giovedì 29 luglio 2010

Come non comprare un buco nell'acqua


Qualche giorno fa un noto broker francese metteva in vendita un 28 piedi in ottime condizioni per soli 6000€ adducendo la necessità del proprietario di utilizzare il posto barca per quella nuova. Giustamente qualcuno in un altrettanto noto forum asseriva: "ma la barca ha un valore senza un posto barca?". Questa domanda la giro a tutti voi assieme a tutta una serie di considerazioni che si dovrebbero fare prima di acquistare una barca (maldestramente tradotto ed interpretato da: BoatsafeBlog).

Controllare attentamente il ponte, le attrezzature e lo stato di manutenzione del motore

Prima dell'apertura di tutte le fiere nautiche invernali ho pensato bene di predisporre una sorta di decalogo per i nuovi armatori. Gli aneddoti più utilizzati per definire le imbarcazioni sono: "buchi nell'acqua, in cui si gettano i soldi" e "l giorni più felici della vita dell'armatore di una barca sono il giorno in cui compra la barca e il giorno in cui la rivende". Anche se molti sanno bene quanto questi assiomi siano veri, pur tuttavia sembrano dimenticarsene non appena si avvicinano alle barche e ai loro armatori.

Guarda bene prima di acquistare
Molti armatori sono infelici semplicemente perché comprano la barca sbagliata, perciò sarebbe utile porsi alcune domande preventive:
  1. Chi userà la barca? Solo in famiglia o si inviteranno amici? Questo può influire sulle dimensioni.
  2. Come pensate di utilizzare la barca? Per la pesca, lo sci nautico, la crociera, le escursioni giornaliere, i weekend o le lunghe settimane di crociera?
  3. Quando e quanto spesso potrò utilizzare la barca? Avete la barca a disposizione tutto l'anno o solo stagionalmente?
  4. Dove si naviga? In laghi, fiumi, baie, o sul mare?
  5. Quanto si può permettersi di spendere? Non dimenticare il costo iniziale di acquisto è solo l'inizio. Ci sarà la manutenzione, assicurazione, spese di registrazione e di istruzioni e tariffe dei corsi di sicurezza, le crociere costano.
  6. Che tipo di imbarcazione è più adatta alle tua personalità e temperamento? Preferite spostarvi da un luogo ad un altro con grande velocità oppure pensate di poter raggiungere la vostra destinazione comodamente a vela?
Sii sempre consapevole che venderai una "barca vecchia"
Certamente esistono molti libri sull'argomento tanto che tutto ciò si potrebbe conoscere meglio andando in libreria. Comunque secondo me è indispensabile conoscere la terminologia della navigazione, indugiare molto nei porti turistici e parlare con la gente sull'argomento barche e navigazione. Parlando con i proprietari della barca scoprirete quali sono i problemi che hanno incontrato e come i diversi tipi di imbarcazioni si comportano. Scoprirete anche quali sono le caratteristiche che a loro piacciono o non piacciono. Tutto ciò non lo potrete trovare nei libri.
E' sempre opportuno considerare una barca in termini di:
  • Sicurezza
  • Stato di conservazione
  • Opzioni e accessori
  • Bellezza
  • Performance
  • Costo
  • Nuovo o usato
Un marchio famoso o una nuova barca possono essere belli sognare e da guardare ma è necessario essere consapevoli che comunque possano esserci dei problemi. Certamente anche se le barche nuove sono coperte da garanzia nessuno ha da spendere tempo per la loro manutenzione e le riparazioni, e non è possibile utilizzare la barca quando è in riparazione.
Tantissimi sono gli esempi che si potrebbero citare in cui nuovi armatori hanno avuto grossi problemi con barche nuove e pochissima assistenza. Il punto è, anche se una barca nuova è qualcosa di cui fare tesoro, può essere opportuno prendere in considerazione anche una barca usata.

Diventa un tecnico


Controllare attentamente lo stato della carena e della deriva

Sia che si utilizzi un professionista o meno per la scelta della barca usata, è necessario conoscere alcune cose importanti prima di acquistare una barca usata. Un occhio attento, un buon orecchio e una lista di controllo vi condurrà a potenziali problemi. Alcune delle cose da cercare sono:

Vernici non corrispondenti: ciò potrebbe indicare che la barca ha avuto un incidente e relative riparazioni. Anche se questo di per sé non può squalificare la barca, se non è stato detto che cosa altro potrebbe non essere stato raccontato?
Posizione e stato della chiglia: La chiglia è diritta sia orizzontalmente che verticalmente? Quale è lo stato della vite di serraggio e quando è stata sostituita ed eventualmente resinata?
Linee d'acqua all'interno della barca o sul motore: E' presente della ruggine nella zona inferiore del motore? Ciò potrebbe indicare che la barca ha preso parecchia acqua.
Movimento dell'entrobordo: quando si accende l'entrobordo la barca oscilla? 
Scheggiature o crepe: sono presenti?
Parti meccaniche: non dovrebbero essere in grado di muoversi molto. 
Scafo e carena: Prendete una gomma di piccole dimensioni o un piccolo martello di gomma e battete leggermente lo scafo intorno alla barca. Se si sentono vuoti in fibra di vetro ci potrebbero essere problemi di riparazioni, vesciche, o delaminazione.
Ponte: passeggiate su e giù per li ponte e sulla prua , non si dovrebbero trovare punti deboli.
Pavimenti: come sono i pavimenti all'interno? ci sono macchie e punti deboli?
Timone: la rotazione del timone è libera e facile da spostare?
Rivestimento: il rivestimento è in buone condizioni?
Aperture e oblò: controlla intorno agli oblò, ai passaumo e alle finestre: vedete macchie d'acqua? Se è così, provate a schizzare acqua all'esterno.
Muffe: C'è qualche cosa di ammuffito oppure odore di muffa all'interno? Questo potrebbe indicare delle perdite, danni causati in precedenza dall'acqua o semplicemente incuria.
Attrezzature di bordo: Assicurarsi che sia siano legalmente in regola tutte le attrezzature necessarie.
Corrimano: tutto in buono stato inclusi i candelieri?
Identificazioni nello scafo: corrispondono alla documentazione di bordo?
Avvio del motore: quando si avvia il motore si dispone di un buon flusso di acqua?
Tubi e scarichi: controllare la presenza di eventuali incrinature o usura nei tubi e negli scarichi. 
Olio motore: controllare l'olio utilizzando le dita, se si sente una qualsiasi forma di grana, controllarne il colore e l'odore.  Si potrebbe voler inviare un campione di olio e del fluido di trasmissione ad un laboratorio per i test. Controllare il fluido di trasmissione con lo stesso processo dell'olio.
Girante motore: controllare la girante.
Filtro motore: controllare il filtro.
Apertura/ chiusura valvole a mare: verificare che le valvole a mare si aprano e si chiudano e la loro facilità di spostamento.
Fatture di manutenzione: verificarne l'esistenza e l'eventuale ricorrere di problemi.
Proprietari: chiedere dei precedenti proprietari e acquisire eventuali informazioni
Aspetti finanziari: verificare eventuali situazioni passive dei proprietari in merito alla barca.
Inclinazione motore: verificare allineamento.
Corrosioni: verificarne la presenza dentro e fuori.
Vele, attrezzature di coperta, sartie: rifare una qualsiasi di queste cose costa una cifra.
Tutte queste cose dovrebbero tenervi occupati ma soprattutto per frustrare il venditore, abbiamo visto troppa gente bruciata da quello che sembrava essere un buon affare. Come ogni altra cosa, se sembra troppo bello per essere vero probabilmente lo è.
Questo è solo un breve elenco di cose da considerare quando si intende acquistare una barca, e se l'investimento è importante conviene rivolgersi anche ad un tecnico qualificato.

Controllare attentamente gli scarichi e le linee d'acqua

Comprare o non comprare, questo è il dilemma
Spesso e volentieri ha poco senso possedere una barca visto che per l'utilizzo che se ne fa può bastare un charter, soprattutto se si ha poco tempo per utilizzarla. Oltre la spesa di acquisto ci sono da considerare molti altri aspetti tanto che, appena la si è acquistata, siamo solo al 20% di quello che andremo a spendere.

VOCECosto annuale
I pagamenti mensili X 12
Quote di iscrizione
Attrezzatura
Assicurazione
Spese di registrazione
Ormeggio
Manutenzione / Riparazioni
Tasse
Carburante e olio
Stoccaggio invernale (se necessario)
Totale

Una volta stimati i costi è bene guardarsi in giro sui prezzi dei charter e lasciare da parte l'ambizione e l'orgoglio. Per questi potrebbe bastare una bella deriva, infatti se l'uso della vostra barca è limitata solo alla stagione estiva o da altri fattori, questa può essere la scelta più saggia.
Ora che vi ho completamente frustrato e confuso con pro e contro non scoraggiatevi. Possedere e prendersi cura di una barca può essere un'esperienza molto piacevole. Può essere un diversivo rilassante di un mondo altrimenti frenetico ed è uno sport in cui tutta la famiglia può partecipare.

Una nota finale importante: quando si diventa proprietari di una barca nuova o usata, assicuratevi di fare un corso di sicurezza in barca. Assicuratevi che tutti coloro che verranno in barca ne conoscono il funzionamento e le modalità per condurla in qualsiasi situazione. Se siete una famiglia di naviganti, fate il corso insieme. Potreste essere sorpresi da ciò che anch'io non conosco.


martedì 27 luglio 2010


domenica 25 luglio 2010

Quanto costa mantenere un piccolo cabinato a vela


Quando si parla di piccoli cabinati le variabili che entrano in gioco sono diverse, se è o non è carrellabile, se durante l'inverno lo teniamo o no sotto casa, se durante le crociere ormeggiamo in rada oppure in porto. Comunque il tentativo è quello di offrire uno strumento molto semplice per fare questo calcolo, poi ognuno potrà fare tutte le dovute considerazioni. Oggi mantenere una barca è un lusso che non possono permettersi tutti e chi lo vuol fare per passione, come noi, si deve adattare e rinunciare a molte opportunità. Nella figura che segue ho messo una configurazione di utilizzo massimo, noi, per esempio, facciamo molto meno e spendiamo anche molto meno.


Eccovi il link al foglio di calcolo: Costi di gestione annuale di un veliero, e mi raccomando utilizzatelo: non vi illudete di non guardare in faccia alla realtà, potreste pentirvene.


giovedì 22 luglio 2010

A Saint Malo con il Beniguet




Cosa mai vi racconterò tra un mese se non mi trattengo a scrivere tutte le idee malsane che mi passano per la testa? Però è troppo importante da tenere a mente, ed io tendo a dimenticarmi delle cose, quindi mi appunto questa vacanza da fare, magari tra qualche anno, per quando i figli saranno sistemati e io ed Elena ci chiederemo come potremmo passare qualche giorno in completo relax ma anche divertimento. In questo caso ho scelto la Normandia e una piccolo Sloop Aurico cabinato che mi ha sempre affascinato, il Beniguet del Cantiere Grand Largue. Il cantiere offre la possibilità di una "location"per una settimana ad un prezzo modico che va da 500 a 850 € la settimana, secondo la stagione. Ovviamente se non ci si accontenta delle due cuccette in barca, considerato che è sostanzialmente un day sailer, i residence e gli hotel nella zona non mancano. Ne segnalo uno proprio nella spiaggia di Saint Malo: Residence Reine Marine. Le tariffe settimanali degli appartamenti non sembrano male per il lusso che viene offerto. Insomma chi è che non è attratto da una settimana di vela nell'Oceano Atlantico, basta non pensare di schiantarsi nelle Bianche Scogliere di Dover, come fecero i francesi quella volta che si misero in testa di invadere l'Inghilterra.

Ma torniamo alla barca, il Beniguet è bellissimo, oltre che facilmente carrellabile da un auto di media cilindrata, e in questo modo abbiamo la possibilità di osservarlo e provarlo, magari con l'intenzione di acquistarlo in un secondo momento. La barca può essere fornita completa o in kit.


Queste sono le sue caratteristiche:
Lunghezza: 5.85 m
Lunghezza al galleggiamento: 5.25 m
Larghezza: 2.10 m
Pescaggio: 0.43 - 1.20 m
Peso a vuoto: 700 kg
Peso deriva: 150 kg
Superficie velica: 20.3 mq
Classe di navigazione: C
Persone: 5

Insomma facciamocela questa settimana sul Golfo di Saint Malo con il Beniguet.

mercoledì 21 luglio 2010

VIKO 23 al circolo velico

VIKO 23 al circolo velico
Abbiamo un VIKO 23 al circolo velico, proprio vicino ad Aspirina, perciò non ho potuto resistere a fare qualche foto e a riportare le prime impressioni. Da osservare che alcune di queste foto sono state fatte vicino al Delphia 24 e voi stessi potrete constatare che le "linee d'acqua" sono del tutto similari. E' vero, il bordo libero è molto alto rispetto al baglio massimo ma questa è l'unico aspetto che per i "puristi delle linee" possa lasciare qualche dubbio estetico, ma d'altro canto, essendo una barca carrellabile e da crociera, il progettista credo che non avesse altre possibilità.


Sono rimasto impressionato dalla finitura di questa barca, ha le caratteristiche di un grande yacht da crociera, molto ben rifinito e curatissimo nei particolari. Non si può credere che chi l'ha acquistato l'abbia pagato meno di 20000 € tutto compreso. Sono sincero, mi è piaciuto molto.


Pozzetto molto ampio e grandissima abitabilità interna, insomma tutto ciò che serve per andarsene in crociera in famiglia con tranquillità.



Avrete capito che il VIKO 23 mi piace, ecco le sue caratteristiche principali:

Total length 6,80 m
Beam 2,55 m
Draught (swing keel) 1,20/0,30 m
Total mass 1200/1400 kg
Ballast/keel version 250/400 kg
Water ballast
(masa balastu) 300 kg
Sail area 21/26 m²
Berths 4-6
Height in cockpit max 1,70 m
CE category C/B
Design André Koschel


Recentemente ho fatto anche qualche foto mentre il VIKO 23 era in regata e "buon vento" al suo armatore, penso che abbia fatto un'ottima scelta:




lunedì 19 luglio 2010

La Gazelle des Sables, tra modernità e tradizione

A volte, quasi casualmente, si trovano in rete informazioni di piccole barche che mi stupiscono per la loro rara bellezza, ed è proprio il caso della Gazelle des Sables!. Non credo di essere esagerato se confesso che mi prende una insana invidia nell'osservare gli appassionati di questo piccolo sloop aurico di neanche tre metri che si ritrovano a condividere una vera e propria passione.
Queste sono le sue caratteristiche principali:
Long. 2,70m - Long. hors-tout 4,00 m - Larg. 1,22m,
Tirant d'eau 45cm - Poids : 55kg env., ballast liquide 65 l.
Construction polyester (fibre de verre ou fibre végétale), Insubmersible
Catégorie D de navigation, Conçue pour 2 adultes/180kg
Voilure évolutive : de 1 à 4 voiles, de 3,9 à 11,80 m²
Il suo prezzo si aggira intorno ai 6000 € tutto compreso e sinceramente penso che li valga tutti.

La Gazelle sul suo rimorchio, ideale per la bici. dal sito Gazelle des Sables
C'è da aggiungere che gli interni sono molto rifiniti.

Dal sito Gazelle des Sables
C'è anche un bel video:


Credo che potrebbe essere la barca ideale per essere trasportata in bici, se riuscissi a far rientrare i suoi 2,70 m nella lunghezza totale del treno bici+rimorchio, magari abbinata ad una bici in "formato retrò.


domenica 18 luglio 2010

Man of the River, una barca e un uomo attraverso l'Europa


Ben 5200 chilometri attraverso l'Europa, questo è il progetto di Giacomo "Man of the River" , "Sui fiumi del Vecchio Continente per restituire l’uomo alla natura, la natura all’uomo, l’uomo all’uomo. Per un uomo Nuovo" come dice lui stesso nel suo blog, dal quale ripropongo in estratto parte del suo progetto:

Le cifre. 5.200 chilometri, 6 mesi su una barca a remi, giorno e notte, 1 milione di vogate sul Reno e il Danubio, dalla Manica al Mar Nero; ad aiutarlo – attraverso 15 paesi, da Londra ad Istanbul, passando attraverso Inghilterra, Francia, Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Serbia, Bulgaria, Romania e Turchia – ci sarà solo il vento, una vela. Tutto questo non per una performance sportiva, ma per raccontare un nuovo rapporto con la natura, con l’acqua, con i fiumi.
È l’impresa di Giacomo De Stefano, astigiano ma veneziano d’adozione, 44 anni. Qualcosa di più di un ambientalista, lui si definisce un “viandante del nuovo mondo”. Il miracolo dell’impresa sta scritto alla voce budget: 0 euro. Tutto ruota attorno ad un’ “economia de dono”, della gratuità. Aziende private, amici, partner: lavorano con lui, gli stanno fornendo mezzi e idee; tutti stanno creando le condizioni per rendere possibile un qualcosa che ha dell’eccezionale.
Man on the river. Ad aprile, partirà da Londra, con “Man onthe River”. Sei mesi in barca a remi, farà leva solo sulle sue braccia, le braccia di un uomo: un uomo che racconta un nuovo umanesimo, oltre la tecnica dei motori a mille cavalli.

Invito i lettori a seguirlo nei suoi sogni ed in tutto ciò a cui crede: "Cambiare si può".


giovedì 15 luglio 2010

I luoghi della piccola nautica: Quercianella



Come si legge chiaramente nel sito ufficiale di Quercianella: "I luoghi come Quercianella non si addicono agli irrequieti ....", ed è proprio questo il motivo per cui mi piace, niente caos, poca gente in giro, tanto silenzio e tranquillità, solo vita di vento e di mare. Una termica costante permette di veleggiare sempre con un Maestrale intorno ai 15 nodi ed il porticciolo, frequentabile solo da piccole barche con poco pescaggio, ha un comodo avamporto con ormeggio libero. Se sicuramente è arduo trovare un posto nei periodi di assalto da parte di natanti di ogni specie, nei periodi tra giugno e metà luglio e dopo la prima metà di agosto Quercianella è certamente un "paradiso". Come si vede dalla foto il piccolo Marina ha un comodissimo scivolo per piccole barche, per il resto  niente di niente. Nei dintorni il mare è meraviglioso caratterizzato da scogliere, spiagge sassose ed una flora in cui pini e lecci la fanno da padroni. A questo punto come si suol dire .... "buon vento".

Ed infine un bel video di chi c'è stato con il suo piccolo cabinato, un Leisure 17, una barca veramente carina: 



Queste sono le sue caratteristiche principali:

Fabbricante: Cobramold in England
Materiale: vetroresina
Lunghezza: 5,18 m
Larghezza: 2,13 m
Pescaggio: 0,65 m
Peso: 670 kg

ecco un depliant dell'epoca preso da Leisure 17 KK:




Le Cap Corse di J.J. Herbulot


Per me è indiscutibilmente uno dei barchini carrellabili più belli del mondo. Le Cap Corse è stato progettato nel 1956 da J.-J. Herbulot del quale abbiamo già parlato a proposito del "Mitico Corsaire".

Queste sono le sue caratteristiche principali:
Longueur de la coque: 5,75 m
Longueur à la flottaison: 5,00 m
Bau maximum: 1,90 m
Tirant d’eau: 0,56/1,00 m
Tirant d’air: 8,10 m
Poids lège: 550 kg

Per saperne molto di più potete consultare il sito dell'Associazione dei proprietari del Cap Corse: ASCAPCORSE
Pur essendo stata progettata nel 1956 il Cap Corse, come il Corsaire, conta ancora centinaia di appassionati in tutta la Francia. E' un piccolo cabinato carrellabile semplice da condurre, sicuro e che si trasporta con facilità, cosa non da poco per essere una barca di legno. Gli interni sono progettati per il campeggio nautico con quattro cuccette comode e adatte alle brevi navigazioni.
In Francia si trova a prezzi veramente vantaggiosi che partono dai 3000 Euro. E’ possibile autocostruirselo richiedendo i piani all’Ascapcorse. Questa barca è stata riproposta in maniera esemplare dal Cantiere Navale MV-BOAT di Marc Vuilliomenet .


Questo che si vede nell'immagine successiva è in vendita su Hisse et Oh per soli 3500 €, è meraviglioso, se non avessi già una barca non ci penserei un attimo, correrei in quel di Brest in Bretagna a prendermelo.


mercoledì 14 luglio 2010

Il noleggio dei carrelli porta barche

Ebbene i carrelli porta barca, oltre che acquistati, possono essere anche noleggiati. Trovatomi nella necessità di dover vendere il mio carrello perché sottodimensionato per l'auto che ho, essendo stato il carrello "non frenato", sto valutando la possibilità di noleggiarlo. Potrebbe essere un'idea alternativa all'acquisto visto e considerato che avendo la barca ormeggiata al lago in questo modo non mi dovrei più preoccupare del suo parcheggio, manutenzione, revisione, etc.
Nella rete ho trovato la seguente azienda, la  Macmarine che si trova nella zona di Roma. Nella zona di Venezia è presente Trailer Point.

Questi sono i prezzi di Macmarine:
Carrello portata kg. 750 - n. 1 Asse costo giornaliero € 70,00 + IVA
Carrello portata kg. 900 - n. 1 asse costo giornaliero € 80,00 + IVA
Carrello portata kg. 1300 - n. 1 Asse costo giornaliero € 90,00 +IVA
Carrello portata kg. 2.000/2.800 - n. 2 Assi costo giornaliero € 100,00 +IVA

Documentazione occorrente: documento di riconoscimento, cauzione di € 1.000 da rilasciare al momento del ritiro del carrello.

Unico inconveniente è che il noleggio non è vantaggioso per i lunghi trasferimenti, potrebbe invece esserlo nel caso in cui il trasferimento venga effettuato in una sola giornata.


martedì 13 luglio 2010

Il Tour dal Puntone di Scarlino a Punta Ala

Visualizza Tour Puntone - Punta Ala in una mappa di dimensioni maggiori

Questo Tour è tra i più belli che si possano fare nella nostra meravigliosa Costa Etrusca. Lo propongo in barca, ma può essere fatto anche piedi o in bici lungo una straordinaria pista ciclabile, magari con una piccola barca agganciata ad un trolley. E' un tratto di costa lungo circa 6 miglia nautiche lungo il quale si possono osservare spiagge incontaminate nel cuore della Riserva Naturale delle Bandite di Scarlino, all'interno dell’Area Protetta di Interesse Locale delle Costiere di Scarlino. L'itinerario si svolge dal Puntone di Scarlino dove c'è un buono scivolo per varare la vostra barca e si protrae attraverso Cala Violina, Cala Civette, fino alla lunga spiaggia prima della bella località di Punta Ala. Se si prevede la partenza di buon mattino si può pensare ad arrivare a Punta Ala per pranzo e poi avviarsi al ritorno.

La spiaggia di Cala Violina è  una baia sabbiosa di grande fascino, premiata da Legambiente come una delle spiagge più belle d’Italia. Cala Violina, è racchiusa tra due promontori ed è caratterizzata da una sabbia bianca finissima e da acque particolarmente trasparenti con fondali di rara bellezza.

A Cala Violina, immersi nella macchia troviamo tavoli e panche per il pic nic, ed una spiaggia ampia con un mare limpido e cristallino.

Dimenticavo la barca, per fare questo itinerario non serve un cabinato, può bastare un bello Skipper del Centro Nautico Adriatico, barca versatile, facilmente trasportabile, pesa solo 90 kg, ed è molto spaziosa ed adatta per la famiglia. Notevole il vantaggio che allo Skipper può essere aggiunto tranquillamente un motorino ausiliario da 2CV. Si potrebbe partire in auto da qualunque località del Centro Italia, raggiungere il Puntone di Scarlino di buon mattino e ritornarsene a casa la sera.


Cala Civette è meravigliosa e tra scogliera e spiaggia è la più selvaggia e nascosta del Golfo di Follonica. Questa splendida e affascinante spiaggia è caratterizzata da sabbia chiara e fine, protetta a Nord-Est da un'irta collina ricoperta da fitta macchia mediterranea e sovrastata dalla Torre Civette a cui si deve il nome della baia. Il mare è limpido e popolato da ogni tipo di specie sottomarina. La sua posizione nascosta e selvaggia rende questa zona una delle più esclusive. La spiaggia è libera, senza punti di ristoro e servizi. Il punto di ristoro e servizi più vicino è a Sud presso la spiaggia di Punta Ala.

Infine la Spiaggia di Punta Ala è situata nell'estremità meridionale del golfo di Follonica, nei pressi dell'esclusiva località balneare omonima. Si tratta di una bellissima spiaggia di soffice sabbia chiara  caratterizzata da uno splendido litorale ampio e lungo chilometri, orlato da una fitta pineta. Il mare è molto bello, turchese e azzurro, cristallino e trasparente, con fondali sabbiosi e digradanti, ideale per nuotare e fare il bagno.

Note di rilievo:
Attenzione allo spiaggiamento della barca, come ben sapete la barca deve essere sollevata e portata all'interno dietro l'arenile per alcuni metri.
Attenzione, davanti a Punta Ala nella carta nautica sono segnalati scogli affioranti (dietro indicazione di Marco).


lunedì 12 luglio 2010


Il ritorno del Nettuno

Conoscete tutti la mia predilezione per questa barca la cui storia è legata a quella della Classe Micro con il suo progenitore il Neptune 5.50. Dietro l'insistenza degli appassionati a questa classe il cantiere francese Go Yachting ne ha ricominciato, qualche anno fa, la produzione con un nuovo modello chiamato GO 5.50. Ero quasi arrivato ad acquistarlo usato dall'amico marinaio da carrello Roger ma il trasporto dalla Svizzera ed il costo di un nuovo motore mi avrebbe fatto andare fuori "budget". La sua linea è incredibilmente bella e moderna, sembra un grande yacht di piccole dimensioni, ha una grande pozzetto ed una piccola cabina con quattro cuccette. Sostanzialmente è un day sailer, ma ci si possono fare anche delle piccole crociere. Il suo peso, di poco superiore ai 500 kg, permette un'ottima carrellabilità con un auto di media cilindrata ma anche un'ottima risposta alle brezze leggere. E' una barca sportiva, molto ben curata, con un armo semplice, efficace e di qualità.

Queste sono le sue caratteristiche:
Longueur H.T : 5, 50 m
Longueur flotaison : 5, 25 m
Largeur : 2, 45 m
Hauteur sous barrots : 1, 25 m
Tirant d'eau dérive haute : 0, 30 m
Tirant d'eau dérive basse : 1, 10 m
Tirant d'air hors tout : 8, 80 m
Déplacement lège : 540 kg
Poids du lest : 200 kg
Jauge en douane : 2, 19 Tx
Catégorie Conception Insubmersible : C

Il prezzo della barca pronta a navigare è intorno ai 20000 Euro, non se ne trovano molte nel mercato dell'usato.



Di seguito le impressioni di Roger: Mon Go est un bateau de croisière

domenica 11 luglio 2010

Barche usate, i prezzi colano a picco


E' certamente un buon periodo per chi vuol fare degli ottimi affari, non credo però per il settore nautico che sta raccogliendo ciò che ha seminato, e sull'argomento non vado oltre perché mi sono dilungato abbastanza. Non c'è da stupirsi perché il valore medio di un ottimo usato, di qualunque tipo sia, è solo di circa 5 - 6  volte il costo di mantenimento per un anno. La gallina ingorda strozza!




venerdì 9 luglio 2010

VIKO 20, Deltania 20, barche oneste con armatori consapevoli

Viko 20

Non è facile per me parlare ancora della mia barca, ma mi sento di dover dire qualcosa su questo barchino che, come per tutto il mondo della nautica carrellabile, ha dalla sua parte grandissimi estimatori ma anche feroci detrattori. Alcuni ne sono rimasti delusi, magari perché erano solo dei principianti ed è molto facile che accada, altri perché avevano avuto esperienze con barche completamente diverse, a qualcuno semplicemente non piaceva la sua linea, la sua forma o non credevano nelle sue caratteristiche, che l'abbiano poi acquistata oppure no. Una persona con cui sono stato in contatto per un po' di tempo è andato fino in Croazia a vederla e a provarla, l'ha vista, ci è salito, ci ha veleggiato mezza giornata e poi non l'ha acquistata. E' così che si dovrebbe fare prima di acquistare una barca. Tantissimi altri come me, invece, ne sono felicemente soddisfatti: Yann De CaseneuveKatrina, Beluga, etc.
Una cosa è certa, questa piccola barchetta dal costo poco superiore ai 10000 euro e costruita in Polonia da NAVIKOM si è riappropriata di un mercato, quello dei 20 piedi, dato per morto e sepolto. Chi ha creduto in lei ha avuto un successo enorme ed è stato difficile per molti concorrenti buttare giù il rospo, ma questa non è la cosa importante.
Per prima cosa va considerato che i primi modelli hanno avuto qualche problema, questo accade ed è accaduto anche che le attrezzature di coperta non fossero della migliore qualità. Anche questo può succedere quando si parte con una produzione di serie a basso costo. Oggi non è più così, le attrezzature di coperta fornite da DELTANIA, per esempio, sono di ottima qualità, fabbricate in Germania e garantite con gli stessi prezzi ed un'assistenza tecnica molto superiore.
Il VIKO 20, o il Deltania 20, sono piccole barche progettate solo per il divertimento, non certo per gratificare l'esperienza e l'ego del velista medio, sono molto spaziose all'interno e di facile gestione, a terra e in acqua.

Sunshine 20

Ultima considerazione molto importante è che questa barca non è stata progettata né per venti forti né per il mare grosso. E' l'ideale per venti deboli perché molto leggera, pertanto ha la qualità di muoversi sempre senza scarrocciare fino ai venti moderati e le onde oltre una certa altezza potrebbero causare seri problemi. Con questa barca si esce in condizioni di tempo ottimali e, nelle peggiori condizioni, si ha la possibilità di ridurre all'estremo la tela e di procedere, ovviamente, con discreti rollio e/ o beccheggio, secondo i casi. Di rilievo il fatto che la barca è inaffondabile.
Questo è tutto quello che c'è da dire su questa barca ed è ciò che i suoi distributori dicono, oramai, da anni: "una barca onesta, una barca buona, costruita da marinai per i marinai con un rapporto di fiducia mantenuto nel tempo attraverso il lavoro, l'assistenza e la disponibilità (Doebis Hilmar, GmbH DELTANIA)".



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...