Nomi, cognomi e stemmi dei Signori di Collegio (Tribuni della Plebe e Massari delle Arti) dall'ultimo quadrimestre 1583 al primo quadrimestre del 1618 che ho trovato nella Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna. Questo codice e l'immagine tra le tante sono straordinariamente belli!
In basso a destra c'è lo stemma della Compagnia Temporale o delle Arti di Bologna a cui apparteneva la mia famiglia fin dal XIII secolo, quello dei Muratori, a cui venne affidato il compito del "Governo delle Arti" di Granaglione assieme ad altre famiglie del luogo. Queste famiglie di "artieri" eleggevano annualmente un "massaro", scelto tra di loro, che era a capo della Comunità e riferiva al Capitano della Montagna o al Vicariato, secondo i tempi. (Da "Il mondo di Granaglione" - Amedeo Benati ed altri, Tamari Editori Bologna).
Il mio ramo familiare si trasferirà a Grosseto nel 1700 non senza aver lasciato degli straordinari tesori come per esempio l'Oratorio della Compagnia dello Spirito Santo e la sua "loggia", costruito assieme alle altre famiglie di Granaglione nel XVI secolo.




E se, come già accennato, ho scoperto che i Lenzi di Firenze provengono con molta probabilità dalla stessa Contea degli Stagnesi da dove provenivano i miei, (la loro prima tomba duecentesca è molto vicina a quella di Bartolo Chimenti di Chicchi di Guidone Stagnesi nelle tombe terragne di Santa Maria Novella), questi praticavano il mestiere dei "vaccari", contrariamente alla mia discendenza che era tra i "muratori". Tutti comunque di probabile origine longobarda, o meglio ancora sassone, giunti in quella zona intorno all'anno 1000 ai tempi della bella ed intraprendente Matilde di Canossa. La prima famiglia dei Lenzi fiorentini sepolta in Santa Maria Novella aveva come stemma quello delle arti del "macello", il bue rampante sormontato dal rastrello con tre gigli, stemma poi tramutatosi in testa di bue su sfondo blu anche in tutti gli altri rami.

Dai "Monumenti fiorentini", vedi posizione 20 e 25 delle tombe terragne in S.M.Novella
Oramai sono quasi giunto alla fine della mia ricerca, è stata un'esperienza straordinaria, come aprire una finestra nel tempo.

Lenzi, muratori e macellai, dal "blasone Bolognese, dell'Archiginnasio


giovedì 9 febbraio 2017

SAIL’s Best Boats 2017: X-Cat

Best Daysailer 2017, dalla rivista Sail Magazine
X-Cat Multisport Catamaran ha vinto il premio della rivista Sail Magazine come miglior "daysailer" dell'anno 2017.
Premio, direi, ampiamente meritato. Questa barca prodotta in Austria è bellissima, oltre che molto pratica e versatile, a remi, a vela, SUP e cartoppabile con facilità.



lunedì 6 febbraio 2017


sabato 4 febbraio 2017

Zhik AVLARE, a new era in water wear

AVLARE, dal sito Zhik
AVLARE consiste in un tessuto rivoluzionario utilizzato nella gamma di abbigliamento nautico Zhik ad alte prestazioni. 
Il tessuto Avlare è super leggero e idrorepellente, ripara dall'acqua tendendo completamente asciutti ma allo stesso tempo è traspirante, taglia il vento gelido e contemporaneamente ripara dal freddo e dal caldo.
Tutte le misure del TOP  AVLARE, dalla S alla XXL, costano 185 €, non è poco, ma può valere assolutamente la pena di spendere questi soldi se ci si vuol divertire in ogni condizione di meteo e di mare.



Rimaud e Ginevra al Velaraid 2016

Rimbaud al Velaraid 2016, dal sito Giara's Cup
Era un bel po' che non frequentavo il bel sito del Giara's Cup, bello non tanto dal punto di vista estetico quanto per le iniziative e le avventure che propongono ogni anno nel loro Calendario delle Uscite. Tra i resoconti ho trovato la FOTOGALLERY riguardante la loro partecipazione al VELARAID 2016. Imperdibile, poi come ben sapete io ho un debole per il "Pellicano", questa meravigliosa barchina progettata da Ernesto Quaranta.
Colgo l'occasione per segnalare che il Cantiere Sibma Navale, fondato mezzo secolo fa dall'architetto navale Ernesto Quaranta è diventato "service" per la Classe Dragone, nato da un rapporto di collaborazione con il cantiere inglese Petticrows
Eh bé, tutti noi sappiamo che "non c'è nulla di più bello di un Dragone".

Un dragone sul carrello, dal sito Petticrews


lunedì 30 gennaio 2017


giovedì 26 gennaio 2017


giovedì 19 gennaio 2017

VENTUSKY, previsioni di vento e onde, nella minestra, in tempo reale

L'altezza delle onde a Follonico in questo momento, dal sito VENTUSKY
Nel Blog di Sergio Mistro viene segnalato VENTUSKY, un interessante pagina web che riporta i dati meteo in tempo reale di vento, onde, nuvolosità e pressione atmosferica che sono i parametri che a noi velisti ci premono di più perché è sempre l'onda nella minestra che ci preoccupa.
In questo momento vediamo che a Follonica c'è un'onda di 0.4 metri e un vento a 15 nodi, Tommaso sarebbe partito per andare a divertirsi, io me ne sarei sto a casa o avrei scelto un'altra destinazione.
Come si vede dalle foto ci sono anche le webcam.

Il vento a Follonica in questo momento, dal sito VENTUSKY


mercoledì 18 gennaio 2017


martedì 17 gennaio 2017


sabato 7 gennaio 2017

Melchiorre attraversa il Mar Rosso, a vela, e lo yachting medievale di Francesco Pesellino

Da una foto trovata su Twitter
In verità non è certo l'autore di questo bellissimo e pressoché sconosciuto dipinto su tavola, forse facente parte di un trittico che comprendeva gli atri due Magi. Le attribuzioni sono diverse, la più accreditata sembra essere quella effettuata da Zanobi Strozzi ad un tal Pseudo Domenico di Michelino della Bottega del Beato Angelico, anche se più spesso lo troviamo appartenente a Francesco di Stefano, detto il Pesellino. 
Più certa è la datazione, in ogni caso della metà del XV secolo, tra il 1430 e il 1460. 
Personalmente ritengo probabili i dubbi espressi da Federico Zeri che ha aggiunto tra i possibili autori anche Benozzo Gozzoli e il Pesellino, prediligendo quest'ultimo per la simpatia che mi ispira il nome.
Attribuzione a parte ritengo questo dipinto estremamente interessante sotto il profilo strettamente nautico, addirittura visionario su quello che sarà il futuro della nautica da diporto.
E' si, perché qui di nautica da diporto si tratta, andare ad adorare Gesù non si può definire per certo un azione spinta dalla necessità, bensì dalla volontà, dal desiderio e dalla fede.
Nel dipinto sono rappresentate, in una sorta di pellegrinaggio mistico, classi sociali e clero che attraversano il Mar Rosso su navi di diverse dimensioni, ciascuna secondo le proprie possibilità, in una sorta di pratica della navigazione a vela che sembra rappresentare lo yachting moderno.
Il fraticello in primo piano naviga in solitario su di una piccola barchetta, poi, subito prima della grande nave di Melchiorre il Re, c'è quella del nobile con la sua corte messa ai remi, quindi c'è il grande "yacht" di Melchiorre seduto sul trono, anch'esso con la sua corte ed i marinai, dietro vediamo la barca del commerciante in piedi con l'equipaggio, e poi la famigliola composta da due persone. A terra ci sono notabili e dame che osservano. Un frate osserva dalla grotta perché quello è il luogo a lui più convenevole secondo la tradizione francescana. Di contorno città fortificate e tante altre barche a vela in pellegrinaggio.
E' impressionante, a questo punto possiamo asserire che il pellegrinaggio nautico fosse una sorta di "yachting medievale"?


mercoledì 4 gennaio 2017

La grande avventura di Giuba II, il Re dimenticato della Numidia


Vi avevo preannunciato che la Rachele mi avrebbe regalato per Natale "Rex Iuba di Stefano Medas" e che ne avrei dato una seppur semplice e modesta recensione, certamente difficile per un profano come me nell'arte della "critica", tanto più se la sua lettura mi è stata auspicata dall'autore stesso, perdonatemi se non ne sarò veramente all'altezza.
Posso senz'altro affermare che le aspettative non sono state deluse e per prima cosa vi dico subito cosa non è questo libro: il solito resoconto di avventure in mare, vento, onde e marinai coraggiosi.
Certo tutto ciò fa parte di un contorno inevitabile quando si parla di una spedizione navale ma il centro e la sostanza del romanzo, in questo caso "storico", sono tutt'altra cosa.
La storia si sviluppa basandosi su quanto rimasto delle opere di Giuba II che tra il 52 a.C. e il 23 d.C. regnò sulla Numidia e la Mauretania, opere in gran parte andate perdute ma delle quali hanno parlato i più eminenti eruditi del suo tempo, da Plutarco a Plinio il Vecchio.
Le fonti dalle quali ha attinto l'autore del romanzo sono state citate nelle Note e nella Bibliografia che vi consiglio di leggere prima di iniziare a leggere la storia, assieme alla raccolta di più informazioni possibile su questo Re, tanto dimenticato quanto importante e significativo dal punto di vista storico e culturale nell'età imperiale romana. Questo vi sarà utile anche per capire di quali territori si sta parlando e in quali mari si va navigando, gli attuali Marocco, l'Algeria e le Canarie. queste ultime un grande arcipelago di sette isole situate nell'Oceano Atlantico, al largo dell'Africa Nord Occidentale. Vi consiglio di leggere subito anche il Glossario per capire termini e distanze, citati nel testo secondo le usanze del tempo.
La lettura di questo libro mi ha permesso di conoscere lo spessore dell'uomo Giuba, dotto, artista, letterato, geografo ed esploratore, per alcuni aspetti non dissimile dalla figura dell'Imperatore Adriano delineata, nel ben noto romanzo, da Marguerite Yourcenar in Le Memorie di Adriano, a me molto caro assieme a pochi altri.
Non entro in merito alla grande avventura di Re Giuba II narrata in questo romanzo, lascio a voi il gusto di svelarne, pagina dopo pagina, il senso ed i significati, gusto che si concretizza in una lettura scorrevolissima a veloce, per nulla noiosa, tanto che le quasi quattrocento pagine si leggono tutte d'un fiato; a me sono bastati un paio di giorni.
Per concludere ne cito  solo un breve tratto dall'epilogo, poche righe che  rendono all'istante un significato diverso al viaggio e all'esplorazione fini a se stessi: ".. E avvertì di essere un uomo diverso da allora. Aveva imparato molto e non soltanto sui luoghi e sulla natura, ma anche su se stesso. Gli eventi estremi e inattesi, pensò, ci conducono attraverso vie che pensavamo imperscrutabili, obbligandoci a vedere le cose con occhi diversi e a destarci dal nostro torpore .... .
Busto di Re Giuba II, da Splendors of Volubilis
E così ho riguardato indietro, a tutta la mia vita, e a quando al capezzale di un letto di ospedale decisi di cambiare tutto e comprare una barca a vela con cui stare di più con la mia famiglia. In quella piccola barca a vela abbiamo parlato di tutto, della scuola, di quale università avrebbero scelto i nostri figli e dei loro primi fidanzatini, dei nostri progetti, del lavoro, dei nostri viaggi e delle nostre vacanze. Dal quel momento in poi abbiamo cominciato a vedere il mondo con occhi diversi, che siano stati gli orizzonti sconfinati del mare, quelli mozzafiato del nostro lago o le cime meravigliose delle montagne, quelli di una straordinaria scultura o di un dipinto in un museo, di una chiesa, di un castello, oppure del semplice e maestoso paesaggio della nostra Toscana, sempre con il cuore in gola per la semplicità e la bellezza di poterlo condividere assieme. 
Tutto ciò, oltre ad aprirmi la mente ad un personaggio e ad un periodo della storia a me sconosciuti, è quello che mi ha regalato questo bel libro di Stefano Medas.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...