mercoledì 13 settembre 2017

Annibale, un viaggio

Annibale, un viaggio di Paolo Rumiz
"Quanto pesano le ceneri di Annibale? Si chiedevano i romani al termine della seconda guerra punica. Niente, era la risposta. Eppure lo spauracchio si trasformò in eroe, l'eroe in mito e il mito in leggenda. Ed è questa leggenda che invade il Mediterraneo fino a lambire le porte dell'Asia. Quella che ci viene incontro è la storia di un uomo, temuto e rispettato, e dei luoghi che lo hanno reso celebre. Con una scrittura che illumina e che rende i fatti storici più contemporanei della cronaca, Paolo Rumiz si imbarca in un viaggio che parte dalla Sardegna - "l'isola che profuma di Oriente" -, passa per il Rodano, il Trebbia, la leggenda delle Alpi e degli elefanti, l'inferno di Canne, e arriva fino in Turchia, sulla tomba del condottiero. Annibale non è solo un viaggio nella memoria, è anche attualità, le contaminazioni culturali Occidente-Oriente, la scellerata gestione urbanistica nelle grandi città, l'inutilità della guerra, la globalizzazione, Nord Italia e Sud Italia."

Non mi era mai successo, ho letto il libro tutto d'un fiato fino alle ultime cinque pagine perché non volevo che finisse, e alla fine ci ho messo una settimana per terminarlo.
Per me è davvero un buon libro e credo che il suo autore è ciò che vorrebbe sentirsi dire, direi che ci insegna a capire e a scoprire la storia in maniera forse un po' meno ortodossa di quello che ci propinano gli storici. Tutto ciò mi ha incoraggiato nelle mie ricerche dandomi alcuni importanti spunti quando, durante il viaggio, l'autore ha parlato degli "irrequieti highlanders dell'Appennino", dei Galli, dei Boi, quelli descritti da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia e forse anche miei antenati: gli Umbranates.
La frase che mi ha colpito di più? Ce ne sono centinaia ma è solo leggendo questo libro che si capisce come abbia fatto un popolo di marinai a combattere in terraferma, in campo aperto, e a infliggere a Roma sconfitte che non verranno mai dimenticate, come il Grande Generale dei Cartaginesi, Annibale.



sabato 9 settembre 2017


martedì 5 settembre 2017


lunedì 4 settembre 2017

Primo Comando di Patrick O'Brian


Jack Aubrey, uomo di mare temerario e orgoglioso soldato della Royal Navy del diciannovesimo secolo, ha un solo grande sogno: comandare una nave della Marina Britannica, incrociare lungo le coste del Mediterraneo e dell'Atlantico all'inseguimento di navigli nemici. Quando tutto questo sembra avverarsi, con il comando della corvetta "Sophie", Aubrey scopre i mille pericoli del potere: il peso della solitudine, la difficoltà di governare un equipaggio di uomini duri e assetati di denaro, la durezza dei superiori, la logica crudele della guerra sui mari. Solo l'amicizia con il medico di bordo, Stephen Maturin, gli sarà d'aiuto davanti alla corte marziale.

Primo Comando, è un romanzo di Patrick O'Brian, dai suoi romanzi il regista Peter Weir ha tratto il film Master & Commander, Sfida ai Confini del Mare.

E' stato, assieme alla "La Montagna Bolognese nel Medio Evo" di Arturo Palmieri, la mia lettura dell'estate. Per il Sunday Times è il miglior romanzo storico di avventure sui mari: diciamo che ci si avvicina parecchio, ma per apprezzarlo in pieno bisogna essere marinai.


venerdì 1 settembre 2017


giovedì 31 agosto 2017


martedì 1 agosto 2017

Al lago con Papì


La previsione di una giornata torrida e il lago in secca mi hanno fatto desistere dall'andare al Trasimeno con MAE, privilegiando Papì di cui volevo collaudare le modifiche all'insartiamento.


Cominciamo con il trasporto dall'auto: è stato abbastanza faticoso a causa delle ruotine molto piccole del sistema di trasporto e questo ha fatto si che lo sforzo non è stato molto differente di quando trasporto MAE che ha le ruote del carrello più grandi. Ovviamente dalla sua Papì ha il fatto che non c'è bisogno di caricarla sul tetto dell'auto, basta tirare giù il sedile.
Poi il gonfiaggio dello scafo,


sistemazione del timone, della deriva e delle vele: forse mi ci è voluto qualche minuto in più del tempo che occorre per l'attrezzatura di MAE che è molto semplice, ma probabilmente è solo questione di pratica,


La navigazione con poco vento è stata tranquilla e comoda, ovviamente non so se con venti forti il mio insartiamento avrebbe tenuto. L'andatura è stata perfetta in ogni direzione, anche quando lasciavo il timone a se stesso Papì procedeva spedita senza deviazioni o scarrocciamenti.


Un difetto grosso ed importante, forse l'unico che ha Papì modificata da un Mistral Windglider, che era solo un surf, è la posizione dei golfari per le sartie che, come si vede nella foto, sono a mezzo scafo tra l'albero ed il bordo. Non potevo fare altrimenti ma questo non permette un movimento agevole a bordo, non ci si può stendere e non si può andare a prua.


Infine, come già mi aveva comunicato il precedente proprietario, c'è una piccola perdita d'aria, forse dalla valvola, e questo non mi ha permesso di effettuare navigazioni superiori alla mezz'ora perché  dopo Papì cominciava a sgonfiarsi.


Fondamentalmente, a parte tutto, è stata una navigazione piacevole e divertente e ritengo che la soluzione della tavola gonfiabile armata a vela, tipo Aquaglide Multisport o derive simili, sia raccomandabile, soprattutto per chi si accontenta di fare attività nautiche non troppo impegnative, semplicemente per passare una giornata sull'acqua trasportato dal vento davanti alla spiaggia. A me è piaciuto anche se mi rendo conto che Papì così modificato "in casa" non possa garantire tutta la sicurezza necessaria in navigazione. Diciamo che è stata una prova per eventuali futuri acquisti.


Mentre io ho navigato per circa quattro ore Elena si è letta un intero libro e non mi ha fatto smettere finché non l'ha finito, è "La Solitudine dei Numeri Primi"di Paolo Giordano che, a questo punto, non posso che raccomandare anche a voi.

La Solitudine dei Numeri Primi, Paolo Giordano - Edizioni Mondadori
Dimenticavo, caldo a parte e acqua un po' carente, il Trasimeno oggi era meraviglioso!


Addirittura un airone è stato tutto il tempo davanti a noi a pescare.


Forse cercava di prendere questa bella carpa.




lunedì 31 luglio 2017

52 Idiozie da Non Fare in Barca






52 Idiozie da Non Fare in Barca di Davide Besana - Nutrimenti Mare
La Rachele, tornata dalle sue vacanze a Ischia e Procida alla scoperta delle terre e del mare della mia nonna materna, mi ha portato il più gradito regalo, un bel libro, questa intitolato "52 Idiozie da non Fare in Barca", di Davide Besana. 
Il libro è un'esilarante raccolta a fumetti di tutto ciò che non è molto raccomandato da fare in barca e se nella sua presentazione si legge che vi "si mescola il serio e l'assurdo" posso affermare con assoluta sincerità che il più delle volte è proprio l'assurdo a governare l'esistenza a bordo delle nostre beneamate barche e con altrettanta sincerità posso confessare che delle 52 idiozie da non fare in barca elencate in questo libro ne ho commesse come minimo 40, spesso ripetitivamente. Le peggiori? "smanacciare", "fidarsi del motore e, ahimè la peggiore di tutte, "fingersi giramondo".
Sicuramente un buon regalo da fare agli amici velisti.

La Rachele affacciata sul porto della Corricella dalla Terra Murata di Procida


martedì 25 luglio 2017

Modifica alle longherine per carico e scarico barca


Se ben vi ricordate nel post dedicato alle longherine avevo riscontrato il problema che la barca, una volta sollevata, poteva toccare l'auto danneggiandola. Nella foto seguente si vede molto bene che la barca si appoggia posteriormente all'auto.


A questo scopo ho inserito nella struttura, rendendola anche più stabile, una longherina orizzontale che non farà più avvicinare la barca all'auto.



lunedì 24 luglio 2017


martedì 18 luglio 2017

Vela Antiscuffiamento by Giacomo Volponi

Dallo spazio web Volponi Vela Antiscuffiamento
Non potevo non ricevere con immenso piacere una comunicazione come quella di Giacomo, inventore di un sistema brevettato antiscuffiamento già applicato in una canoa a vela ma che, secondo le sue intenzioni, vorrebbe estendere a tutte le derive. 
A questo scopo Giacomo è in cerca di un sostegno da parte di associazioni e club, in particolare per esempio onlus che promuovono la vela per disabili, anziani, principianti o bambini dove la preferenza di non scuffiare può diventare un obbligo, ma anche da parte di privati fornendo semplicemente un vecchio laser, o una deriva simile, sul quale applicare il nuovo prototipo.
Giacomo è di Ancona, quante barche inutilizzate si vedono nelle spiagge, in molti potrebbero dare una mano per realizzare questo progetto innovativo ed utile per promuovere la vela a chiunque, anche alle fasce meno esperte, più deboli o semplicemente che si vogliono divertire senza rischi. Personalmente sono in molti che mi scrivono che vorrebbero avere una barca sicura che non scuffia, l'ultimo giusto la scorsa settimana in un commento nei miei post sulla Walker Bay.

Riassumo quanto comunicatomi da Giacomo:

Il mio obiettivo è piccolo: fornire scatole di montaggio con materiali accessori tutti reperibili sul mercato, vele comprese. 
Per il kayak a vela è tutto pronto, potrei anche iniziare la produzione custom, con scatole di montaggio ad un prezzo totale di tutto 1200 euro. 
Purtroppo il sistema è troppo velico per chi fa kayak, e troppo kayak per chi fa vela. Non avendo i mezzi per la pubblicità ho bisogno del passa parola, e quindi di aver testimonial, o approfittare di raduni eccetera per farlo vedere, di solito attira gente come mosche, sulla spiaggia.  

... poi Giacomo prosegue parlando di se. Inserisco anche le informazioni riportate sul suo sito, per maggiore chiarezza:

Andare a vela per mare, e laghi è un grande piacere, è un contatto diretto con le forze della natura, che oggi immersi COME SIAMO in una tecnologia sfrenata è sempre più difficile da assaporare, tuttavia il pericolo di finire in acqua rovina questa sensazione, e ci toglie il piacere di una bella gita in una barca vela piccola , o anche piccola come un kayak, oppure anche grande ma comunque carrabile, dove si esprime al massimo il contatto con la natura . 
La economicità, la praticità delle piccole imbarcazioni amplia enormemente la platea dei possibili acquirenti, ma la preoccupazione per un possibile scuffiamento,e della gestione della vela diventa quindi un ostacolo alla diffusione popolare della diportistica a vela. 
Per risolvere questo pericolo, che allontana quindi, una platea popolare, dal mondo della piccola nautica a vela, ho creato un dispositivo in grado di impedire il ribaltamento di mezzi nautici privi di bulbo, e con deriva mobile, e di creare un sistema automatico di gestione della vela, che semplifica moltissimo l’utilizzo della stessa. Perciò è un dispositivo che può portare ad una nuova popolarità la barca a vela, essendo applicabile proprio in quei armi che sono alla portata di tutti: Ragazzi, giovani, adulti, anziani, e anche ai portatori di difficoltà motorie. 
Il prototipo è nato per permettere l’uso contemporaneo della propulsione a pagaia e quella a vela su un qualsiasi kayak, già acquistato con una piccolissima applicazione permanente. Inoltre risolve brillantemente un problema sempre legato alla sicurezza, che sorge all’atto del rovesciamento del kayak in acqua. 
Tutto questo rende questa idea di brevetto molto interessante sia per una azienda produttrice di kayak,sia anche di altri mezzi nautici, ma anche per un una piccola azienda che vuole specializzarsi nella sola produzione del dispositivo. 
Anche con investimenti minimi, essendo la progettazione per il kayak già sviluppata nel prototipo. Il meccanismo è molto semplice senza complicazioni elettroniche e senza necessità di sviluppo di tecnologie particolari , senza stampi, materiali semplici e garantisce un grande margine di plus valore rispetto ai concorrenti. 
Vi sono quindi tutti gli elementi che rendono assolutamente appetibile la produzione e commercializzazione del prototipo , per la trasformazione a vela del kayak, ma al contempo l’assoluta mancanza di concorrenti in tutta la diportistica, garantisce il regime di monopolio assoluto a livello mondiale.

Eventuali altre informazioni da richiedere o sostegni che vorreste dare a Giacomo lo potrete fare attraverso il suo SITO.


lunedì 17 luglio 2017


venerdì 14 luglio 2017


venerdì 7 luglio 2017


martedì 4 luglio 2017

Longherine per carico e scarico barca dall'auto

Serraggio delle longherine sul portapacchi
Abbandonato il progetto di rialzare il carrello e la barca per mancanza di sufficiente sicurezza, la rotazione della barca impone alla struttura sforzi eccessivi, sono tornato al buon vecchio sistema delle longherine che ha funzionato perfettamente.

Sistemazione delle longherine sulla fiancata
Le longherine di 2000 x 45 x 35 mm, sono costate circa 10 € all'OBI, tutto il resto ferramenta che avevo in casa, al massimo si potrà spendere 15 €.

Il carico della barca sull'auto
Ho fissato le longherine e caricato la barca sull'auto in pochissimi minuti e con poca fatica.

Lo scarico della barca dall'auto
Effettuato lo scarico ho rimesso la barchina in garage, tutte le operazioni di fissaggio delle longherine, carico e scarico della barca e suo rimessaggio non hanno richiesto più di quaranta minuti.

Longherine e barre
E così la barchina è tornata a dormire. Unico problema riscontrato è la carrozzeria della 500L che, contrariamente alla Ford Fiesta non può essere assolutamente toccata, salvo creare dei micro avvallamenti. Dovrò provvedere a sistemare una  o due longherine orizzontali in modo da evitare qualsiasi contatto con a carrozzeria.

MAE è tornata a dormire


domenica 2 luglio 2017


mercoledì 31 maggio 2017

Auto nuova, barre nuove


Montate le nuove barre da 1.5 m per la Fiat 500L e la mia Walker Bay da 10 piedi. Tutto perfetto, finalmente si può ripartire tranquilli.
Domani dovrò pensare a come caricare la barca da solo su un auto più alta di 25 cm della precedente e non sarà così semplice e scontato perché il principio della leva è valido solo se la barca è appoggiata alle barre.



lunedì 22 maggio 2017

Il sommergibile dell'Appennino di Agostino Lenzi

Il sommergibile dell'Appennino, da Barche d'Epoca e Classiche
Che Agostino Lenzi della Stirpe de' Lenzi era una specie di genio che inventò e brevettò un sommergibile agli inizi del Novecento l'avevo già letto in una pubblicazione di Renato Zagnoni intitolata "La Storia dell'Industria del Ferro nella Montagna Bolognese e la ferriera di Casa d'Alessio presso Silla (Secoli XV-XX)", esattamente da pagina 54 in poi, ma che ne fosse stato tratto un bell'articolo anche su "Barche d'Epoca e Classiche" proprio non me lo sarei mai aspettato.
La storia del sommergibile di Agostino Lenzi e la sua perseveranza nel promuovere questa invenzione è veramente curiosa ed interessante ed invito i miei lettori ad approfondirla, e non solo perché Agostino era un mio lontanissimo parente, anche lui discendente di Lazarino de' Lazzari, sellarius in Granaglione agli inizi del 1200.


venerdì 19 maggio 2017

Jolly Nero, una sentenza vergognosa


Sergio Basso, Maurizio Potenza, Michele Robazza, Francesco Cetrola, Marco de Candussio, Davide Morella, Giuseppe Tusa, Daniele Fratantonio, Giovanni Iacoviello, le famiglie delle vittime, le madri, i padri e i figli, e poi tutti i feriti.
Mi vergogno di essere un italiano e di una Magistratura a cui non credo e di cui non ho più fiducia, sono troppo evidenti le omissioni. 
All'indomani dell'incidente, invece di aver fatto sequestrare tutto quello che riguardava la costruzione di quella maledetta torretta c'era, ancora dopo giorni, la possibilità di avere accesso a quei documenti, evidentemente mai volutamente presi in seria considerazione (servizi dei TG presso lo studio di progettazione con carte alla mano). Vorrei sapere dopo quanto tempo, e se, sono state sequestrate le valutazioni dei rischi sul luogo di lavoro del Porto di Genova.
Ometto ulteriori commenti sulle responsabilità dell'armatore e degli organi preposti ai controlli della Jolly Nero che sono stati assolti, sono su tutti i giornali, ed in ogni caso a mio parere di secondaria importanza, semmai in concorso di colpa, loro o i conduttori della nave.
E se la marineria italiana non è morta con Schettino che è stato giustamente condannato è morta ieri con questa sentenza, comunque vadano i prossimi gradi di giudizio.
Faccio un ultima considerazione in merito a questo scandalo pari solo a quello della strage di Ustica; l'assoluzione della Capitaneria di Porto di Genova dalle sue, a mio parere, evidenti e gravissime responsabilità è stata effettuata con lo stesso principio con cui cinquant'anni fa si assolvevano i datori di lavoro che non ottemperavano ai doveri di controllo sulla sicurezza nei luoghi di lavoro: se un operaio infilava il braccio sotto una pressa e se lo mozzava, o se lo faceva mozzare da un operatore come in questo caso, la colpa era esclusivamente la loro. Roba da paese incivile.
Quell'elenco di vittime che lavoravano onestamente in un luogo non sicuro hanno la stessa dignità di quelle della Costa Concordia, Capitaneria di Porto di Genova vergogna!


giovedì 18 maggio 2017

Scuola di vela e navigazione storica 2017

Museo della Marineria Cesenatico
Si terrà dal 9 all'11 giugno la “Scuola di vela e navigazione storica”, l’originale esperienza che da nove anni a Cesenatico propone un modo autentico e coinvolgente di vivere il mare, riscoprendo le tradizioni nautiche della nostra costa, e dando l’opportunità di praticarle a bordo delle barche storiche del Museo della Marineria.
La scuola si svolge in collaborazione con l’Istituto Italiano di Archeologia ed Etnologia Navale (ISTIAEN) e l’organizzazione della Lega Navale Italiana - Delegazione di Cesenatico, ed ha il patrocinio dell’I.R.I.A.E. - International Research Institute For Archaeology And Ethnology.

La “Scuola di vela e navigazione storica”, sin dalla sua prima edizione svolta nel 2009, ha lo scopo di far conoscere e di valorizzare la nautica tradizionale, intesa sia come prezioso patrimonio culturale, sia come modo autentico e coinvolgente di vivere lo sport della vela, recuperando un rapporto diretto e originario con il mare e la navigazione.
Gli argomenti della scuola spaziano dalla storia ed evoluzione di barche e vele alle tecniche di navigazione e all’uso di strumenti nautici tradizionali, con interessanti approfondimenti di storia e archeologia navale.

Questa edizione della scuola, al fine di favorire la più ampia partecipazione, si svolge in un unico modulo di tre giornate articolate in lezioni teoriche, navigazione, conferenze di storia e archeologia navale, incontri con luoghi e persone.
In particolare, sarà possibile conoscere dal vero la realtà di Cesenatico e del suo porto canale apprezzato per il gran numero di barche tradizionali presenti e per avere saputo salvare e valorizzare la propria identità marinara.
Le lezioni si terranno al Museo della Marineria di Cesenatico, e le navigazioni saranno svolte impiegando il trabaccolo “Barchèt” e il bragozzo “San Nicolò” del Museo, con l’eventuale supporto di altre barche tradizionali.
La direzione scientifica del corso e il ruolo di tutor è affidata a Stefano Medas, archeologo e storico navale, Presidente dell'ISTIAEN, mentre la parte organizzativa è svolta dalla Delegazione di Cesenatico della Lega Navale Italiana guidata da Marco Tommasi.

Non è richiesta alcuna precedente esperienza di vela, ma solo la voglia di vivere il mare in modo intenso e autentico. All'atto dell’iscrizione verranno fornite tutte le necessarie indicazioni pratiche (abbigliamento, dotazioni, precauzioni, ecc.).

L’iscrizione avviene versando la quota di 100 Euro, che comprende l’iscrizione alla Lega Vela UISP (€ 30) che dà diritto alla copertura assicurativa necessaria per l’attività velica: coloro che sono già iscritti a Lega Vela UISP avranno questa cifra scontata.

e attività del Museo della Marineria di Cesenatico si svolgono in collaborazione con Gesturist Cesenatico S.p.A. Informazioni e iscrizioni: Lega Navale Italiana – Delegazione di Cesenatico: 340-4179473 – cesenatico@leganavale.it

Informazioni e prenotazioni alberghiere: www.cesenaticoturismo.com

lunedì 15 maggio 2017

NAUTILAB, il futuro attraverso il mare

Aggiungi didascalia
È aperto il bando per partecipare a NautiLab, un innovativo progetto sociale che ha preso il via a Palermo.
Nei prossimi mesi gli spazi dell’Istituto Tecnico Settore Tecnologico Vittorio Emanuele III ospiteranno un vero e proprio cantiere nautico, dotato delle tecnologie più avanzate, dove gli studenti costruiranno un Mini 6.50 proto.
 I protagonisti saranno 12 ragazzi neodiplomati, che potranno lavorare con le tecnologie più avanzate e acquisire competenze spendibili sul mercato del lavoro.
Le selezioni sono aperte: per candidarsi c'è tempo fino al 20 maggio.
I ragazzi saranno guidati dall’eterogeneo team che ha promosso il progetto: Associazione L’Erbavoglio, Istituto Vittorio Emanuele III, Yam Srl e Assessorato alla Scuola del Comune di Palermo.
Tutte le informazioni sono disponibili sul sito ufficiale: www.nautilabproject.org
 


venerdì 12 maggio 2017

Anche Papì è pronta per la stagione


E' bé in più ha il suo bel remo da canotto che ho trovato appoggiato al bidone della spazzatura a Raggiolo nonché le ruotine per la sacca.
Papì sarà comodo quando avremo poco tempo, per esempio un'uscita di una sola mezza giornata, oppure quando i chilometri da fare con una barca sul tetto dell'auto saranno troppi. Uno dei prossimi pomeriggi credo che ci andrò a fare una veleggiatina al lago, senza troppo impegno.


Nella foto sopra si vedono la deriva e la pala del timone e sotto la barra che sono fissati a dei fori che entrano nello scafo grazie a tre perni, due per la deriva e uno per il timone. Prima che attuassi la modifica c'erano due derive con quattro perni.


Di seguito come ho arrangiato l'insartiamento anche se Papì può fungere da stand up paddle e windsurf.


Ed infine le ruotine sul sacco arrangiate da un vecchio rasaerba cinese che dopo diciotto anni di onorato servizio senza fargli mai nulla è arrivato alla fine; s'è rotto tutto, anche l'acciaio, ma non il motore. Sono state le migliori centomila lire che abbia mai speso.


Ho fatto anche il filmatino che prova la loro indiscutibile utilità, noi siamo di quelli che non amano affaticarsi troppo.

video


giovedì 11 maggio 2017

Prova vecchie barre e carico su auto più alta


Onestamente avevo pensato di riutilizzare le vecchie barre "universali" che utilizzavo nella Ford Fiesta anche nella Fiat 500L, purtroppo  si sono presentati due problemi importanti tanto che mi sono convinto a riacquistarle nuove.
Il primo problema è il posizionamento delle barre che nella 500L è molto avanzato, questo comporta che il baglio massimo della barca si trova proprio nelle vicinanze delle stesse; in questo modo, per evitare di non avere sufficiente spazio di appoggio, la barca dovrebbe essere posizionata o troppo avanti o troppo indietro. In pratica le barre da 1,50 m non sono più sufficienti, ci vogliono almeno  quelle da 1,60 m di lunghezza.
Altro problema grave ed importante è che il sistema di aggancio al tetto non è più sicuro, probabilmente a causa della inclinazione del telaio in quel punto, infatti la 500L prevede due fori filettati di aggancio per il portatpacchi. Certamente acquisterò un portapacchi che ne preveda l'utilizzo. La prova di "stress" che ho effettuato in una rotatoria è completamente fallita poichè l'aggancio del portapacchi è uscito dal suo vano. Fortunatamente era tutto ben fissato e la barca non è volata via, ma ovviamente questi sono rischi che non si possono correre.


Altro punto "critico" è stato il sollevamento della barca sul tetto che, in questo caso, è un bel po' più alto dell'auto precedente. Sono riuscito a fare tutto da solo ma con molta fatica e troppo rischio di danneggiare entrambi i mezzi.


Credo che le uniche soluzioni siano o quella di utilizzare l'alzata di un marciapiede in modo che la barca possa essere appoggiata completamente sopra il portapacchi prima di essere sollevata oppure servirsi del "cric" per portare all'altezza giusta il carrello della barca.
Insomma, qualche problemino in più da risolvere ma non mi pento di aver fatto queste prove, la sicurezza e l'incolumità stradale sono di importanza fondamentale; qualche centinaio di euro in più di spesa non valgono certo la vita delle persone.


Come si vede dalla foto gli "occhioni" da utlizzare nella 500L sono due, quindi ne va acquistato un secondo che non è previsto nel kit.


mercoledì 10 maggio 2017

Waterlily, your personal turbine

Dal sito waterlilyturbine
Waterlily è una piccola turbina molto versatile, può funzionare sia in aria che in acqua, ferma o in movimento, è piccola, leggera, pesa solamente 800 gr,  costa poco, poco più di 100 $, e genera sufficiente energia per chi pratica la vita all'aria aperta, per ricaricare apparecchiature elettriche ed elettroniche di qualsiasi tipo tramite una porta USB. Di seguito sono riportati alcuni esempi di ricarica:
Dal sito Waterlilyturbine
C'è anche un breve video promozionale:


Via: Newatlas


Maps Contributor

Dal sito GoogleMaps
Credo che tutti lo possano fare, solo da qualche settimana ho inserito 559 foto di alcuni luoghi che abbiamo visitato e ricevuto 104413 visualizzazioni. Mi sembra un bel servizio verso tutti gli utenti di Internet per capire come è bella la nostra Italia, anche quella meno conosciuta.
Toh, c'è anche MAE allo Yacht Club Bolsena, ... ma ci sono anche Aspirina e Vimcy se guardate il Trasimeno.

Dal sitoGoogleMaps


giovedì 4 maggio 2017

Fuga da Pompei, una storia mai raccontata

Escape from Pompei, dal sito Australian National Maritime Museum
L'Australian National Maritime Museum ha organizzato un'interessante mostra che narra una storia poco conosciuta con reperti antichi di 2000 anni provenienti da Pompei, la Siclia, Napoli e Roma.

Una storia mai raccontata
Molte persone sono a conoscenza che la tragica eruzione del 79 dC che seppellì le città di Pompei ed Ercolano sotto enormi valanghe di cenere vulcanica e detriti ha preservato le vittime dell'eruzione per 2000 anni. 
Pochi, tuttavia, sanno che la marina romana ha tentato di evacuare le persone colpite dall'eruzione e il ruolo importante che ebbe questa operazione nel successo dell'Impero Romano. 
La flotta di soccorso venne guidata dal comandante della flotta romana Plinio il Vecchio, che non era un militare - era famoso per i suoi scritti, non per eventuali exploit bellicosi. 
Nel 79 dC aveva appena completato la sua "Storia Naturale", un'enciclopedia che ha fatto comprendere ai romani come era fatto il mondo intorno a loro - un'opera che è stata riferimento per secoli fino ai giorni nostri.
Sappiamo del tentativo di salvataggio attraverso le lettere del nipote Plinio il Giovane che aveva 17 anni al momento dell'eruzione e che viveva con suo zio e sua madre nella base navale di Miseno, davanti alla baia da Pompei. 
Gli fu chiesto solo molti anni dopo di scrivere un resoconto di quello che era successo a suo zio in quel fatidico giorno - è il resoconto di prima mano dell'unico superstite del disastro e il tentativo di salvataggio di civili da parte della marina romana. 
La mostra svela il ruolo della marina romana e l'importanza che ebbe per l'impero romano. 
In questa mostra potrete scoprire come un uomo non militare, come Plinio il Vecchio, sia potuto diventare un comandante, quali erano le sue navi e come era composto il suo equipaggio. 
Pompei era un porto marittimo e fluviale, protagonista del boom del commercio che portò alla padronanza del mare di Roma.

(maldestramente tradotto ed interpretato da me medesimo da: Australian National Maritime Museum.)


15' Rog, il Micro Cruiser

15' ROG, dal sito BedardYachtDesign
"Dicono che il progetto di una barca è sempre un compromesso. Ma io mi chiedo, se ho una barca a vela che posso manovrare come una deriva, godere della sua sicurezza e stabilità, frequentare luoghi che solo i canoisti possono raggiungere, dormirci comodamente dentro e mangiare su un tavolo che è sufficientemente grande da contenere una carta nautica in tutta la sua completezza, allora, secondo voi, questo è un compromesso ?" (Maldestramente tradotto ed interpretato dal sito BedardYachtDesign).

15' ROG, dal sito BedardYachtDesign
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 4.65 m
Larghezza: 1.74 m
Pescaggio: 0.15 - 1.18 m
Peso: 443 kg
Sup. velica: 14 mq
Prezzo: progetto cartaceo 239$, progetto con legno pretagiato 2549 $, costo finale per autocostruttori sui 10.000 .

Direi molto carina ed interessante.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...