venerdì 31 ottobre 2014

Zephyrus, anemometro free per iPhone

Zephyrus Wind Speed Meter
Zephyrus Wind Speed Meter, è un anemometro elettronico che si basa sul segnale rilevato dal microfono dell'iPhone. E' di fondamentale importanza fare le misurazioni in assenza di rumori forti, inoltre bisogna avere l'accortezza di tenere le dita lontano dal microfono del cellulare.
La velocità viene misurata in m/ s che corrispondono a 1.94 nodi.
Non vengono rilevati segnali sotto 1 m/ s e sopra 20 m/ s.
Nel cellulare vengono visualizzati 3 valori relativi alla velocità del vento: la misura istantanea, la media e il valore massimo.
Viene indicata anche la direzione del vento e riprodotto un grafico che riporta la velocità del vento in funzione del tempo.
L'applicazione base è gratuita ed è scaricabile su GooglePlay.
Nei prossimi giorni farò un test per verificarne il corretto funzionamento, intendo effettuare il controllo simulando una misurazione in bicicletta con velocità nota rilevata grazie a Runtastic.

Zephyrus Wind Speed Meter


giovedì 30 ottobre 2014

Lungo il Sentiero dei Prìncipi

Apri il Sentiero dei Prìncipi su Google Maps
Il Sentiero dei Prìncipi, è così che ho definitivamente chiamato il mio Sailonbike Tour da percorrere in barca e bici tra le terre delle mie amate Toscana e Umbria.
Perché questo nome, in parte perché attraversa un tratto del Sentiero della Bonifica che si chiama il "Sentiero dei Princeps Etruschi" ma io l'ho voluto estendere ad una striscia del tempo ben più ampia della storia dell'umanità visto che questa strada l'hanno percorsa in molti, dal mitico Re Porsenna che mise sotto scacco Roma per poi proseguire con i "generali" romani, Annibale e i Capi delle popolazioni Visigote ed Ostrogote fino Federico II di Svevia e tutti i Re ed Imperatori che gli sono succeduti, per concludere con il Granduca Pietro Leopoldo che la Valdichiana la fece Bonificare. Non ci possiamo dimenticare neppure di San Francesco d'Assisi che il Trasimeno, le sue terre, e La Verna amò come luoghi privilegiati dove coltivare e consolidare la sua fede e la sua dottrina rivoluzionaria.
Sono 113 chilometri, più gli ulteriori 56 necessari per tornare a casa, di una pista quasi completamente ed esclusivamente ciclabile immersa nelle dolci colline della campagna toscana costellata da fattorie, case leopoldine, magnifici castelli templari, pievi e monasteri meravigliosi.
Alcuni luoghi potranno essere raggiunti solo in barca, come le tre isole del Trasimeno, tutto il resto si fa in bicicletta. Nella mappa ho inserito alcuni resort e villaggi dove potersi fermare per dormire, ma sono solo esempi, secondo i gusti e le necessità.

Profilo elevazione di Google Earth
Il "profilo elevazione", tratto da Google Earth, indica un percorso tranquillo a parte due punti uno dei quali è situato proprio dietro casa e durante il quale sarà necessario scendere e trasportare la bici ed il trolley a mano. Si tratta della "collina di Sargiano" sulla cui sommità si trova il luogo dove mi sono sposato circa 25 anni fa, non potevo "bypassarlo". Dietro la Chiesa dove abbiamo pronunciato la "promessa" c'è il chiostro dove abbiamo organizzato il nostro semplice rinfresco, ben diverso dai pranzi che si usa fare oggi.

Il Monastero di Sargiano, originariamente francescano, foto tratta dal web
Sabato andremo con Elena a verificare in che stato è il sentiero. Dopo casa nostra, il Monastero di Sargiano è il secondo dei luoghi stupendi che si possono visitare lungo il "Sentiero dei Prìncipi".

La "collina di Sargiano" proprio dietro casa, unico ostacolo per la Valdichiana ed il Trasimeno da raggiungere in bici.
A causa di questo ostacolo dovrò prevedere attrezzature particolari, il trolley per esempio dovrà essere essere trasportabile anche a mano, la barca per due e non troppo ingombrante, infine le bici del tipo "mountain bike". Ho già qualche idea in merito ma ne parleremo più avanti.




mercoledì 29 ottobre 2014


martedì 28 ottobre 2014

RUNTASTIC, make a sport fantastic

RUNTASTIC
Oggi ho provato RUNTASTIC che era installato nell'iPhone che mi ha passato Tommaso, visto che lui se l'è comprato nuovo. Il programma è molto interessante perché "traccia" qualsiasi spostamento con il GPS del telefonino, lo riporta su Google Maps ed elabora tutta una serie di variabili relative all'attività svolta e così via.
La cosa bella è che è possibile impostare moltissime tipologie di attività quali camminata, corsa, bicicletta, vela, etc., ma quella eccezionale, almeno per me, è che si condivide sul social network direttamente dal telefonino per poi rivedere tutto sul loro sito, nel quale sei già iscritto grazie al social network, nel mio caso Google+, quando si torna a casa. La versione base è gratuita.
Ho fatto una prova con la passeggiatina della Meg, insomma, runtastic fantastic!
Dimenticavo, si possono inserire anche le foto.





domenica 26 ottobre 2014

WIKE, boat trailers for bike

WIKE, The Walk and Bike Company
Wike, un sito molto interessante da guardare per ogni tipo di rimorchio per bicicletta fosse necessario, inclusi quelli per le barche. 
Aggiungo solo una considerazione, in un paese come il nostro, circondato da 8000 chilometri di coste straordinarie e pieno d fiumi, torrenti e laghi meravigliosi, se si vedessero molte più immagini del tipo di quella che ho inserito sopra credo che saremmo tutti quanti più ricchi e più felici.
Forse abbiamo pensato un po' troppo a costruire capannoni e a stendere cemento, quello dei porti inclusi, non credete?


venerdì 24 ottobre 2014

Easysail, .... ... stačí ji nafouknout! (basta gonfiare!)

Easysail
Credo che mi mancasse solo l'Easysail da aggiungere al mio RIEPILOGO CATAMARANI GONFIABILI, poi ci dovrebbero essere tutti.
Di fabbricazione ceca, l'Easysail è un grande catamarano gonfiabile poiché può trasportare fino a 6-8 persone. Il suo prezzo di circa 5.500 €, IVA inclusa, sembra essere estremamente conveniente considerate le dimensioni.
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 4.80 m
Larghezza: 3.40 m
Peso: 96 kg
Sup. velica: 11 mq
Carico utile: 650 kg

Il 10 MARZO 2000, l'Easysail è salpato dal porto spagnolo di Cadice e, dopo una sosta a Las Palmas nelle isole Canarie, in 26 giorni di navigazione ha traversato l'Oceano Atlantico. Questa prova molto impegnativa di 6.700 km (3.600 miglia nautiche) ha ampiamente testato la struttura dell'EasySail che non ha riportato alcun danno.
Il record giornaliero è stato di di 304 km (164 miglia nautiche) e sua la manovrabilità ha confermato le sue eccezionali caratteristiche tecniche.


giovedì 23 ottobre 2014

Fan 17 - Balt, una deliziosa barca carrellabile in vendita su Yachthandel Hamburg



Del Fan 17 - Balt, questa bella barchetta carrellabile, ne avevamo già parlato QUI. Ritengo che essa sia uno dei pochi modelli che si possano tenere tranquillamente in giardino e gestire con una certa comodità per le sue dimensioni contenute.
In aggiunta è davvero molto carina ed in questo caso completa di tutto ciò che serve. Il suo prezzo, che potete trovare nell'annuncio di Yachthandel Hamburg, è di 8900 €.


OMG: la catastrophe était inévitable




Pubblicato l'11/ott/2013
Jeudi 10 octobre, au cours d'un entraînement au large de Lorient pour la Transat Jacques Vabre, le MOD 70 Virbac Paprec 70 a chaviré par 15 à 20 noeuds de vent. Jean-Pierre Dick, qui barrait au moment de l'accident, a fait une chute de 15 mètres de haut et souffre d'un tassement de vertèbres. Roland Jourdain et les 4 équipiers présents à l'intérieur sont indemmes. Fait exceptionnel : au moment du chavirage, un cameraman tournait des images du bateau depuis un hélicoptère, tandis qu'un journaliste filmait à l'intérieur. Résultat : un reportage saisissant sur l'accident qui montre à quel point la navigation sur ces trimarans de 21 mètres peut être risquée...

Giovedì 10 ottobre durante l'allenamento per la Transat Jacques Vabre, al largo di Lorient, il MOD 70 Virbac Paprec 70 ha scuffiato con 15-20 nodi di vento. 
Jean-Pierre Dick, che era alla barra al momento dell'incidente, è caduto da 15 metri di altezza riportando danni ad una vertebra. Roland Jourdain e altri 4 membri dell'equipaggio erano presenti in cabina. 
Casualmente al momento della scuffia un cameraman stava girando le immagini della barca da un elicottero, mentre un giornalista stava riprendendo dall'interno. 
Risultato: un reportage sull'accaduto che ci dimostra come la navigazione di questi trimarani di 21 metri può essere rischiosa ...

E' bé, come detto altre volte: succede anche nelle migliori famiglie!

Immagine tratta da Voilesetvoiliers


Der KatSol 16+

KatSol 16+, dal sito KatSolution
Il KatSol 16+ colpisce per le sue eccellenti doti di navigazione, qualità e sicurezza senza limiti. La facilità di montaggio senza attrezzi, la semplicità di trasporto e le caratteristiche del suo design lo rendono divertente per la navigazione a vela e molto speciale. 
Gli scafi hanno due scomparti mentre la struttura è stata realizzata con l'impiego di acciaio inox V4A resistente all'acqua del mare garantendo il grado di sicurezza ai massimi livelli. 
Dinamico ed elegante il KatSol 16+ non necessita di patente nautica né di un ormeggio in acqua, potrà garantirvi solamente il massimo del divertimento. 
La forma idrodinamica dello scafo è stata ottimizzata per fendere perfettamente l'onda. 
È possibile raggiungere velocità fino a 18 nodi. 
Potrete godere in assoluta purezza il piacere della vela, da soli o con gli amici. 
Facile da gestire in estrema libertà, rapido, sicuro e in qualsiasi momento lo si voglia utilizzare!
(Maldestramente tradotto ed interpretato da me medesimo dal loro sito).

Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 4.88 m
Larghezza: 2.30 m
Sup. velica: 11.2 mq
Peso totale: 67 kg
Carico utile: 340 kg (4 persone)
Imballaggio: 2 borse da 210x33x33 cm

Un altro bel catamarano gonfiabile da aggiungere al RIEPILOGO.




mercoledì 22 ottobre 2014

Il "decalogo" del velista brocco

La "gassa" è la vera angoscia esistenziale del velista brocco

Beaufort: il velista brocco esce quando tutti gli altri rimangono a terra, onde e vento che tanto divertono i bravi a lui lo spaventano.

Partenze: il velista brocco si dimentica periodicamente di sciogliere la barca dalla bitta con il risultato che avrà il privilegio di vivere quei cinque secondi in cui non capisce perché la barca non va nonostante che il motore sia a tutto gas.

Arrivi: ogni ormeggio perfetto è come una conquista, ma non sempre accade.

Nodi: il velista brocco non imparerà mai a fare la gassa, per quante ne abbia fatte a tavolino nel momento in cui serve gli verrà fuori sempre uno scorsoio.

Attrezzature di coperta: quelle in fondo al mare appartenevano al velista brocco che via via gli scivolano di mano con il risultato del fatidico “plaff”

Precedenze: il velista brocco si dimentica delle precedenze, sopravento, sottovento, dritta e sinistra sono troppe da ricordare, l'unica regola valida è passare sempre dietro a tutti

Abbigliamento nautico: l'abbigliamento del velista brocco è in ogni modo fuori luogo, normalmente lo stesso che utilizza per fare lo struscio

Autorevolezza: il velista brocco non riscuote un minimo di autorevolezza a bordo perciò quando è il momento di farsi sentire impreca, quasi sempre con il fatidico “azz”.

Manovre: non appena la barca comincia a sbandare il velista brocco ammaina la randa e accende il motore … per oggi ci siamo divertiti abbastanza.

Attese e speranze: quando è a terra il velista brocco sogna di andare in barca ma non appena è salito  a bordo pensa già a quando rientrerà, mai senza aver dato una ripulitina alla sua seconda metà che deve essere sempre "perfettina".


martedì 21 ottobre 2014

OMG: Incredibile, barche da pesca in mare agitato



Assolutamente sconsigliato ai deboli di stomaco, non si arriva alla fine.
Pur essendo a Greymouth in Nuova Zelanda, questo può significare andar per mare e vi assicuro che se ci si trova in condizioni del genere ben difficilmente si mette di nuovo piede in una barca.
Non oso pensare cosa stavano provando i coraggiosi marinai a bordo di quelle barche, forse che ogni giorno è una scommessa con la vita ..... la grande illusione dello yachting!

Via: geoffmackley youtube channel


lunedì 20 ottobre 2014

Aquaglide Multisport: All new Supersport! High Performance sailing vessel



Pubblicato il 13/ott/2014 
The Aquaglide® Multisport Supersport™ may be exactly what you need to get there.
Aquaglide® introduces the revolutionary Supersport™, a performance sailing vessel that will intrigue and inspire sailors around the world.
This unique hull is made using Aquaglide® Hardbottom or "HB" material. HB technology creates an inflatable chamber that is both incredibly rugged and amazingly stiff thanks to its ability to hold extremely high pressure.
Most people are shocked to find out it's inflatable at all!
Aquaglide® Supersport™ combines the thrill, excitement of sailing into a versatile, compact package that can go anywhere.
It costs a fraction of the price of any other sailboat, and offers excellent durability and sailing performance.
Supersport™ offers Total Versatility Supersport™ also converts easily from a sailboat to a windsurfer.
Perfect for first-timers or even for experienced sailors in a breeze - it’s a multipurpose watercraft for the whole family to enjoy.
Supersport™ Makes it Easy Regardless of your age, weight or athletic ability,
Supersport™ makes it easy to learn how to sail. The wide stable hull and ultra light rig require very little wind, yet the design and durability of the hull and rig can handle winds up to 25 mph (BF5). This new design can even get planing with an experienced sailor at the helm!
The Supersport™ can be used anywhere there’s water – lakes, rivers, oceans and ponds. The fins are less than 30cm (12”) deep, so the Supersport™ can be sailed in very shallow waterways and turns on a dime.
Compact, Quick and Easy to Assemble Portability is one of this vassel's great advantages.
The Supersport™ hull is inflatable and can be assembled or stowed in its own roller case in just 10 minutes – no tools required.
The Supersport™ is compact enough to fit in the trunk of a car, RV or boat locker. Check it as luggage on the airlines or stow it on your boat. Aquaglide® Supersport™, the perfect tool to find your new horizon!

Il nuovo Aquaglide® Multisport Supersport ™ è esattamente ciò che stai cercando. 
Aquaglide® introduce il rivoluzionario Supersport ™, un veliero le cui prestazioni possono incuriosire e ispirare i marinai di tutto il mondo. 
Lo scafo è realizzato con Aquaglide® Hardbottom o materiale "HB". La tecnologia HB crea una camera d'aria incredibilmente robusta e rigida grazie alla sua capacità di contenere un'altissima pressione. 
La maggior parte della gente rimane stupita nello scoprire che è un gonfiabile! 
Aquaglide® Supersport ™ riesce a combinare il brivido e l'eccitazione della vela in un comodo sacchetto, compatto a tal punto che si può portare ovunque. 
Il suo costo è una frazione del prezzo di una qualsiasi altra barca a vela, e offre eccellenti prestazioni sia nella resistenza che nella vela. 
Il Supersport ™  è totalmente versatile, si converte facilmente da una barca a vela a un windsurfer. 
Perfetto per gli esordienti lo è anche per i marinai più esperti.
È un natante polifunzionale per il divertimento di tutta la famiglia, indipendentemente dall'età, dal peso o dalle capacità atletiche. Supersport ™ rende facile la navigazione e l'apprendimento. 
La carena larga è stabile e il suo armo velico richiede pochissimo vento, ma la progettazione, la rigidità dello scafo e l'attrezzatura sono in grado di garantire la navigazione fino a BF5. 
Il nuovo design permette ai marinai più esperti al timone di planare sull'acqua! 
Il Supersport ™ può essere utilizzato ovunque ci sia acqua, laghi, fiumi, oceani e stagni. 
Le pinne pescano meno di 30 cm (12 "), in modo che questo possa navigare anche in acque molto basse.
Compatto, veloce e facile da montare ha il grande vantaggio della portabilità
Lo scafo Supersport ™ è gonfiabile e può essere montato o riposto nella sua custodia "roller" in soli 10 minuti senza utensili. 
Il Supersport ™ è sufficientemente compatto da stare nel bagagliaio di una macchina, nel camper, nel gavone di una barca o nel bagagliaio di un aereo. 
Aquaglide® Supersport ™ è lo strumento perfetto per trovare il vostro nuovo orizzonte!


Avete notato gli attacchi del sartiame? Ora si che si ragiona!.

Il nuovo Aquaglide Supersport, da POD Notizie



Le ultime foto ed informazioni del Veuliah 20

Veuliah 20
Eccovi le ultime foto del Veuliah 20, questa bella ed interessante barca carrellabile di fabbricazione spagnola in via di ultimazione. Grazie Carlo, perché davvero sembra che El Veuliah 20 es un barco divertido, fácil y rapido.

Veuliah 20
Credo che questo piccolo veliero possa combinare ottime performance veliche e di sicurezza con una discreta abitabilità, non solo nel pozzetto ma anche in cabina.
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza F.T.: 6,50 m
Lunghezza scafo: 6,20 m
Baglio: 2,36 m
Pescaggio standard: 0,40/1,70 m 
Peso: 700 kg
Peso deriva/ chiglia: 2 X 100 kg
Sup. velica (randa+genoa): 18,00 + 9,00 m2


sabato 18 ottobre 2014


venerdì 17 ottobre 2014


Manuale di Istruzioni e del Proprietario Kit Velico 435PS del SeaEagle PaddleSki

SaeEagle PaddleSki Sail Rig Kit 435PS Instruction & Owner's Manual
E' il Manuale di Istruzioni e del Proprietario del Kit Velico 435PS del katyak SeaEagle Paddleski. 
E' in lingua inglese ma è facile ed utile per comprendere la semplicità di utilizzo del kit velico installato in questo ibrido tra un catamarano ed un kayak gonfiabile a vela.



giovedì 16 ottobre 2014


mercoledì 15 ottobre 2014

Agosto 2013 - Microcrociera Venezia-Pola



E' sempre un piacere seguire le avventure di Luca e famiglia, in questo caso anche con gli amici.

Pubblicato il 15/ott/2014 
Dopo la magnifica esperienza del 2012 ripetiamo l'impresa. Carlo ha la nuova barca "Blue Djinn" e questo sarà il vero battesimo sull'acqua. Estate strana ... Istria super affollata, alternanza di gran caldo con giornate molto ventose. Difficoltà a trovare un ormeggio ai marina (le nostre barche sono troppo piccole e poco redditizie!), in compenso incontrati molti pseudo marinai che con imbarcazioni di 12 e più metri si sono piazzati per giorni o settimane ai gavitelli o ai posti in transito.



martedì 14 ottobre 2014



lunedì 13 ottobre 2014

Kite Tender: un nuovo mezzo di trasporto destinato ad un grande futuro



Nel video, KiteTender 400 con Tom Court e Sopie Matthews a bordo (Isola di Wight)

Il Kite Surfing, sport che che si è sviluppato da oltre un decennio, fin dalla sua nascita ha visto una grande evoluzione nella concezione della disciplina, dalla configurazione degli aquiloni, ai dispositivi di controllo, per arrivare alle tavole.
Oggi Kite-Tender ha ideato un nuovo mezzo di trasporto, la Kite-Boat, una barca a vela spinta da un aquilone (kite).
Peter Renssen, con l'aiuto del progettista Peter Schermer, ha sviluppato il prototipo del Kite-Tender 400, una barca più che promettente. Infatti nel mese di agosto Tom Court, un kite-surfer e wake-boarder inglese, accompagnato da Sopie Matthews, ha effettuato un test nell'Isola di Wight, sulla costa dell'Inghilterra, con 17-21 nodi di vento.
Kite-Tender si sta apprestando a commercializzare la barca in tutto il mondo, rimanete sintonizzati!
Queste sono le sue caratteristiche tecniche principali:
Lunghezza: 4.40 m
Larghezza: 1.32 m
Peso: 75 kg
Materiale: vetroresina
Prezzo: 4750 €, IVA esclusa
E' prevista anche la costruzione di una versione più grande, il Kite Tender 650.

Dal sito Kite-Tender


Il Minicat 310 di "Kamikaze Rolf"



Nonno Rolf è stato uno dei partecipanti al Primo Meeting Internazionale Minicat 2014 tenutosi sul Garda, nel video si vede il suo coraggioso combattimento contro le onde impetuose ed il vento fresco di Torbole.
Sappiamo bene che il Minicat 310 è una barca molto interessante perché si porta tutta in una borsa di soli 35 kg di peso ed un metro e mezzo di lunghezza circa. Anche il suo costo è relativamente contenuto poiché completa di tutti gli accessori non supera i 4000 €.

Un Minicat 310 uguale a quello di Nonno Rolf
A me piace molto il modello in blu, corredato di tutto ciò che è necessario per un sailonbiketour.

Minicat 310
Di sicuro ci possiamo portare a bordo la bici Brompton (1100 €) più il trolley Hinterher (500 €), per esempio.

Brompton+Hinterher pieghevoli
A questi dovrei aggiungere la tendina, una Bertoni Giglio3 il cui costo si aggira intorno ai 110 €.

C'è un posto dove io andrei con questo Kombinierte Faltrad, mi è rimasto nel cuore fin da quando ero ragazzo, all'Enfola, in treno fino a Piombino, traghetto per l'Elba e poi in bici fino a destinazione. Lì ci sono luoghi meravigliosi da esplorare con un Minicat 310. Credo che non ci sia modo migliore ed ambientalmente sostenibile per una giovane coppia di amici e/ o sposi di fare le proprie vacanze.


Il percorso in bici dal Porto di Portoferraio fino al Camping Enfola è praticabile da chiunque con un minimo di fatica ed in poco tempo, sono solo 7 km con un dislivello massimo di 60 metri.

La mappa di Google Earth con il profilo elevazione



domenica 12 ottobre 2014

sabato 11 ottobre 2014


venerdì 10 ottobre 2014

Sailing Mini-Catamaran "Emotion 420" on Mar Menor, Southern Spain



Tutto il MiniCat 4,20 sta in sole due borse, e lo si può portare facilmente nel luogo di navigazione preferito, 
Si assembla in mezz'ora, il suo peso è di soli 44 kg in totale e lo si può stivare nel bagagliaio dell'auto. 
Il MiniCat 420 può essere condotto da una sola persona e ne può trasportare quattro.  
Non sono necessari patente nautica, registrazioni e ormeggi. 
Per concludere: nessun problema, solo divertimento! 
Un grande compagno per la vostra vacanza.

Deve essere bello il "Mar Menor", nel sud della Spagna.



Entorno del Caravaning La Manga del mar es precioso!

Caravaning La Manga


giovedì 9 ottobre 2014

Il "salone" e la grande illusione dello yachting


L'ispirazione mi è venuta grazie ad un bell'articolo che ho letto nel blog di Sergio Mistro, "Il Salone delle Feste (finite)", ma anche nello sfogliare qua e là le riviste di nautica al supermercato mentre Elena faceva la spesa, è tassativamente vietato ma la tentazione è troppo forte.
Ma entriamo brevemente in argomento, che non mi appresto certo a sviscerare, è solo per fare una considerazione che a me pare tanto ovvia quanto scontata: capitalisti e grandi yacht ci saranno sempre, nessuno mette in dubbio questa grazia che ci è caduta dal cielo, ma pensare che in Italia la nautica potesse essere solo quella dei grandi e dei ricchi mi sconcerta per due, e dico due, semplici motivi che vi elencherò.
Il grande yacht se lo possono permettere solo i ricchi, non ci prendiamo per i fondelli, che siano onesti, evasori o delinquenti fa poca differenza. In tutti e tre i casi per fare soldi bisogna darsi parecchio da fare, alcuni lo chiamano lavorare. Da qui nasce la prima grande illusione, non si utilizzerà mai a sufficienza un grande yacht per quanto lo si è pagato se si lavora per fare i soldi. E' lapalissiano.
L'altra grande illusione riguarda il mare e i marinai. Il mare è un ambiente ostile per quanto meraviglioso. La marineria e la navigazione sono mestieri faticosi, ma siamo proprio certi che dopo un duro anno di lavoro e tanti soldi guadagnati si voglia proprio andare a sfacchinarsi in una barca che per quanto grande sarà sempre troppo piccola davanti alle forze della natura?
Non vado oltre e non dico altro. Sarà stata la crisi? Sarà stato Monti? Sarà colpa dei Finanzieri e di tutti quelli che credono che gli armatori sono solo ricchi evasori? Ancora ci si interroga su queste fesserie, ne ho sentite a iosa sabato su LineaBlu.
Io credo che i mega yacht esisteranno sempre, così come i porti turistici pieni di ricconi con i loro coloriti e pacchiani codazzi appresso, ma siamo proprio sicuri che questo sia lo yachting, o questo è sempre stata solo una grande mega illusione, e come tutto ciò che è effimero va e viene?

Monaco Yacht Show

Scivolo nei pressi dell'Autokamp Jazina in Croazia


Ecco lo scivolo situato all'ingresso dell'Autokamp Jazina in Croazia. Mi chiedo come sia possibile che in un paese come il nostro tra tecnici comunali, geometri, architetti, ingegneri e commissioni edilizie di ogni tipo, e soprattutto di ogni spreco, non si riesca a costruire scivoli semplici, decenti e ben fatti come questo, se non molto raramente e non certo in posti ameni come Jazina.
Io ho perso ogni speranza, l'unica cultura che è rimasta qui da noi è quella del furto e della menzogna.




Ormeggi e navigazioni sul Loundoun Lake


Come l'osmosi consuma la vetroresina, così l'invidia consuma me quando vedo queste cose.
Il Loundoun Lake si trova in una riserva nel Little Tennessee River, il lago è noto anche con il nome Tellico Lake.

Balogh Sail Designs
Di seguito vi propongo l'avventura di Frank e sua moglie che navigano a vela sul loro folding kayak Long Haul Mark II dotato di vele e stabilizzatori della Balogh Sail Designs.





martedì 7 ottobre 2014

Lavori a bordo: lucidare il boma e l'albero

Leghina, pasta, panno e unto di gomito
Ero quasi tentato di farli riverniciare invece Tommaso, forte della sua esperienza con il restauro della vecchia "Aquila" di suo nonno, mi ha detto come fare: unto di gomito, leghina, panno e pasta per carrozziere. Come potete osservare il risultato è stato ottimo e scontato.

Il boma di Aspirina in tutto il suo splendore
Questo è il boma com'era prima, opaco e ossidato. Se proprio bisogna prenderselo in testa meglio che sia lucido!

Il boma, ossidato e macchiato prima della lucidatura
L'ossido è veramente noioso da togliere e sarà molto impegnativo fare lo stesso lavoro con l'albero. Piuttosto dentro al boma, come all'interno della cabina, ho trovato numerose larve di calabrone pronte a svilupparsi, meno male che me ne sono accorto. Dovrò provvedere a chiudere i canali di accesso, in cabina entrano dalla parte inferiore del tambuccio, lungo una scanalatura.

L'ossido sul boma
Nel frattempo le vele si stanno asciugando in mansarda, lavate con acqua, sapone e un pannolino di "omino bianco". Qualche macchiolina qua e là l'avevo trattata localmente con appena un po' di varichina diluita e spugnetta.

Fiocco e randa hanno occupato la mansarda
Domani toccherà alla cuscineria, quest'anno è stata un'annata umida e piovosa, bisogna lavare, asciugare e profumare di nuovo il tutto. 


lunedì 6 ottobre 2014

Disalberato Aspirina per manutenzione


Stamattina con Tommaso abbiamo disalberato Aspirina per fare manutenzione: antivegetativa, ripristino sigillante nei finestrini laterali, ritocchi allo scafo, sostituzione di tutte le drizze, manutenzione e controllo totale del motore.
In due ore abbiamo disalberato, svuotato tutta la barca e caricato tutto il materiale in auto.


Insomma, una bella faticaccia ma per Aspirina ne vale sempre la pena.



domenica 5 ottobre 2014

sabato 4 ottobre 2014

Home made sail K2 inflatable kayak



Pedro ha realizzato una canoa a vela dotando un kayak gonfiabile Intex Challenger K2 da due posti di una vecchia vela da windsurf, di un fiocchetto e di due derive laterali, tutto autocostruito. Effettivamente c'è da chiedersi come abbia fatto a farci entrare tutto ma mi sembra che il risultato sia stato eccellente.
Immagine tratta dal sito Rubberboats
Tenete presente che su San Marco questo modello di kayak gonfiabile viene 119 €, spese di spedizione incluse. Il suo peso è di soli 18 kg, ha una portata di 160 kg, le sue dimensioni gonfiato sono di 351 x 73 x 38 cm e da imballato di 44 x 25 x 62 cm.
Le riprese sono state effettuate sul Lagoa de Albufeira in Portogallo, un luogo ideale dove praticare la vela ed il surf e dove è presente un bel campeggio, l'Alagoa Camping.



Questa è un'ulteriore dimostrazione di come si possa vivere meravigliosamente la vela anche con poco ma soprattutto ovunque, portandosi la barca in una borsa.


Allora, cosa stai aspettando?


Hayden di Fastlane Sailing and Kayaking si è preso una giornata di vacanza navigando a vela da Mission Bay fino alla San Diego Bay. Nel corso della navigazione hanno pescato nella Mission Bay, poi hanno ancorato nella Sunset Cliffs per fare surf e pranzare in barca, infine si sono tuffati in acqua al largo di Point Loma. 
E' stato un giorno fantastico e ti viene da chiedere: "Perché non ho ancora un Tandem Island?"

Dal sito FASTLANESAILING
Qui siamo tra la Mission Bay e la San Diego Bay.



giovedì 2 ottobre 2014

Navegación a vela



Qualche spagnolo, o latino-americano, che legge questo blog c'è, e poi se si vuole la loro lingua si capisce abbastanza bene. La Rachele che è tornata giusto la scorsa settimana da Barcellona mi ha detto che riusciva a capire meglio lo spagnolo mai sentito che l'inglese imparato a scuola. Proa, popa, cubierta, orza abatible ..... insomma si capiscono!
Dalle foto che ha riportato Rachele ho potuto apprezzare alcune delle più belle opere di Antoni Gaudì, credo il più grande architetto di tutti i tempi.

Casa Battlò di Antoni Gaudì, mai vista una cosa del genere!


mercoledì 1 ottobre 2014


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...