mercoledì 31 dicembre 2014


martedì 30 dicembre 2014

Sistemazione del carico sull'auto


La decisione è presa e se la nostra nuova barchina dovrà essere trasportata sul tetto dell'auto prima dell'acquisto bisogna essere sicuri di poterlo fare in perfetta sicurezza in relazione alle possibilità e agli spazi disponibili.
Il nostro porto a secco, coerenti con la filosofia che "la passione della vela è meravigliosa ..... purché inizi e finisca con la barca nel giardino di casa", almeno per noi che siamo terricoli, sarà sulla scesina del garage.

Il porto a secco della nostra uova barchina
L'auto, che è una Ford Fiesta 5P, verrà dotata di barre portatutto tipo FARAD da 130 cm, poiché il baglio massimo di appoggio della barca è di 135 cm, e con portaggio massimo di 100 kg. La barca pesa dai 57 ai 68 kg., secondo se c'è installato il tubolare o meno. L'eventuale ingombro del tubolare non è rilevante ai fini dell'appoggio della barca sul portatutto, semmai nella larghezza massima consentita ma che rientra comunque nei 30 cm di eccedenza laterale oltre la larghezza massima dell'auto prevista dal Codice della Strada,

Barre tipo FARAD da 130 cm
Per quanto riguarda la sistemazione del carico sui veicoli il Codice della Strada dice questo:

TITOLO V - NORME DI COMPORTAMENTO 

Art. 164. Sistemazione del carico sui veicoli. 

1. Il carico dei veicoli deve essere sistemato in modo da evitare la caduta o la dispersione dello stesso; da non diminuire la visibilità al conducente né impedirgli la libertà dei movimenti nella guida; da non compromettere la stabilità del veicolo; da non mascherare dispositivi di illuminazione e di segnalazione visiva né le targhe di riconoscimento e i segnali fatti col braccio. 

2. Il carico non deve superare i limiti di sagoma stabiliti dall'art. 61 e non può sporgere longitudinalmente dalla parte anteriore del veicolo; può sporgere longitudinalmente dalla parte posteriore, se costituito da cose indivisibili, fino ai 3/10 della lunghezza del veicolo stesso, purché nei limiti stabiliti dall'art. 61. 

3. Fermi restando i limiti massimi di sagoma di cui all'art. 61, comma 1, possono essere trasportate cose che sporgono lateralmente fuori della sagoma del veicolo, purché la sporgenza da ciascuna parte non superi 30 cm di distanza dalle luci di posizione anteriori e posteriori. Pali, sbarre, lastre o carichi simili difficilmente percepibili, collocati orizzontalmente, non possono comunque sporgere lateralmente oltre la sagoma propria del veicolo. 

4. Gli accessori mobili non devono sporgere nelle oscillazioni al di fuori della sagoma propria del veicolo e non devono strisciare sul terreno. 

5. È vietato trasportare o trainare cose che striscino sul terreno, anche se in parte sostenute da ruote. 

6. Se il carico sporge oltre la sagoma propria del veicolo, devono essere adottate tutte le cautele idonee ad evitare pericolo agli altri utenti della strada. In ogni caso la sporgenza longitudinale deve essere segnalata mediante uno o due speciali pannelli quadrangolari, rivestiti di materiale retroriflettente, posti alle estremità della sporgenza in modo da risultare costantemente normali all'asse del veicolo. 

7. Nel regolamento sono stabilite le caratteristiche e le modalità di approvazione dei pannelli. Il pannello deve essere conforme al modello approvato e riportare gli estremi dell'approvazione. 

8. Chiunque viola le disposizioni dei commi precedenti è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335

9. Il veicolo non può proseguire il viaggio se il conducente non abbia provveduto a sistemare il carico secondo le modalità stabilite dal presente articolo. Perciò l'organo accertatore, nel caso che trattasi di veicolo a motore, oltre all'applicazione della sanzione di cui al comma 8, procede al ritiro immediato della carta di circolazione e della patente di guida, provvedendo con tutte le cautele che il veicolo sia condotto in luogo idoneo per la detta sistemazione; del ritiro è fatta menzione nel verbale di contestazione della violazione. I documenti sono restituiti all'avente diritto allorché il carico sia stato sistemato in conformità delle presenti norme. Le modalità della restituzione sono fissate dal regolamento.

Dal sito della walker bay


domenica 28 dicembre 2014


mercoledì 24 dicembre 2014

La guerra delle spiagge, un argomento poco affrontato

La guerre des plages est déclarée, da Nauticaltrek
L'idea di prendere una barca più piccola con cui spostarsi con più facilità io ed Elena, oramai senza figli, mi ha spinto ad approfondire un argomento che mi è stato solleticato qualche giorno fa da un lettore il quale sollevava alcune perplessità in merito all'utilizzo di un catamarano gonfiabile sulla spiaggia considerati i divieti.
A questo punto quale sistema migliore se non navigare un po' nella rete e vedere cosa dicono e, con immenso stupore, nonostante gli 8000 chilometri di coste qui da noi sembra che questo sia un problema che non interessi troppo, almeno fino a quando non si prendono delle salatissime multe emesse dalle Capitanerie di Porto. Anche i prestigiosi forum di gommoni trattano l'argomento un po' qua e là ma senza troppa convinzione, forse con un po' di sufficienza, quella che contraddistingue noi italioti naviganti dell'ultim'ora ai quali la "piccola nautica" interessa marginalmente.
Un bell'articolo invece l'ho trovato su Nauticaltrek, "La guerre des plages est déclarée", semplicemente digitando sul motore di ricerca la parola "bouee jaune", che significa "boa gialla", quella che serve a delimitare i "corridoi di lancio" posti dal bagnasciuga per 250 - 300 metri per permettere ai natanti l'avvicinamento a riva.

Plage aménagée, dal sito naugeur-sauveteur
Anche l'esistenza di quali siano i corridoi di lancio presenti sulle nostre coste sembra sia un approfondimento che interessa poco, solo i surfisti e i kite-surfer si sono preoccupati di segnalarne alcuni ai loro colleghi, quasi che le eliche di gommoni o semplicemente gli scafi di derive che sfrecciano a tutta velocità tra le teste dei bagnanti sia un argomento che crea scandalo solo quando accade un incidente.
Per quanto riguarda le regole qui da noi la cosa certa è che la distanza di rispetto va dai 200 ai 500 metri, comunque stabilita dalle Capitanerie di Porto competenti territorialmente. Si fa anche riferimento alla presenza o meno di bagnanti ma questo aspetto mi sembra fin troppo aleatorio e di certo la motovedetta della Capitaneria non si metterà a contare i presenti.
Così ho deciso di fare ciò che ho fatto con scivoli, porti a secco e gavitelli creando una nuova mappa nella quale verranno segnalati progressivamente i corridoi di lancio presenti sulle nostre coste. Qualsiai segnalazione da parte dei lettori è gradita.


Ovviamente ho iniziato con l'Etruria, la mia patria, ma estenderò la ricerca a tutta l'Italia e poi a tutto il mondo come sto facendo con gli scivoli.
Abbiamo già deciso quello che sarà il primo che frequenteremo, a un'ora e mezzo da casa, in un luogo in cui vento ed onda la fanno da padroni.

Immagine salvata da Google Earth


domenica 21 dicembre 2014


sabato 20 dicembre 2014

Minicat 460 ESPRIT



Un altro bel catamarano gonfiabile della serie Minicat, il Minicat 460 Esprit.

Le caratteristiche principali:
Lunghezza: 4.60 m
Larghezza: 2.20 m
Altezza albero: 6.10 m
Peso: 58 kg
Diametro scafi: 46 cm
Randa: 8 mq
Fiocco: 3.50 mq
Dimensioni trampolino: 190 x 145 cm
Categoria di navigazione: D
Peso sostenibile: 450 kg
Persone trasportabili: 4
Packaging: 2 borse da 1750 x 300 x 300 mm; 1 borsa da 1000 x 300 x 300 mm
Prezzo: a partire da 5590 €

Dal sito FACEBOOK di Minicat

venerdì 19 dicembre 2014


giovedì 18 dicembre 2014

The New Grabner Happy Cat Evolution, test all'Elba e nel Mar Egeo



Per Bacco che meraviglia!

Dal sito FACEBOOK di Happy Cat Evolution
Eccovi il nuovo Happy cat Evolution, c'è tutto nella BROCHURE
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza x larghezza: 465 x 220 cm
Dimensioni trampolino: 190 x 150 cm
Altezza albero: 610 cm
Lunghezza boma: 173 cm
Peso con armo velico: 75 kg
Dimensioni borse 1 e 2: 180 x 25 x 25 cm
Dimensioni borsa 3: 7' x 40 x 25 cm
Peso massimo borse: 25 kg
Persone trasportabili: 4
Peso trasportabile: 500 kg
Sup. velica (randa + fiocco + gen): 8 + 3,5 + 11 mq
Prezzo di partenza: 5700 €

Fantastico!


Questo video è imperdibile.



Rublo ai minimi storici? Un'ottima occasione per provare la Katainen

Dal sito freewindfw
Di cose da comprare in Russia in questo momento favorevole per lo scambio Euro/ Rublo ce ne sarebbero diverse, una tra tutte i magnifici catamarani gonfiabili che ho riportato nel RIEPILOGO.
Però pensare di spendere solo qualche centinaio di Euro e portarsi a casa questa interessante VELA KATAINEN della quale ho parlato in più occasioni mi alletterebbe parecchio. 
I faraboloni della vela sempre presenti nei forum di massimo prestigio la disprezzano ma io non sono così convinto che le loro reali conoscenze teoriche della fisica combacino esattamente con quelli che sono i risultati pratici in navigazione con una barca di piccole dimensioni.
Alex, di Ruskemping, l'ha comprata e provata e, a parte qualche piccolo problema tecnico poi risolto dal fabbricante, sembra abbia avuto un risultato positivo. Abbiamo anche il video della prova.


mercoledì 17 dicembre 2014


Un mare di plastica

Il sito dell'Istituto 5Gyres che ha condotto la ricerca
Oramai siamo a conoscenza da anni che ci sono enormi quantità di plastica che galleggiano nel mare. L'Istituto 5Gyres di Los Angeles ha calcolato che questi consistono esattamente in cinque miliardi e duecentocinquanta milioni di pezzi.
L'istituto ha inoltre realizzato una infografica impressionante e alcuni video sulla famigeratoa 'zuppa di plastica'. Si tratta di un ampio studio condotto da Marcus Eriksen, dove sono stati confrontati i dati provenienti da 24 studi differenti.
Inoltre, sono stati esaminati più di 1500 campioni provenienti da diversi oceani, così i ricercatori sono arrivati ​​ai cinque miliardi e passa di pezzi di plastica, che corrispondono a circa 269.000 tonnellate di plastica.

Infografica sulla presenza della plastica negli oceani in funzione delle dimensioni
I ricercatori hanno verificato che lungo le rive galleggiano i pezzi di plastica più grandi, come le bottiglie e le reti da pesca, mentre nei cinque grandi vortici nel mare creati dalle correnti e situati a migliaia di chilometri dalle coste, galleggiano le particelle più piccole.
L'indagine cerca di stabilire l'impatto di questo grave inquinamento ambientale. Attraverso le belle infografiche e i video, i ricercatori mostrano esattamente che cosa sta accadendo e perché questo è un problema.
Il seguente video mostra come l'inquinamento si diffonde nei mari e negli oceani:

Questo video dimostra quanta plastica invisibile c'è negli oceani:


Quest'altro invece ci dimostra come la plastica entri pericolosamente nella catena alimentare:


martedì 16 dicembre 2014


Un nuovo carrello per Lazy Lady, il Micropomo di Luca


Luca mi ha gentilmente inviato qualche foto del nuovo carrello di Lazy Lady, il suo Micropomo. Il desiderio di spostarla e di fare qualche crociera anche al di fuori del Lago d'Iseo, nonché di partecipare alle regate della Classe Micro, hanno convinto Luca a fare il grande passo del "marinaio carrellatore". In bocca al lupo Luca, per tante nuove avventure con Lazy Lady!





lunedì 15 dicembre 2014



domenica 14 dicembre 2014


venerdì 12 dicembre 2014


Sea Eagle 435ps Sailing Package di Giuseppe, alcune informazioni

Giuseppe sul suo Sea Eagle 435ps Paddleski
Giuseppe mi ha gentilmente inviato alcune informazioni che gli avevo richiesto sul suo nuovo Sea Eagle Paddleski, anche se dalle foto vedo che il suo è il modello che ha ancora il boma. 
La prima risposta che mi ha dato sono le dimensioni delle borse, che sono 3:
  • kit velico: 200 x 40 x 40 cm
  • catyak: 130 x 40 x 60 cm
  • accessori: sacchetto
Il loro peso totale non supera i 35 kg.

I sacchi del Sea Eagle 435ps Paddleski
L'altra interessante informazione sono i tempi di assemblaggio che corrispondono a circa mezz'ora. Poi Giuseppe mi ha aggiunto che ha fatto realizzare un timone classico, più comodo di quello che si vede in figura.


Per ultimo Giuseppe mi ha informato che ha acquistato il Sea Eagle Paddleski su internet dalla concessionaria inglese, poiché non esiste concessionario in Italia. Tutto questo per sognare un bel SailOnBike Tour con il Sea Eagle Paddleski.

Combinatozione Brompton+Hinterher+Paddleski
Si sa che c'è già chi lo fa.

Dal blog di Sea Eagle


WEE BOATS: le piccole grandi meraviglie del London Boat Show 2014

Bay Raider, foto tratta da Caledonia Sailing
Nell'attesa del London Boat Show 2015 che si terrà in gennaio vi propongo le vecchie foto, si fa per dire, del 2014 pubblicate su Caledonia Sailing, in certi casi l'apoteosi della bellezza, in altri della praticità oppure della sportività, in ogni caso tutte fantastiche.
Insomma, foto imperdibili! No comment, mi viene male, crepo di invidia, forse dovevo continuare a fare il ricco bastardo e non il buon padre di famiglia?


giovedì 11 dicembre 2014

Silva Polaris 177, un regalo di Natale poco costoso e sempre gradito dal velista

Silva Polaris 177, dal sito SILVACOMPASS
Silva Polaris 177, è uno strumento indispensabile per chi pratica il trekking e la navigazione, lo si acquista ad un prezzo inferiore ai 20€, quindi è un ottimo regalo di Natale perché utile e poco costoso.
E' facilissimo da usare, ci sono le istruzioni in tre lingue ma l'operazione si effettua in sole quattro fasi:
  • si appoggia lo strumento sulla cartina mettendo il bordo superiore dello strumento a filo della rotta da seguire segnata;
  • si allinea la freccia rossa sul Nord Magnetico (MN) nella cartina, ruotando il cursore circolare;
  • si toglie lo strumento dalla mappa e si allinea il Nord della bussola sulla freccia rossa, ruotando lo strumento;
  • la freccia posta sopra la bussola indicherà la direzione da seguire.
Silva Polaris 177, ISTRUZIONI PER L'USO
C'è anche un video esplicativo, non si sbaglia.


Ruote di alaggio per piccoli battelli e derive

Dal sito ABM Nanutica
Su ABM Nautica, potrete trovare sempre disponibili queste ruote di alaggio per battelli e derive al prezzo di 88.60 €. 
Hanno i pregio di essere piccole e comode in modo da evitare la gestione del carrellino da spiaggia, quelle che si vedono sui gommoni sono davvero brutte.

Viste su un Walker Bay in vendita in rete


mercoledì 10 dicembre 2014

SCAMP Camps for 2015

Dal blog di Smallcraftadvisor
Più la guardo questa barchetta un po' bruttina e dalle linee improbabili e più mi piace, mi sto proprio innamorando dello SCAMP, di cui ho parlato tempo fa in un post "SCAMP, un successo planetario"  e dove potrete trovare le sue caratteristiche tecniche principali.

Dal blog di Smallcraftadvisor
Nel blog di Smallcraftadvisor viene proposta un'esperienza straordinaria, costruire in dieci giorni uno SCAMP  per portarselo a casa. FANTASTICO! 

L'anno a venire vi offrirà l'opportunità, una volta nella vita, di costruirvi il vostro SCAMP assieme al maestro d'ascia Howard Rice e il designer John Welsford. Inoltre avrete l'occasione di vivere la realizzazione della vostra barca in gruppo, entrando nella comunità di armatori che sta crescendo più rapidamente al mondo. 

Queste le date:

  • Port Townsend, Washington 20-31 luglio 2015 
  • Baldwin, Michigan settembre 21- 2 ottobre 
  • Port Aransas, Texas, Ottobre 12th- 23 

Oltre alla costruzione intensiva, gli SCAMP Camps saranno caratterizzati da "chalk talks" che tratteranno argomenti inerenti alla gestione dello SCAMP, il suo design, la navigazione e altro. 
Howard e John terranno anche delle lezioni di vela ai costruttori su di uno SCAMP demo. 

Questi i costi:
  • Corso: 1.600 dollari 
  • Materiale: 800 dollari 
  • Deposito di garanzia: 250 dollari da versare a  Small Craft Skills Academy, Box 104, Conway, MI 49722 
I Kit sono in vendita separatamente attraverso Small Craft Advisor:
  • Costo: 2200 dollari ($ 100 di sconto per i partecipanti al Camp) 
  • Contatti 800-979-1930 
L'iscrizione è aperta ma a numero chiuso. Chiama subito per prenotare il tuo posto. 
Per ulteriori informazioni contattare Small Craft Skills Academy 231-838-8472 o Small Craft Advisor 800-979-1930.

Ne avessi la possibilità farei lo SCAMP Camp di corsa e poi lo riproporrei anche qui da noi in Italia. Bello, bello, bello!




Privé: anche il Re Alberto di Belgio vuole sbarazzarsi della sua barca

Albert en Paola
La barca di nome ALPA (ALbert en PAola) è lunga 27 metri ed è in vendita per poco meno di tre milioni di euro. Per chi la volesse vedere è ancorata nel porto di Santo Stefano a Mare, vicino a San Remo.
Il motivo della vendita? Sua Maestà è andato in pensione e col povero sussidio statale non è più in condizioni di mantenersela, tanto più che il suo utilizzo di soli 20 giorni l'anno non giustificano tutte le spese di mantenimento, come dice lui. La barca fu acquistata nel 2008 per quattro milioni e mezzo di euro, purtroppo è arrivata la crisi ed i tempi sono diventati duri anche per lui.
E' beh, tutto il mondo è paese, tutte cose già dette e sentite, zero più, zero meno, metro più, metro meno.

l'ALPA, dal sito Hollywoodhuizen

Team Vestas: Nederlandse navigator erkent grote fout

Dal sito De Telegraaf Vaarkrant
Il navigatore olandese Wouter Verbraak ammette di aver fatto un grosso errore, non ha visto la scogliera sulla quale è naufragata la barca del Team Vestas nel corso della Volvo Ocean Race, pensando che avrebbe avuto informazioni sufficienti dalle carte elettroniche che davano un fondale di 42 - 80 metri. OMG, eeeeh, le buon vecchie cartine!

Cargados Carojos Shoals Bank, il luogo dell'impatto, un nome da non dimenticare.


martedì 9 dicembre 2014


lunedì 8 dicembre 2014

Cicret Bracelet, il bracciale rivoluzionario da marinaio



Ma da quando in qua su Terraferma Sailors si segnalano i braccialetti? E' bé, in barca il Cicret Bracelet non potrà essere altro che una comodità, vuoi mettere con quelle scatoline degli smartphone da portarsi sempre dietro con il terrore che cadano in acqua?
DONATE 1 € per sviluppare l'invenzione. Unica controindicazione, bisognerà depilarsi.

Dal sito Cicret




venerdì 5 dicembre 2014


Terracotta model of a Nile boat

The Metropolitan Museum of Art
Risalente al II secolo dopo Cristo, questo modellino in terracotta di barca a vela di cultura egizia/ romana della zona del Nilo è esposto al Metropolitan Museum of Art.

"It may have been a toy with detachable wooden mast and cloth sails.", Doveva essere un giocattolo per bambini con albero in legno e vele in tela rimovibili.

Fantastica, ditemi se non sembra una barca di oggi, con tanto di tuga e pozzetto, anche se credo che a prua e a poppa ci fossero due ornamenti che si sono staccati.

Stupendo Bay Raider! Ce li vedo quei due vestiti da antichi egizi


giovedì 4 dicembre 2014



mercoledì 3 dicembre 2014

Valorizzazione dell'area ex Mineraria di Cavriglia, quanti decenni dovranno passare?

NATURE DI CAVRIGLIA, da Europa Concorsi
Valorizzazione dell'area ex Mineraria di Cavriglia in Provincia di Arezzo, articoli roboanti, concorsi, procedure di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) con tanto di carte bollate, pareri di Commissioni e quant'altro, quasi 38 milioni di Euro stanziati  .... sono passati sette anni ma ancora deve tutto cominciare.
L'area, che  si trova in un contesto naturalistico e storico d'eccezione, a metà strada tra Firenze ed Arezzo, nel cuore del Chianti Classico, potrebbe essere un punto di riferimento importantissimo da inserire nei percorsi turistici, culturali ed  enogastronomici del nostro paese.


Una volta, mentre osservavo il lago di Cavriglia dal Pratomagno, sul versante Ovest che da sul Valdarno, pensai: "come vorrei essere lì con la mia barchina!".
E' si, perché benché il lago sia molto piccolo potrebbe essere un luogo ideale per la piccola nautica, per esempio l'iniziazione alla vela con derive e dinghy. Un po' come hanno fatto in Tailandia, nel Suan Luan Rama IX Park a Bangkok, facente parte di un progetto di valorizzazione e difesa del territorio naturalistico ed acquatico.
Ma aspetta Italia, aspetta, che fretta c'é, "fricatenne e sistema iccarte"!





The Joy and Beauty of Kayak Sailing :Trident 13 fishing kayak powered by...



Location: Gran Canaria, pubblicato il 27 set 2014

When I thought for the first time of adding sails to my kayak , I was thinking of broadening my fishing range, of helping me with my paddling effort, of having some sort of safe last resort if the wheather turned windy.... I was not prepared for this outstanding experience......

Quando pensai di mettere le vele al mio kayak ero sicuro che queste mi avrebbero avvantaggiato nella pesca, che mi avrebbero evitato la fatica di remare, che in una giornata ventosa mi avrebbero facilitato il rientro. ... ma non ero assolutamente preparato per questa eccezionale esperienza ......




martedì 2 dicembre 2014

Folbot - Kit voile et flotteurs pour kayak su Leboncoin

Dal sito Leboncoin
"Très intéressant" questo kit velico con stabilizzatori per canoa/ kayak usato su Leboncoin, e ad un ottimo prezzo visto e considerato che per comprarlo nuovo ci vogliono circa 1000 €, come si può vedere nel sito della Folbot.
Ho trovato anche le istruzioni per assembrarlo, cosa volete di più?




lunedì 1 dicembre 2014

Flagmanenok, i Cavalieri del Drago

Dal sito Flagmanenok
Flagmanenok, è una bella iniziativa della quale dalle nostre parti sentiamo certamente il bisogno. Certo, ci sono gli scout nautici ma non sempre lo scoutismo si adatta alle esigenze di ciascuno perciò un'agenzia educativa all'insegna dello sport e della nautica può essere un'alternativa valida ed altrettanto importante.

Dal sito Flagmanenok
Con gli ottomila chilometri di coste che abbiamo mi sembra che dei navigatori di un tempo, qui da noi, sia rimasto ben poco, a parte i circoli velici dove si pensa più a lucrare, ad organizzare pranzi, cene e rimpatriate tra adulti che corsi di vela per educare i ragazzi.

Dal sito Flagmanenok
La "flotta ammiraglia" di Flagmanenok è composta da cinque Walker Bay, un cabinatino Classe Micro e una barca d'appoggio, ma mi sembra che siano più che sufficienti per offrire un gran divertimento, affiatamento, amicizia all'insegna di un educazione sana e all'aria aperta. Certamente un'attività da imitare anche qui da noi.


La loro base non si trova affacciata in un grande mare od oceano caratterizzato da imponenti scogliere battute dalle onde, bensì in prossimità di un piccolo lago situato ai bordi di una delle più grandi città della Russia, Ekaterinburg.


I Cavalieri del Drago praticano altri sport come il tiro con l'arco, la scherma ma anche attività culturali di carattere artistico e letterario. 
Interessanti le citazioni che appaiono ogni volta che si apre il sito, una tra tutte: "la capacità di essere grati contraddistingue le anime nobili" (Esopo).

Dal sito Flagmanenok


Sovereign Combi, versatilità al "top"

Sovereign Combi dinghy trailer + trolley, dal sito Welsh Harp
Sovereign Combi, è un carrello da strada integrato con il trolley da spiaggia. Prodotto in Inghilterra, non so, né se viene importato anche qui da noi, né se occorrerebbero procedure particolari per l'omologazione in un paese dominato da menti perverse, quando va bene. 
Il suo prezzo d'importazione non dovrebbe superare i 1200 - 1400 €.
Mi sembra molto versatile e leggero, l'ideale per una piccola deriva carrellabile.
Con il modello "Solo" ci si potrebbe trasportare il Truc 12 Ft, "le roi des deriveurs", una piccola  - grande meraviglia di architettura navale di produzione italiana.

Truc 12, dal sito Crus Yacht



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...